Green pass per docenti e studenti: come si comporta l'Europa

Di Redazione Studenti.

Mentre continua la polemica sul green pass a scuola, in Europa si prendono misure diverse per docenti e studenti. Ecco quali

GREEN PASS PER DOCENTI E STUDENTI

Green pass per docenti e studenti: come si sta comportando il resto d'Europa?
Green pass per docenti e studenti: come si sta comportando il resto d'Europa? — Fonte: getty-images

Mentre in Italia proseguono le polemiche sul green pass per il personale scolastico in previsione del rientro a scuola, si inizia a dare uno sguardo Oltralpe per vedere come si stia comportando il resto d'Europa. 

Pagella politica riporta in un articolo le norme applicate nei principali paesi europei, e conclude: l'Italia è tra i più severi nell'Ue.

Vediamo le norme nel dettaglio.

GREEN PASS A SCUOLA IN EUROPA

In Italia il green pass è obbligatorio per i docenti ma non per gli studenti. Il decreto-legge n. 111 del 6 agosto 2021 stabilisce che la mancata esibizione del green pass all'entrata a scuola comporti per i docenti un'assenza ingiustificata. Al quinto giorno di assenza, subentra la supplenza e la sospensione della retribuzione.

In Francia il pass sanitaire introdotto per locali pubblici, fiere, mezzi di trasporto a lunga percorrenza, non è invece richiesto per l'accesso a scuola né a studenti né a docenti. La certificazione è richiesta solo per i maggiorenni, ma a partire dal 30 settembre diventerá obbligatoria anche per i ragazzi tra i 12 e i 17 anni. 

Ben diverso è il caso della Spagna, che ha rifiutato il Pasaporte Covid. Alcune regioni a grande afflusso turistico ne avevano richiesto l'introduzione per locali pubblici e discoteche, ma i tribunali hanno bocciato la decisione. Per la scuola non è ancora stato deciso nulla nel dettaglio, ma fonti locali riportate da Pagella politica sostengono che non sarà introdotto alcun obbligo, motivandolo col fatto che quasi tutti i docenti hanno provveduto spontaneamente alla vaccinazione.

In Germania a livello nazionale non c'è obbligo, ma i 16 länder - stati federali - che compongono il paese possono prendere decisioni autonome. A Berlino a partire dal 30 agosto 2021 si sottoporranno a due tamponi a settimana. La stessa misura è stata adottata nelle regioni di Schleswig-Holstein, in Saarland, nella Sassonia-Anhalt o in Brandeburgo. In altri casi le regioni autonome hanno deciso di lasciare libero l'utilizzo di kit eseguibili in autonomia. Questo tipo di test in Italia non è valido per ottenere la certificazione.

Nel Regno Unito i test sono volontari.

In Grecia gli insegnanti senza green pass dovranno presentare due tamponi negativi a settimana, a loro spese. Lo stesso vale per gli studenti, per i quali però il test è gratuito.

I Paesi Bassi mettono a disposizione un test due volte a settimana in forma volontaria e precauzionale.

Danimarca ed Irlanda non richiedono ai docenti alcuna certificazione.

Estonia e Portogallo si stanno attivando per richiedere test frequenti in alternativa alla vaccinazione.