Il giudice e il suo boia: riassunto della trama, personaggi e commento

Di Redazione Studenti.

Il giudice e il suo boia - Der Richter und sein Henker dello scrittore svizzero Friedrich Dürrenmatt. Riassunto, trama, descrizione dei personaggi, modalità narrative e commento.

Il giudice e il suo boia: trama

Il giudice e il suo boia: riassunto
Il giudice e il suo boia: riassunto — Fonte: getty-images

Il romanzo parte dalla morte di Schmied, uno stimato polizziotto che lavora in un commissariato di Berna. L’uomo viene ritrovato senza vita nella sua auto, nei pressi di un piccolo paese, vicino a Bienne: è stato ucciso con un forte colpo alla nuca. Ad indagare sull’omicidio di Schmied sono due poliziotti del medesimo commissariato: il commissario Barlach e Tschanz. L’indagine non viene condotta in maniera lineare, i due colleghi non vanno d’accordo e se ne capiranno i motivi nel corso della storia. Tschanz è molto più aggressivo del commissario nell’affrontare le indagini. Sono frequenti i colpi di scena, a partire dalla comparsa di Grassmann, come possibile colpevole. Egli avrebbe potuto uccidere Schmied, dopo aver scoperto che questo si infiltrava nelle riunioni, assolutamente riservate tra personaggi importanti, che si tenevano nella sua residenza.
La relazione tra Bärlach e Gastmann li porta indietro di 40 anni. Gastmann ricorda al commissario: "Volevo dimostrare che fosse possibile commettere un crimine impossibile da risolvere", il classico delitto perfetto. E Gastmann aveva ragione. Uno dei temi centrali del libro è la domanda, se sia giusto oppure no incolpare qualcuno per un crimine che non ha commesso, quando in realtà ne ha sì commesso uno ma che non è stato mai risolto. Bärlach risponde di sì, aggiungendo che "Non sono mai riuscito a dimostrare che hai commesso tu il primo crimine, allora ti dichiaro colpevole di quest'altro".
Ci si può anche chiedere quando l'uomo si autodetermina, quando influenza gli altri come giudice e quando è invece uno strumento degli altri, ad esempio come boia. Alla fine della vicenda Tschanz dice a Bärlach: "Allora lei era il giudice ed io il boia". E subito dopo si uccide.

Personaggi del romanzo

Dürrenmatt delinea ogni personaggio quel poco che basta a darne un’immagine precisa.

I personaggi principali sono:

  • Schmied: polizziotto che lavora in un commissariato di Berna, ritrovato senza vita nella sua automobile in un paesino nei pressi di Bienne. E' il protagonista “passivo” del romanzo in quanto la storia ruota attorno al mistero della sua morte.
  • Barlach: commissario nello stesso ufficio di Berna di Schmied. Conduce le indagini dell'omicidio del collega. Questo sarà il suo ultimo caso prima della pensione; le sue condizioni di salute non sono buone.
  • Tschanz: collega di Schmied, affianca Barlach nelle indagini. Si tratta di un personaggio più giovane e aggressivo nelle sue tecniche di indagine rispetto al commissario, forse per mascherare la sua colpevolezza.
  • Grassmann: è un uomo molto ricco, nella cui maestosa casa si tenevano incontri tra personaggi importanti che prendevano accordi poco "puliti" di tipo economico. Personaggio molto misterioso, coinvolto in una scommessa con Barlach: Grassmann era riuscito a uccidere un uomo senza lasciare nessun tipo di traccia che facesse risalire l'omicidio a lui. Barlach aveva cercato di dimostrare la sua colpevolezza nel corso di tutta la sua vita e, per farlo, aveva anche mandato Schmied come infiltrato agli incontri che si tenevano a casa di Grassmann.

Tecniche narrative

Il romanzo è caratterizzato da numerose narrazioni e ciascuna di queste appare protagonista del racconto stesso. Questa caratteristica è estremamente funzionale al corso della storia e conferisce un arricchimento espressivo: il libro ha una scrittura ineccepibile.

Commento

Il romanzo di Friedrich Dürrenmatt, sebbene molto corto, ha un grande spessore non solo stilistico ma anche contenutistico: la trama è molto solida, è curiosa l’ambientazione del racconto in Svizzera. La trama è scorrevole e coinvolgente.