Geografia: l'India in breve

Di Redazione Studenti.

La capitale, l'ambiente, i confini, il territorio, il clima e la vegetazione dell'India: breve riassunto di geografia su questo Stato dell'Asia meridionale

Introduzione

Taj Mahal, India
Taj Mahal, India — Fonte: getty-images

L'India è uno stato dell'Asia meridionale. La sua capitale è Nuova Delhi. L'India confina a nord con la Cina, il Nepal e il Bhutan. Ad oriente invece si trovano il Myanmar e il Bangladesh. Ad occidente confina con il Pakistan.

L'india è la seconda nazione più popolata al mondo dopo la Cina. Il suo territorio corrisponde all'omonima penisola indiana. Esso si estende per migliaia di chilometri lungo le coste dell'Oceano Indiano.

È un territorio molto vasto, non a caso viene definito un subcontinente. Il subcontinente indiano comprende anche altri stati come il Pakistan e il Bangladesh.

Conoscere la geografia dell'India è utile se vuoi fare un viaggio in questo stato. In questa guida viene spiegato in breve la sua geografia.

India: territorio

Possiamo suddividere l'India in quattro principali regioni geografiche: l'Himalaya, la pianura indogangetica, l'altipiano del Deccan e il Ghati.

L'Himalaya si trova a nord-ovest e rappresenta una delle più elevate ed estese catene montuose del mondo.

La pianura indo-gangetica si trova subito a sud dell'Himalaya. Possiamo collocarla in corrispondenza dei grandi fiumi.

La penisola del Deccan è a sud delle pianure. Il Deccan è un grande altopiano di altezza media di 500-600 metri. Ai suoi lati si trovano due catene montuose chiamate Ghati. Queste catene montuose sono più alte del Deccan e possono arrivare a 2700 metri di altezza.

A ovest invece, al confine col Pakistan, si trovano alcune zone desertiche.

Clima

Il clima indiano cambia a seconda delle zone geografiche. In gran parte del paese il clima è tropicale. I monsoni determinano una stagione secca ed una piovosa.

Il periodo più piovoso va da luglio a settembre. Da aprile a giugno invece vi è il periodo più caldo dell'anno. L'inverno va da dicembre a febbraio.

A nord, nella regione dell'Himalaya, il clima è di tipo montano.

La temperatura varia in base alla quota e ai versanti.

Nelle zone delle pianure il clima invernale è fresco. Da marzo a maggio, prima dell'arrivo del monsone, l'estate è caldissima. Il monsone va da debole a moderato a relativamente intenso, a seconda delle zone. Esso termina ad ottobre.

Vegetazione

Anche la vegetazione in India varia in base alle zone geografiche. Nelle regioni più piovose del sudovest e del nordest vi è la giungla. Esistono numerose specie vegetali e animali.

Nel Deccan invece predomina la savana umida alternata a foreste. Nelle zone aride del nordovest troviamo steppa e boscaglia.

Nella regione himalayana, al di sotto delle nevi perenni, vi sono infine le conifere.

I fiumi si trovano nella pianura indogangetica. Essi sono l'Indo, il Gange e il Brahmaputra. Le periodiche inondazioni di questi fiumi sono spesso disastrose.

Il Gange è il fiume più sacro e venerato dell'India. L'Indo invece forma una pianura detta Punjab.

Altri contenuti sull'India