Guerra fredda: le 10 cose che devi sapere per superare l'interrogazione

10 cose da sapere sulla Guerra fredda per superare un compito o un'interrogazione. Spunti di approfondimento testuali, audio e video

Guerra fredda: le 10 cose che devi sapere per superare l'interrogazione
getty-images

Guerra fredda

Una coppia affacciata in cima al muro che divideva Berlino Est da Berlino Ovest
Fonte: getty-images

La guerra fredda è un tema che non sempre si ha il tempo di trattare in modo approfondito a scuola: ecco perché avere uno specchietto delle principali domande e risposte sul tema può essere utilissimo a fare chiarezza sugli eventi più importanti, e a inquadrarli in un contesto storico particolare.

Le due superpotenze contrapposte dal punto di vista politico ed economico hanno infatti monopolizzato il dibattito mondiale dagli anni '60 alla fine degli anni '80: un lasso di tempo lunghissimo, durante il quale si sono succeduti conflitti, scoperte scientifiche, mantenimento di delicati equilibri sociali e politici. Vediamo quindi quali sono le 10 cose da tenere a mente sulla guerra fredda.

10 cose da sapere sulla Guerra fredda

Ecco le 10 cose più importanti da ricordare sulla Guerra fredda:

  • Il termine Guerra fredda (cold war) viene utilizzato per la prima volta nel 1945 da George Orwell, che in un articolo del 1945 prevedeva che ci sarebbe stato uno stallo nucleare tra due o tre super-stati, ciascuno dei quali in possesso di un'arma letale. Negli Stati Uniti, il termine venne utilizzato per la prima volta nel 1947.
  • La Guerra fredda si fa storicamente iniziare subito dopo la conclusione della Seconda guerra mondiale: è in questo momento che la situazione geopolitica vede uno stallo tra Stati Uniti e Unione sovietica. La fine della Guerra fredda coincide, secondo qualcuno, con la morte di Stalin nel 1953. Ma il punto di vista generale è che non possa dirsi davvero conclusa prima della dissoluzione dell'Unione sovietica nel 1991.
  • Le due superpotenze coinvolte nella Guerra Fredda sono, come detto in precedenza, Stati Uniti e Unone sovietica, alleate in guerra ma contrapposte non appena la Germania, nemico comune, viene sconfitta. Il primo motivo di scontro fra le due arriva quando nel 1946 Turchia e URSS entrano in conflitto per il controllo dello stretto dei Dardanelli e gli USA appoggiano la prima seguendo la Dottrina Truman, ovvero l'appoggio ai paesi appoggiati a "forze autoritarie" e "regimi totalitari". Nel frattempo iniziano a crearsi governi di stampo comunista in tutti i paesi vicini all'Unione sovietica: è qui che gli USA si pongono come argine all'espansione del comunismo in Europa e nel resto del mondo. Quando viene attivato il Piano Marshall, con cui gli USA aiutano economicamente l'Europa dopo la guerra, l'URSS teme un'espansione eccessiva nella sua area di influenza geopolitica, e risponde con l’istituzione nel 1947 dell’Ufficio d’informazione dei partiti comunisti, meglio conosciuto come Cominform, un tentativo di coordinare i partiti comunisti europei a distanza di quattro anni dallo scioglimento della Terza Internazionale. Inizia ufficialmente la Guerra fredda.
  • Sia Stati Uniti che Unione sovietica misero a disposizione un'ingente quantità di risorse perla cosiddetta corsa allo spazio. Il primo successo lo ottenne l'URSS, che il 4 ottobre 1957 mandò in orbita  il primo satellite artificiale, lo Sputnik: gli americani arrivarono solo nel gennaio 1958 con l'Explorer. Ma non solo: il primo uomo nello spazio non fu americano, ma sovietico: Yuri Gagarin il 12 aprile 1961 girò per due ore attorno alla Terra a bordo della navicella Vostok.
    Nel 1958 nel frattempo era nata la NASA, che raccolse ingenti finanziamenti per arrivare a un obiettivo ancora più ambizioso: portare allo sbarco del primo uomo sulla Luna. E così fu: il 21 luglio 1969 Neil Armstrong ed Edwin E. Aldrin scesero dall'Apollo 11 mettendo piede per la prima volta sulla Luna.
  • La città che più di ogni altra è diventata simbolo della Guerra fredda è Berlino. Alla fine della Seconda guerra mondiale, la Germania era stata divisa in quattro zone di occupazione (americana, francese, inglese, sovietica) in seguito alle conferenze di Yalta e Potsdam del 1945. Due anni dopo, Stati Uniti e Gran Bretagna iniziarono a liberalizzare l’economia nelle zone della Germania sotto il proprio controllo. L'URSS temé un'espansione nelle proprie zone di influenza e nel 1948 i sovietici rispose con il blocco di Berlino: la città si trovava nella zona sovietica, ma essendo stata la capitale della Germania, era stata divisa a sua volta in quattro zone. Gli accessi alla città vennero chiusi dall’Unione Sovietica, bloccando in questo modo i rifornimenti da fuori, nel tentativo di spingere le potenze occidentali ad abbandonare Berlino ovest, la parte controllata da loro.
    Fu allora che gli americani riuscirono ad organizzare un ‘ponte aereo per rifornire la città. Nel maggio del ’49 le tre zone della Germania divise tra Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti si unirono nella Repubblica federale tedesca. I sovietici risposero con la nascita della Repubblica democratica tedesca (DDR).
    Tra il 1949 ed il 1961 circa 2 milioni e mezzo di tedeschi della Germania est emigrarononiziarono nella notte tra l’11 ed il 12 agosto del 1961.Fu così che i sovietici iniziarono la costruzione di un muro che dividesse le due zone di influenza nella notte tra l’11 ed il 12 agosto del 1961. Il 13 agosto le frontiere tra le due Germanie vennero ufficialmente chiuse.
  • Il Patto Atlantico, firmato a Washington nell’aprile del 1949, è un patto difensivo tra i principali paesi dedell'Europa occidentale. Il Patto di Varsavia è invece un’alleanza politico-militare che rafforzava il controllo dell’URSS sui paesi satelliti, prevedendo un’integrazione militare, consultazioni politiche, e un impegno concreto nella difesa reciproca.
  • Gli anni che seguirono videro da un lato l'URSS soffocare movimenti rivoluzionari contrari alla dominazione sovietica (esempi in Ungheria, Cecoslovacchia e Afghanistan), e dall'altro gli Stati Uniti appoggiare apertamente dittature militari in nome della difesa di un “mondo libero” dal comunismo (esempi in Sudamerica, a Cuba, in Vietnam).
  • Uno dei momenti più difficili intern alla Guerra fredda è la Crisi del missili di Cuba. nel 1962 i sovietici installarono a Cuba, in segreto, dei mssili in grado di colpire gli Stati Uniti. Quando gli americani lo scoprirono, la tensione internazionale crebbe in modo evidente, fino al blocco navale imposto a Cuba dal presidente americano John Fitzgerald Kennedy e alla successiva tensione militare, per cui le due potenze puntarono missili ciascuna in direzione dell'altra. Si arrivò sull'orlo di un conflitto nucleare, fino alla stipula nel 1963 del Trattato sulla messa al bando parziale dei test nucleari (Partial Test Ban Treaty).
  • Il 9 novembre 1989 avviene l'episodio più importante della Guerra fredda: la Caduta del muro di Berlino. Nel 1990 venne stipulato un trattato sull’unione monetaria economica e sociale tra Germania Est e Germania Ovest, e il 3 ottobre del 1990 si ebbe finalmente la riunificazione tedesca. Nel 1991 l'Unione sovietica si dissolse definitivamente e vennero fuori 15 nazioni indipendenti, tra cui una Russia, il cui nuovo leader, eletto democraticamente, era un anticomunista.
  • La Guerra fredda può dichiararsi finita, ma secondo alcuni oggi sarebbe in atto una nuova guerra fredda tra Cina e USA. La corsa allo spazio avrebbe ceduto il posto a quella per le Terre rare, indispensabili per la costruzione di nuove tecnologie. La tensione politica, sociale ed economica tra i due paesi è crescente.

Ascolta l'audio lezione sulla Guerra fredda

Ascolta su Spreaker.

Guerra fredda: approfondimenti

Leggi anche:

Approfondimenti podcast

Approfondimenti video

Un aiuto extra per il tuo studio

Approfondisci il tema della Guerra fredda:

-5% La guerra fredda
€ 11,40
€ 12,00 da  Amazon

Contenuto sponsorizzato: Studenti.it presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Studenti.it potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificare disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati

Un consiglio in più