Giurista d’Impresa: cos'è, di cosa si occupa, come diventarlo e quanto guadagna

Siete curiosi di sapere cos'è un giurista d'impresa? Scopriamo insieme di cosa di occupa questo professionista e qual è il percorso di studi da intraprendere.

Giurista d’Impresa: cos'è, di cosa si occupa, come diventarlo e quanto guadagna
getty-images

Nuove professioni: il giurista d'impresa

Fonte: getty-images

Siete degli studenti che stanno per terminare gli studi di scuola secondaria di secondo grado? Oppure magari siete dei professionisti che hanno intenzione di cambiare lavoro e settore e crearsi, di conseguenza, un futuro con una nuova carriera? In entrambi i casi, molto probabilmente sarete alla ricerca di informazioni su ciò che potete fare con le conoscenze che avete già acquisito, su quello che vi incuriosisce, ma anche sulle nuove professioni che sono nate negli ultimi tempi e di cui c’è e ci sarà grande richiesta. Il settore del lavoro si è evoluto molto negli ultimi tempi, grazie allo sviluppo delle tecnologie. Sono nati nuovi ambiti, sono sorte nuove necessità e, di conseguenza, si sono delineati nuovi ruoli con competenze specifiche che hanno trovato spazio tra i mestieri che già conoscevamo. Tra questi, probabilmente, avrete letto del giurista d’impresa. Non sapete esattamente di cosa di tratta e volete saperne di più? Ecco che nei prossimi paragrafi troverete le informazioni utili che state cercando per avere le idee chiare su questa nuova professione. In breve, capirete se è un’opzione che potrete considerare e se vi interessano l’ambito e le competenze, consapevoli del fatto che si tratta di uno dei lavori che avranno più spazio in futuro, in particolare nel contesto delle grandi aziende.

Cos'è il giurista d'impresa?

Il giurista d’impresa è un professionista che lavora nell’ambito delle consulenze alle aziende nel settore giuridico. Questa figura opera affinché le aziende abbiano chiare le politiche che devono adottare, analizzando gli aspetti commerciali, ma anche legali e dei tributi, oltre che contrattuali. Il lavoro consiste nella tutela degli interessi giuridici dell’impresa per cui lavora.

  • Si inizia con un’analisi approfondita e, in base alle conclusioni, fornisce indicazioni per limitare i rischi a livello legale assicurandosi che l’azienda segua le norme e le leggi dell’ambito in cui opera.
  • Successivamente, il giurista opera per individuare eventuali aspetti legali attraverso cui il datore di lavoro può trarre dei vantaggi, collaborando all’identificazione dei processi di gestione e decisionali più consoni e utili.

Quali studi servono per diventare giurista d'impresa?

Ora che avrete le idee un po’ più chiare su questa nuova professione, vi starete sicuramente chiedendo come fare per ricoprire questo ruolo e quali studi è necessario intraprendere. Prima di tutto, parliamo un po’ delle competenze necessarie per svolgere i compiti legati a questa importante figura professionale. Tra le conoscenze generali utili per il giurista d’impresa ci sono:

  • economia aziendale;
  • capacità di gestione del personale;
  • sistemi di retribuzione;
  • finanza delle aziende;
  • fondamenti di normativa tributaria e fiscale;
  • sistemi di organizzazione del lavoro.

Conoscenze necessarie

Se vogliamo entrare più nello specifico, allora questa figura deve avere conoscenze sulle normative di tutela della privacy e vari tipi di diritto:

  • del lavoro;
  • amministrativo;
  • internazionale;
  • societario;
  • privato commerciale;
  • civile;
  • dei contratti;
  • penale;
  • tributario;
  • dell’economia;
  • sindacale.

Se state pensando di diventare giuristi d’impresa dovete sapere che potrete scegliere tra una laurea in amministrazione e gestione delle aziende, giurisprudenza o economia e commercio, per poi aggiungere un master improntato su questo ruolo o sul diritto d’impresa.

Università Telematica Pegaso

Unipegaso logo

Con UniPegaso, l'Università Digitale più scelta in Italia, risparmi fino al 50% sulla retta annuale senza costi aggiuntivi per il materiale didattico.

  • Scienze dell'Educazione e della Formazione Laurea Triennale
  • Scienze Motorie Laurea Triennale
  • Economia Aziendale Laurea Triennale
  • Scienze e Tecniche Psicologiche Laurea Triennale
  • Scienze Pedagogiche Laurea Magistrale
  • Giurisprudenza Laurea Magistrale

Chi ha una laurea in giurisprudenza può iscriversi all’Associazione Italiana Giuristi d’Impresa (AIGI), ma è necessario aver svolto un minimo di un anno come giurista d’impresa dipendente.

Di cosa si occupa il giurista d'impresa?

Dopo una panoramica su questo ruolo e gli studi che sono necessari per intraprendere questa carriera, andiamo a valutare più nello specifico ciò di cui si occupa il giurista d’impresa. Questa nuova professione abbraccia le competenze e i compiti di un avvocato e di un manager allo stesso tempo. Per quanto riguarda l’inquadramento contrattuale si tratta di un dipendente a tutti gli effetti, che può, di conseguenza, lavorare part-time o full-time con contratto a tempo determinato o indeterminato. Le task possono variare in base al tipo di settore in cui opera l’azienda che ha assunto il giurista d’impresa che, in generale, si occupa di:

  • recupero crediti;
  • sicurezza e privacy;
  • tutela della proprietà aziendale e del marchio;
  • diritto finanziario e societario;
  • gestione di gare d’appalto;
  • decisioni legali e finanziare e bilancio.

L'importanza dell'inglese

Inoltre, è utile la conoscenza dell’inglese a un livello professionale e avere anche capacità di negoziare e ottime abilità comunicative, in quanto spesso può ritrovarsi a rappresentare e parlare per l’azienda. Il giurista d’impresa ha anche la necessità di tenersi sempre aggiornato sulle nuove normative e le leggi che riguardano i vari settori in cui opera, che possono influenzare il suo lavoro in qualunque momento. Questa figura si deve assicurare che l’azienda rispetti le regole e, quando è necessario, si interfaccia con le varie istituzioni in caso di necessità.

Quanto guadagna il giurista d'impresa?

Siete curiosi di sapere quanto guadagna un giurista d’impresa? Come per tutte le professioni, il tipo di esperienza maturata può fare la differenza. Chi inizia a svolgere questa professione avrà, ovviamente, uno stipendio inferiore rispetto a chi opera da tempo e ha formazione nei vari campi di interesse. In generale, possiamo dire che una figura che inizia questa professione può avere uno stipendio di 25 mila euro all’anno lordi. Lo stipendio medio è di 48 mila euro all’anno lordi, con eventuali bonus da considerare in base all’azienda e ai risultati raggiunti. Un professionista con grande esperienza può arrivare a guadagnare anche 120 mila euro all’anno lordi.

Altri contenuti utili sulle nuove professioni

Scopri altri contenuti sulle nuove professioni e le loro caratteristiche:

Unipegaso scopri di più
Un consiglio in più