Il gatto nero di Edgar Allan Poe: riassunto

Di Redazione Studenti.

Riassunto del racconto Il gatto nero di Edgar Allan Poe. Trama e personaggi del racconto del maestro americano dell'orrore

IL GATTO NERO

Il gatto nero è un racconto di Edgar Allan Poe
Il gatto nero è un racconto di Edgar Allan Poe — Fonte: getty-images

Il gatto nero è un racconto dell'orrore dello scrittore Edgar Allan Poe. Ma di cosa parla esattamente? Vediamone brevemente la trama.

Il protagonista del racconto, che sin da bambino ha avuto una grande passione per gli animali, ha una particolare predilezione per il suo gatto domestico, completamente nero. 

Col trascorrere del tempo il protagonista diventa sempre più aggressivo con i suoi animali, mentre non sviluppa la stessa aggressività verso sua moglie. Un giorno, ubriaco, cattura il suo amato gatto nero e gli cava un occhio. Il protagonista sente fortissimo il rimorso del suo gesto tutta la notte, anche dopo che l'effetto dell'alcool svanisce.

IL GATTO NERO, TRAMA

Probabilmente tutti gli animali notano il cambiamento nel comportamento del protagonista e il gatto, a differenza del passato, inizia ad avitare il padrone appena lo vede. L’odio del protagonista non riesce a calare, ma cresce sempre di più al punto tale da impiccare la povera bestiola all'albero che ha in giardino.

La sera stessa la casa dell'uomo prende fuoco, ed è solo per pura fortuna se il protagonista, la moglie e la domestica riescono a salvarsi. Il giorno seguente sul muro dov'è appoggiata la testata del letto dell'uomo, compare l'immagine del gatto impiccato.

Uno dei tanti giorni in cui l'uomo si trova a bere il suo solito gin e rum, vede su un’enorme botte un gatto uguale a quello che aveva ucciso. Chiede al proprietario dell'animale, senza ottenerlo, di poter portare il gatto con sé, in preda al rimorso. Ma l'uomo si avvicina all'animale, lo accarezza e lui lo segue fino a casa. La moglie se ne prende cura e nota che ha sul petto una grande macchia bianca.

Passati alcuni giorni, la macchia bianca del gatto inizia a cambiare forma, diventando una specie di forca. Un giorno il padrone, che già da tempo odia il gatto, va in cantina con la moglie e si accorge che il gatto lo segue come al solito. Il protagonista prende un'accetta per uccidere il gatto, ma mentre è sul punto di farlo, la moglie ferma la sua mano. L'uomo colpisce quindi la moglie con l'accetta, e la donna cade a terra morta.

Il protagonista mura la moglie in cantina, così da risultare innocente anche quando la polizia inizia a investigare sul delitto. Pieno di sé, l'uomo scaglia un colpo sulla parete per testarne la robustezza di fronte ai poliziotti, e con sua grande sorpresa la parete emette un ululato. Quando i poliziotti rompono la parete, questa rivela sotto i mattoni sia la moglie che il gatto, murato insieme a lei.

Ascolta la puntata del nostro podcast dedicata ad Edgar Allan Poe

Biografia e opere del grande scrittore in un'audio lezione di poco più di 5 minuti:

Ascolta su Spreaker.