Il gotico: storia, caratteri, principali opere architettoniche

Di Redazione Studenti.

Storia, caratteristiche, descrizione e spiegazione del Gotico in Italia e in Francia e delle principali cattedrali gotiche.

IL GOTICO

Un esempo di cattedrale in stile gotico inglese
Un esempo di cattedrale in stile gotico inglese — Fonte: getty-images

La parola gotico è di origine rinascimentale e significa letteralmente barbaro. Con questo termine si intende descrivere l’arte dell’occidente europeo tra il XII e XIV sec.

Storicamente il gotico coincide con la nascita delle monarchie nazionali. Accanto a queste esistono organismi autonomi come i monasteri. Il gotico è l’arte dei monarchi e della borghesia ricca.

L’arte gotica si sviluppa in diverse forme artistiche: dalla scultura, alla pittura, dall’arredamento alle miniature.

CARATTERISTICHE DEL GOTICO FRANCESE

Il gotico nasce nella regione di Parigi, l’Ile de france.

L’abate Sauger è una figura molto importante per la nascita di questo genere artistico. Si attribuisce a lui, infatti, la costruzione della prima cattedrale gotica, Saint-Denis. Sauger intende l’architettura come mezzo per arrivare a dio: più l’edificio è maestoso, più è degno di riconoscimento.

Viene giustificato quindi l’eccessivo lusso delle decorazioni, sia delle sculture che delle vetrate. Una delle caratteristiche peculiari del gotico è il verticalismo visto come passaggio dal terreno al divino. La facciata è serrata tra due alte torri. Gi archi rampanti circondano il corpo della chiesa e servono ad allargare la base d’appoggio e scaricare il peso della struttura.

Con il tempo questi diventano anche elementi decorativi. Anche i pinnacoli e i contrafforti hanno sia una finalità decorativa sia una funzionale. Le forme vengono ampliate, tanto che lo spazio dà al federe un senso di smarrimento.

La luce rappresenta uno degli elementi fondamentali dell’arte gotica ed è simbolo della trascendenza divina. Le vetrate, infatti, sono immense e colorate, attraverso esse entra una luce ampia e calda. I colori principali sono il blu, il giallo, il rosso e il verde, ma questi colori a volte si fondono fra loro dando luogo a un’infinita varietà cromatica.

Le scene indicano i temi della Sacra Scrittura danno la possibilità anche ai fedeli analfabeti di capire la bibbia. Tutte le cattedrali sono rivolte verso est, verso la luce.

ABBAZIE CISTERCENSI IN ITALIA

La diffusione del gotico in Europa si deve soprattutto ai monaci cistercensi che provenivano dalla zona della Borgogna. Il nome di questi monaci deriva da un tipo di rosa selvatica.

I monaci cistercensi si specializzano nella bonifica dei territori e vengono chiamati nelle varie corti d’Europa proprio occuparsi di questo. Nelle zone paludose costruiscono abbazie che però non sono ricche come quelle dell’Ile de france, scegliendo invece di mantenere uno stile rigido e semplice.

NOTRE DAME, PARIGI

La cattedrale di Parigi è uno dei monumenti gotici più famosi del mondo. Nel corso degli anni ha subito danni gravissimi durante gli incendi della rivoluzione francese. La una pianta a croce latina, e sulla facciata la “galleria dei re di giuda e di Israele”, interamente rifatta nel secolo scorso perché abbattuta dai rivoluzionari che credevano contenesse i re di Francia.

Sul portale si trova la raffigurazione del giudizio universale. I morti vengono giudicati da Gesù mentre gli angeli supplicano di salvare le anime. C'è anche la galleria delle chimere, note come gargouilles, che dal punto di vista architettonico hanno la funzione di doccioni.

L’interno è a cinque navate. Gli archi rampanti circondano la cattedrale, tra le più vaste di Francia. Il rosone, nell’iconografia cristiana, indica la coppa che raccolse il sangue di gesù. Al centro troviamo Maria e Gesù e intorno, nei medaglioni profeti e re dell’antico testamento ed è caratterizzato dal colore viola.  

CATTEDRALE DI CHARTRES

È una delle più importanti CATTEDRALI della Francia. Il rosone, insieme ai soggetti sacri, rappresenta temi cavallereschi, mercanti e i lavori dei mesi (che simboleggiano il trascorrere della vita).

La cattedrale era stata costruita non solo grazie al contributo dei sovrani ma anche di tanti lavoratori.

CATTEDRALE DI SAN PIETRO A COLONIA

È una delle principali cattedrali gotiche e si trova a Colonia, in Germania. Venne iniziata nel 1200, ma i lavori procedettero con molta lentezza: furono dapprima fermati nel 1500 per poi essere ripresi nel 1800.

L’edificio sorge su un piccolo rialzo, dove si trovava anticamente un tempio romano dedicato a Mercurio.

La facciata è stretta tra due torri ed ha cinque navate. Le statue sono di imitazione gotica.

ABBAZIA DI FOSSANOVA

È un’abbazia cistercense che si trova nel Lazio meridionale, e si ritiene che sia il più antico edificio gotico italiano.

È privo di archi rampanti e grandi vetrate, per mantenere uno stile rigido e semplice ma mantiene il verticalismo simbolo di passaggio da terreno a divino, anche se in modo meno “eccessivo” rispetto alle altre cattedrali gotiche in Europa.

Sembra che sia stato trovato un compromesso tra il romanico e il gotico. L’abbazia sorge come luogo di riposo per i pellegrini che si recano in visita ai santuari, lungo le grandi vie di comunicazione come la Via Appia. All’interno dell’abbazia si trovano il refettorio, il dormitorio, la sala capitolare e la foresteria, dove venivano ospitati i pellegrini.

DUOMO DI ORVIETO

La costruzione del Duomo di Orvieto è stata voluta da papa Niccolò IV e i lavori procedettero con molta lentezza.

La struttura della chiesa è in stile romanico, mentre la facciata è stata realizzata da Lorenzo Maitani, impreziosita da splendidi mosaici e sculture e al cui centro si trova un magnifico rosone.

Si trovano nell'architettura archi a tutto sesto e i quattro pilastri che la inquadrano. Mentre sulla facciata possiamo vedere il marmo che nei vari momenti della giornata prende intonazioni diverse, sulla fiancata dell’edificio c’e una zebratura orizzontale.

L'interno, diviso in tre navate, appare semplice ed elegante.

BASILICA DI SAN FRANCESCO D'ASSISI

Non è noto l’architetto, ma si pensa che siano state due persone diverse a realizzare la basilica superiore e quella inferiore.

Il papa in persona Gregorio IX venne ad Assisi per benedire la chiesa dove si trovano le reliquie di san Francesco che si trovano nella basilica inferiore.

Questo ha una valenza simbolica: il santo sostiene l’edificio. La basilica si trova su un colle ed è perfettamente inserita nell’ambiente, dove nei fatti si trovano due edifici: la cripta è bassa per sostenere il peso dell’edificio e buia mentre la parte superiore è illuminata dalla luce calda che entra dalle grandi finestre.

Sulle pareti possiamo ammirare gli affreschi realizzati da Giotto che mostrano la vita del santo. Le storie sono ambientate nel mondo medievale e devono essere “lette” da destra verso sinistra. Diventa così una sorta di bibbia per i poveri. L'unico inserto gotico è il rosone sulla facciata.