I 7 principali personaggi del Medioevo

Di Redazione Studenti.

I sette personaggi del Medioevo: un breve excursus sui protagonisti più famosi di quest'epoca storica. Ecco chi erano e cosa hanno fatto

Introduzione

Il Medioevo è una delle quattro età storiche (antica, medievale, moderna e contemporanea) e comprende il periodo che va dal V al XV secolo: dalla caduta dell'Impero romano d'Occidente alla scoperta dell'America.

È diviso in Alto e Basso Medioevo, il primo periodo comprende i primi cinque secoli e vede protagonista la povertà e dei secoli bui di invasioni e precarietà; il secondo riguarda i secoli restanti, con una speranzosa ricrescita commerciale e la nascita del feudalesimo.

Il Medioevo fece emergere, nei suoi periodi migliori e peggiori, dei grandi personaggi storici che vale la pena conoscere e ricordare, andiamo a scoprire chi sono i 7 principali.

Guglielmo il Conquistatore

Guglielmo il Conquistatore
Guglielmo il Conquistatore — Fonte: getty-images

Guglielmo I, detto il Conquistatore, fu Re d'Inghilterra dal 1066 fino agli anni della sua morte. Fu protagonista e condottiero di numerose e sanguinose battaglie in cui si distingueva sempre per le sue strategie di pensiero e per le sue abilità di combattente.

Una delle battaglie più conosciute fu quella di Hastings, in cui il Conquistatore con coraggio e astuzia portò alla vittoria i Normanni e conquistò la Gran Bretagna a discapito dei Sassoni.

Papa Urbano II

Papa Urbano II nacque nel 1040 in Francia col nome di Ottone, e venne eletto Papa nel marzo 1088, salì al ruolo di pontefice con l'idea di portare avanti le riforme di Papa Gregorio VII, che lo precedette. N

on trovando, però, una così grande approvazione, fu costretto ad appoggiarsi ai Normanni, e con l'idea di voler riunire la Chiesa, proclamò l'inizio della Prima Crociata con lo scopo di liberare tutti i luoghi sacri.

La Crociata andò a buon fine e portò alla liberazione di Gerusalemme, anche se Papa Urbano II non ebbe la possibilità di esserne orgoglioso in quanto morì pochi giorni dopo.

El Cid

Rodrigo Diaz de Vivar, meglio ricordato come El Cid, fu il grande condottiero che guidò la Spagna alla Reconquista e diventò nel 1093 Signore di Valencia, difendendola dagli attacchi stranieri e dalle invasioni.

Era stato capace di conquistarsi la benevolenza di tutti i suoi seguaci, cristiani e non. Morì nel 1099 e da allora venne ricordato come il condottiero invincibile.

Riccardo Cuor di Leone

Riccardo Cuor di Leone, figlio di Enrico II d'Inghilterra e di Eleonora d'Aquitania, nacque ad Oxford nel 1157. Divenne sovrano alla morte del padre nel 1189. Descritto come un uomo coraggioso ma crudele, Riccardo fu senza dubbio un grande esempio di valoroso cavaliere e prese parte alla Terza Crociata.

Ebbe una vita complicata a causa del pessimo rapporto che aveva con il padre e i suoi fratelli, coi quali ebbe dei veri e propri scontri, ma anche quando suo fratello rubò la sovranità d'Inghilterra lasciando il popolo in povertà mentre Riccardo era stato rapito, il Re riuscì comunque a salvare il suo popolo. Morì nel 1199.

Enrico Dandolo

Conosciuto ancora oggi come il Doge di Venezia. Fu dapprima ambasciatore di Sicilia e dopo ambasciatore del Regno bizantino. Poi nel 1192, a ottantacinque anni, venne eletto Doge a Venezia. Era anziano e cieco e non suscitava grandi speranze, ma a sorpresa di tutti, proclamò ai veneziani che avrebbe sorretto e protetto il loro territorio e fece uscire fuori il coraggio dando il suo appoggio alla Quarta Crociata e dedicandosi completamente al benestare del suo popolo.

Federico II di Svevia

Federico II di Svevia nacque nel territorio del ducato di Spoleto nel 1194. Figlio del re e imperatore Enrico VI, nel 1212 venne incoronato Re di Germania e si impegnò ad intraprendere una Crociata in Terra Santa.

Nel 1215 diventò Re di Germania e dei Romani. Lasciò alla Chiesa tutti i suoi possedimenti e morì nel 1250 a Torremaggiore a causa di una grave dissenteria.

Matilde di Canossa

Matilde di Canossa
Matilde di Canossa — Fonte: getty-images

Poche donne hanno avuto nella storia l'importanza che ebbe Matilde di Canossa. In un periodo in cui le donne erano a mala pena considerate, Matilde riuscì per quarant'anni a governare buona parte dell'Italia Settentrionale e Centrale.

Fece un solido patto d'alleanza con i vassalli facenti parte delle sue terre e fece costruire per tutti i confini dei suoi possedimenti numerosissimi castelli e fortificazioni. Il governo di Matilde fu come pochi solido, brillante e pieno di nuove riforme e la giovane mostrò a tutti di avere una naturale attitudine al comando con la benevolenza e l'ammirazione di tutti i suoi sudditi.

Altri contenuti sul Medioevo

Ascolta il podcast sul Medioevo

Ascolta su Spreaker.