Hanukkah: significato, storia e durata della festa ebraica

Hanukkah: storia, origine e significato della Festa delle luci. Come e quando si celebra questa importante festività ebraica.

Hanukkah: significato, storia e durata della festa ebraica
getty-images

Hanukkah: significato e cosa si festeggia

Hanukkah, storia e significato della festività ebraica
Fonte: getty-images

Hanukkah, anche conosciuta come la Festa delle luci o Festa dei lumi, è una festività ebraica. In ebraico la parola Hanukkah (o Chanukkah) significa «inaugurazione», infatti, questa festività, istituita nel 164 a.C., commemora la riconsacrazione e la purificazione del Tempio di Gerusalemme dopo la vittoria degli Ebrei guidati da Giuda Maccabeo contro i Seleucidi.

Hanukkah: storia e origini

La festa di Hanukkah ha le sue radici nella storia ebraica del II secolo a.C. Durante quel periodo, la Giudea era sotto il dominio del regno seleucide, guidato dal re Antioco Epifane, che impose la cultura greca anche agli ebrei. Le pratiche religiose ebraiche vennero vietate e il Tempio di Gerusalemme fu profanato.

Giuda Maccabeo guidò la rivolta per la riconquista il Tempio di Gerusalemme. Successivamente, il Tempio venne purificato e riconsacrato con una piccola quantità di olio sacro. L’olio, sufficiente ad alimentare la menorah (il candelabro del Tempio) per un solo giorno, miracolosamente bruciò per otto giorni, il tempo necessario per preparare il nuovo olio. Questo evento è commemorato con l'accensione di una candela aggiuntiva sulla menorah per ogni notte di Hanukkah, fino a quando tutte e otto le candele sono accese alla fine della festa.

Hanukkah: quando si festeggia

Hanukkah si festeggia per otto giorni, inizia nel mese ebraico di Kislev e finisce nel mese di Tevet. Tuttavia, poiché il calendario ebraico è un calendario lunisolare, le date di Hanukkah nel calendario gregoriano (il calendario solare) possono variare ogni anno. Solitamente, Hanukkah cade tra la fine di novembre e la fine di dicembre.

Hanukkah: come si festeggia

La festa dei lumi o Hanukkah è una festa ricca di tradizioni e celebrazioni. Ecco alcune delle principali pratiche associate alla festa:

  • Accensione della menorah: La menorah è un candelabro a nove bracci, composto da otto bracci per le candele e uno centrale. Ogni sera durante Hanukkah, una candela aggiuntiva viene accesa, fino a raggiungere otto candele alla fine della festa.
  • Canti e preghiere: Durante l'accensione delle candele, vengono recitate preghiere specifiche. Inoltre, ci sono canti tradizionali associati a Hanukkah che vengono intonati durante le celebrazioni.
  • Gioco del dreidel: Il dreidel è un piccolo trottola con quattro facce, ciascuna contrassegnata da una lettera ebraica. Il gioco coinvolge scommesse con noccioline o cioccolatini e aggiunge un elemento di divertimento alle celebrazioni.
  • Piatti tipici: Durante Hanukkah, è tradizione cucinare cibi fritti per commemorare il miracolo dell'olio nel Tempio. Tra i piatti più comuni ci sono le latkes, delle frittelle di patate, e i sufganiyot, che sono dolci fritti simili a ciambelle, spesso riempiti di marmellata o crema.
  • Scambio di regali: In alcune famiglie, specialmente quelle influenzate dalla cultura occidentale, c'è l'usanza di scambiarsi regali durante Hanukkah. Questa tradizione è diventata più diffusa come risposta alla vicinanza temporale della festa rispetto a Natale.
  • Attività familiari: Hanukkah è un momento per la riunione familiare e la condivisione di momenti speciali. Le famiglie spesso si riuniscono per le cene, le accensioni delle candele, i giochi e altre attività che creano un ambiente di gioia e celebrazione.

Queste pratiche possono variare leggermente da famiglia a famiglia e da comunità a comunità, ma nel complesso rappresentano le principali tradizioni di questa festività.

Un consiglio in più