Giurista ambientale: cosa fa, come diventarlo, quanto si guadagna

Figura chiave in tema di politiche ambientali, il giurista ambientale è tra le professioni più richieste e tra i green jobs più apprezzati. Ecco perché

Giurista ambientale: cosa fa, come diventarlo, quanto si guadagna
photo-courtesy

Giurista ambientale: tutto su questo lavoro, dalle mansioni ai guadagni

Fonte: photo-courtesy

L’attenzione verso le tematiche ambientali legate in particolare al tema della sostenibilità, è sempre più alta. Ed è proprio per sopperire alla mancanza di figure chiave in un settore in ascesa come quello della prevenzione e degli interventi a favore della tutela del pianeta che nascono nuove figure professionali con competenze ad hoc. Una di queste è il giurista ambientale. In cosa consiste nello specifico questa figura? Quali sono le skills chiave di un giurista ambientale e qual è il percorso formativo da scegliere per poter intraprendere questa nuova professione? Lo scopriamo subito!

Cosa fa un giurista ambientale?

La preservazione ambientale e tutti i relativi interventi in materia, necessitano di un apparato specifico di figure altamente specializzate proprio in un campo così importante e in costante evoluzione. E il tema del diritto ambientale diventa centrale in quest’ottica ponendo il giurista ambientale come una delle figure cardine dello sviluppo e della promozione di pratiche green atte a favorire la salvaguardia del pianeta.

Il giurista ambientale è un professionista esperto di diritto ambientale e sviluppo sostenibile che segue e tutela enti, aziende, ONG, amministrazioni pubbliche e private, rappresentandoli in tutte le questioni legali relative proprio all’ambiente e pianificando, seguendo la normativa vigente in tema ambientale, progetti e politiche di protezione e sviluppo sostenibile dell’ambiente. Il campo d’azione del giurista ambientale è complesso e affascinante allo stesso tempo e risponde ai principi generali dell’Unione Europea in materia di politica ambientale che hanno dato vita, nel dicembre 2019, al Green Deal europeo, l’ambizioso Patto Verde che mira al raggiungimento nella neutralità climatica entro il 2050.

Come diventare un giurista ambientale?

Questa nuova professione ha catturato la vostra attenzione? Allora vi starete sicuramente chiedendo come poter diventare un giurista ambientale e qual è il percorso formativo da dover seguire per intraprendere una carriera di questo tipo. La prima cosa da sapere è che se per altre professioni di cui abbiamo parlato, le facoltà universitarie da poter valutare per intraprendere carriere professionali di quel tipo, erano diverse, in questo caso non è così. Un giurista ambientale è infatti un esperto di diritto e come tale deve conseguire una laurea magistrale in Giurisprudenza.

Percorso post lauream

Non è necessario che una volta conseguita la laurea in Giurisprudenza, chi sceglie di seguire questo percorso completi il tirocinio per accedere all’esame di Stato per diventare avvocato. Il giurista ambientale infatti, pur essendo un esperto di diritto, non deve necessariamente essere un avvocato. Quindi dopo aver conseguito la laurea magistrale in Giurisprudenza, il percorso più indicato da seguire è quello che porta all’iscrizione a un Master in diritto ambientale, proprio per approfondire e acquisire al meglio le tematiche cardine di questa professione.

Alcuni esempi? Il Master in Diritto dell'Ambiente dell’Università La Sapienza di Roma, focalizzato sull’approfondimento dello sviluppo sostenibile e sulla disciplina dell’ambiente. E ancora, il Master in Diritto dell’Ambiente e del Territorio dell’Università Ca’ Foscari di Venezia o il Master in Diritto dell'energia e dell'ambiente erogato dall’Università degli Studi di Teramo. Tutti master che mirano a dare una preparazione incentrata sull’acquisizione di competenze giuridiche a tutela dell’ambiente, del mare, della biodiversità e in generale, della sostenibilità.

Università Telematica Pegaso

Unipegaso logo

Con UniPegaso, l'Università Digitale più scelta in Italia, risparmi fino al 50% sulla retta annuale senza costi aggiuntivi per il materiale didattico.

  • Scienze dell'Educazione e della Formazione Laurea Triennale
  • Scienze Motorie Laurea Triennale
  • Economia Aziendale Laurea Triennale
  • Scienze e Tecniche Psicologiche Laurea Triennale
  • Scienze Pedagogiche Laurea Magistrale
  • Giurisprudenza Laurea Magistrale

Quanto guadagna un avvocato ambientale?

Un giurista ambientale, come abbiamo anticipato, non è necessariamente un avvocato. Ma ovviamente anche un avvocato può, a maggior ragione, diventare un giurista ambientale. Che si tratti di giurista o avvocato, in entrambi i casi questa professione può essere svolta a vari livelli e portare guadagni in linea con quelli dei più richiesti green jobs. La risposta non può essere univoca, perché le variabili sono molte e perché alcuni avvocati ambientali lavorano pro bono per enti no profit e ONG. Ma in generale, possiamo affermare che una figura di questo tipo, può arrivare a guadagnare cifre davvero alte.

I motivi? La grande attenzione che attualmente si sta riversando nei confronti delle tematiche ambientali a livello europeo, gli obiettivi inseriti nel Green Deal, l’esigenza di un ingente numero di aziende e organizzazioni di virare verso l’adozione di strategie di riduzione dell’impatto ambientale. In tutti questi casi un esperto di diritto dell’ambienta si rivela un supporto prezioso.

Stipendio medio

Ed è per questo che un giurista ambientale o un avvocato ambientale possono arrivare a guadagnare cifre che possono superare anche i 50.000 euro lordi annui. Ovviamente, non si può prescindere dalla variabile dell’esperienza. L’esperienza fa la differenza e un giurista ambientale con anni di lavoro alle spalle e con una serie di casi risolti con successo, guadagnerà cifre nettamente superiori a un giurista ambientale in erba con ancora poca esperienza alle spalle.

Cosa fa un consulente ambientale?

Fornire consulenza professionale ad enti, amministrazioni, organizzazioni non governative e aziende, è una delle mansioni principali del giurista ambientale. Un giurista ambientale, che sia avvocato o meno, può svolgere la professione di consulente ambientale, un libero professionista che ricopre un ruolo di primo piano della definizione e nell’implementazione a norma di legge delle strategie relative alla gestione delle questioni ambientali.

Il valore aggiunto di un consulente ambientale

Ogni azienda che abbia interesse a investire sul green avrà bisogno di affidarsi a un consulente ambientale: questa figura sarà quindi la guida dell'azienda a un mondo in evoluzione e saprà indirizzarla verso scelte più sostenibili sia a livello di prodotto che di comportamento.

Altri contenuti utili sulle nuove professioni

È proprio la gestione delle questioni ambientali che può fare la differenza tra un’azienda dai valori green e una che invece non abbraccia tali valori. Un’azienda che decide di ridurre il suo impatto ambientale è un’azienda che conosce bene i 17 obiettivi del Green Deal europeo e il principio di precauzione dell’Unione Europea in tema di politiche ambientali presente nella direttiva sulle responsabilità ambientali.

Il nostro pianeta sta soffrendo, il cambiamento climatico sta avendo un impatto distruttivo sull’ecosistema, le catastrofi naturali sono all’ordine del giorno, l’inquinamento è ai massimi storici e una figura professionale come il giurista ambientale, sia da consulente che da avvocato, si rivela un supporto di grande valore per tutte quelle realtà interessate a implementare nel loro sistema, processi efficienti atti a diminuire i danni ambientali e contribuire alla salvaguardia e alla difesa dell’intero pianeta.

Scopri altri contenuti sulle nuove professioni green:

Unipegaso scopri di più
Un consiglio in più