Giornata della memoria: ecco chi sono i negazionisti dell'Olocausto

I negazionisti credono che la Shoah non sia mai esistita, negano la storia e gli eventi dell'Olocausto: ecco cosa dice un'indagine Eurispes

Giornata della memoria: ecco chi sono i negazionisti dell'Olocausto
getty-images

NEGAZIONISTI DELLA SHOAH

Chi sono i negazionisti della Shoah?
Fonte: getty-images

Il 27 gennaio è la Giornata della memoria, giorno in cui si ricorda l'Olocausto, attraverso l'organizzazione di una serie di eventi, posa di nuove pietre d'inciampo, testimonianze dei superstiti della Shoah, letture da Primo Levi: tutto serve a tenere i riflettori puntati su un avvenimento della storia che è importante non dimenticare.

Eppure c'è chi, secondo un'indagine Eurispes, non crede a nulla di tutto questo. C'è chi sottovaluta la portata degli eventi, chi minimizza il numero di vittime, chi ritiene che gli atti antisemiti siano bravate di poco conto. Sono i negazionisti della Shoah, e, secondo l'indagine sopra citata, sono in aumento di anno in anno.

Leggi: L'indagine Eurispes sull'antisemitismo

EURISPES: INDAGINE SULL'ANTISEMITISMO

Ma cosa dice esattamente l'indagine Eurispes, volta a indagare gli stereotipi antisemiti fra gli italiani?

Il dato più significativo che emerge riguarda il numero di persone che ad oggi negano l'esistenza dell'Olocausto: in 15 anni si è passati dal 2,7% al 15,6% di ottobre 2020.

Altri dati:

  • Per il 16,1% l'Olocausto "non avrebbe prodotto così tante vittime come viene sostenuto"
  • Per il 23,9% gli ebrei controllerebbero il potere economico e finanziario
  • Più di un quinto degli italiani sosterrebbe che gli ebrei controllino l'informazione
  • il 26,4% riterrebbe che gli ebrei determinino le scelte politiche americane.

Si legge nell'indagine che:

Secondo la maggioranza degli italiani, i recenti episodi di antisemitismo sono casi isolati, che non sono indice di un reale problema di antisemitismo nel nostro Paese (61,7%). Al tempo stesso, il 60,6% ritiene che questi episodi siano la conseguenza di un diffuso linguaggio basato su odio e razzismo. Per meno della metà del campione (47,5%) gli atti di antisemitismo avvenuti anche in Italia sono il segnale di una pericolosa recrudescenza del fenomeno. Per il 37,2%, invece, sono bravate messe in atto per provocazione o per scherzo.

E i giovani come si collocano rispetto a questi dati?

I cittadini più giovani sono meno propensi a definire gli episodi antisemiti come casi isolati: lo fa meno della metà dei 18-24enni (46,7%) ed il 50,8% dei 25-34enni.

APPROFONDIMENTI SUL GIORNO DELLA MEMORIA 2024

Per approfondire la Shoah e i temi legati all'Olocausto, puoi leggere:

PODCAST SULL'OLOCAUSTO DEGLI EBREI

Ascolta su Spreaker.

LIBRI PER APPROFONDIRE I TEMI DELLA SHOAH E DELLA GIORNATA DELLA MEMORIA

La shoah raccontata da chi l'ha vissuta: Il diario di Anna Frank e i libri di Primo Levi. Questi libri, come la ricorrenza della Giornata della memoria, servono a non dimenticare.

-25% Diario
€ 10,40
€ 13,00 da  Amazon
-25% Se questo è un uomo
€ 10,40
€ 13,00 da  Amazon

Contenuto sponsorizzato: Studenti.it presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Studenti.it potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificare disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati

Un consiglio in più