Il fu Mattia Pascal, riassunto breve

Di Redazione Studenti.

Il fu Mattia Pascal: Riassunto breve, trama e commento di una delle opere più note e importanti di Luigi Pirandello, scrittore e drammaturgo siciliano

IL FU MATTIA PASCAL, RIASSUNTO BREVE

Il fu Mattia Pascal, riassunto breve
Il fu Mattia Pascal, riassunto breve — Fonte: getty-images

Il fu Mattia Pascal è una delle opere più note e significative di Luigi Pirandello, se non l'opera più significativa in assoluto. Scritto in una fase rilevante sia dal punto di vista storico che personale per la vita dell'autore, il libro tratta una moltitudine di temi che si ritroveranno sia nell'opera dello scrittore siciliano (come Uno, nessuno e centomila), sia di altri suoi contemporanei, come Italo Svevo, ad esempio.

Vediamo quali sono i suoi punti fondamentali attraverso un riassunto breve. Per approfondire altro, puoi dare uno sguardo qui:

IL FU MATTIA PASCAL, TRAMA

Il libro racconta la storia di Mattia Pascal, che vive a Miragno, in Liguria. Mentre si trova nella biblioteca della città, Mattia Pascal decide di raccontare la sua storia.

Il protagonista del romanzo racconta che in precedenza viveva insieme alla madre e al fratello Roberto in condizioni agiate grazie al lavoro del padre, che investì soldi in proprietà. Dalla sua morte, avvenuta quando Mattia aveva quattro anni e mezzo, si erano affidati a Batta Malagna, il quale per pagare i debiti iniziò a venderle, arricchendosi sfruttando l’ignoranza della madre. Mattia Pascal era stato perciò costretto a cercare lavoro trovandolo presso la biblioteca.

L’amico Pomino è innamorato di Romilda Pescatrice, la quale però si innamora di Mattia, che la sposa. Mattia e Romilda vivono insieme alla suocera.

La famiglia e il lavoro rappresentano una trappola per Mattia. Lui e la moglie hanno due gemelle: la prima muore subito  la seconda dopo un anno; poco dopo muore anche la madre, così Mattia decide di andare in America. Si ferma a Montecarlo, dove gioca d’azzardo al casinò per 12 giorni, andandosene con un bottino di 82 mila lire.

Mentre in treno escogita un modo per scappare dalla sua vita, legge il suo necrologio: la moglie e la suocera, credendolo morto, lo avevano riconosciuto in un cadavere ritrovato in quei giorni. Mattia decide di iniziare una nuova vita e sentendo due signori discutere sull’iconografia cristiana, ricava il nuovo nome: Adriano Meis.

Adriano getta la fede e si inventa un nuovo passato. Decide di operarsi l’occhio strabico, di tagliare barba e capelli e da Milano si trasferisce a Roma. Qui vive in affitto in una camera ammobiliata. Stinge amicizia con l’affittuario, la figlia Adriana e l’altra donna in affitto. Presto si accorge che non avere un passato lo costringe alle bugie: molto iniziano a fargli domande personali, alle quali lui risponde con storie inventate.

Adriano continua a ripetere di essere libero, ma molto spesso il ricordo va alla famiglia. Si innamora di Adriana e durante una seduta spiritica la bacia. La vuole sposare ma non può perché Adriano Meis non esiste e sapendo di essere vivo per la morte ma morto per la vita, decide di fingere un suicidio. Lascia vicino al ponte un biglietto d’addio e torna al suo paese. Qui trova la moglie sposata con Pomino con una figlia. Decide di non riprenderla in moglie ma di lasciarla all’amico, fa due giri intorno al villaggio ma nessuno se ne accorge e si dirige verso la biblioteca. Ogni tanto va al cimitero, dove lascia dei fiori per leggere la sua epigrafe.

IL FU MATTIA PASCAL, TEMI

Ecco i motivi fondamentali del libro per Pirandello:

  1. trappola delle istituzioni sociali e familiari: la famiglia e il lavoro come trappola e frustrazione
  2. La maschera che è ciascuna forma fittizia o reale che noi assumiamo. La maschera nasconde i diversi stati psicologici e nasconde la vera identità che però non esiste (identità solida, sicura, vera).
  3. Milano critica la società delle macchine (1904 inizio industrializzazione)
  4. La vicenda viene rievocata sia come protagonista sia come narratore: il punto di vista soggettivo del narratore è quello del protagonista stesso (sdoppiamento).
  5. Procedimento dell'ironia antifrastica: dire il contrario di quello che si vuole comunicare (Parini nel Giorno)

IL FU MATTIA PASCAL VIDEO