Foscolo: le 10 cose che devi sapere per superare l'interrogazione

Di Veronica Adriani.

10 cose su biografia, poetica e opere che devi sapere su Ugo Foscolo per superare l'interrogazione: scopri i punti da tenere a mente

UGO FOSCOLO

Quali sono i punti da tenere a mente per superare un'interrogazione su Ugo Foscolo?
Quali sono i punti da tenere a mente per superare un'interrogazione su Ugo Foscolo? — Fonte: getty-images

Ugo Foscolo è uno dei poeti più noti e apprezzati del Settecento - Ottocento italiano. Spesso snobbato dagli studenti perché avvertito come distante da loro e poco moderno, è stato un realtà un uomo passionale, amante della vita e dei suoi vizi, inquieto e costantemente all’inseguimento dei propri ideali. Tutte caratteristiche che si trovano perfettamente nella sua produzione in poesia e in prosa, che nel tempo si è sviluppata lasciando capolavori letti e riletti ancora oggi.

Come parlare correttamente di Ugo Foscolo, dunque, durante un'interrogazione? Quali sono i punti da tenere a mente per non sbagliare? Vediamoli insieme di seguito.

10 COSE DA SAPERE SU FOSCOLO

  1. Foscolo non nasce in Italia, ma in Grecia, sull’isola di Zante, ovvero Zacinto. Il padre è italiano, la madre greca. All’epoca di Foscolo Zante era sotto il dominio veneziano, proprio come molte città oggi slovene o croate. Ai tempi del suo esilio, Foscolo comporrà una delle sue poesie più importanti, A Zacinto, dove tocca il tema della lontananza dalla patria.
  2. Il primo evento che incide sulla poesia di Foscolo, dopo la morte del padre, è il trattato di Campoformio del 1797, con cui Napoleone cede Venezia all’Austria. Foscolo, che credeva negli ideali della Rivoluzione francese e che per Napoleone aveva anche combattuto, si sente profondamente tradito. Inizia a girare senza meta per le città italiane e scrive Le ultime lettere di Jacopo Ortis, che verranno pubblicate nel 1802. Qui Foscolo indaga le vicende politiche che lo hanno deluso, ma anche l’idea del suicidio. È il primo romanzo epistolare italiano, una pietra miliare nella nostra letteratura.
  3. Altro evento che incide sulla produzione poetica di Foscolo è la morte del fratello Giovanni nel 1801. Nascerà da qui In morte del fratello Giovanni, altro celebre componimento.
  4. Altro componimento importantissimo è il carme Dei Sepolcri. Foscolo è ateo e materialista, ma scrive questo carme in occasione dell'emanazione dell'Editto di Saint-Cloud, che impone che i cimiteri siano posti al di fuori delle mura cittadine e che le lapidi siano composte del solo nome del cittadino defunto. Foscolo si oppone all'editto, ricordando il ruolo civile e patriottico della tomba, oltre che la loro funzione di memoria per i familiari dei defunti. Si tratta indubbiamente di un carme molto politico.
  5. Foscolo è legato al Neoclassicismo, tendenza venuta alla luce insieme agli scavi di Ercolano e Pompei, e alla caduta degli ideali illuministici. Gli uomini - gli intellettuali, più precisamente - si rifugiano in un mondo fatto di bellezza e armonia, sia dal punto di vista artistico che letterario. Nel suo poemetto Le Grazie Foscolo descrive il mondo antico come un luogo di bellezza e serenità, in completa opposizione con l’epoca barbarica che gli pare di vivere. Un mondo cui ispirarsi per ritrovare armonia e contemplazione.
  6. Ma Foscolo è anche un Preromantico: il Preromanticismo nasce insieme al Neoclassicismo, ma in Germania e in Inghilterra. L’opera simbolo di questo periodo è I dolori del giovane Werther di Goethe, cui Foscolo si ispirerà per il suo Ortis.
  7. Foscolo viene spesso associato al Nichilismo, per diverse ragioni. Non solo il poeta è ateo e materialista, come abbiamo detto, ma politicamente vive una cocente delusione, che lo convincono che il suo tempo viva una caduta dei valori e delle certezze, risultato di un inesorabile processo storico. Nell'Ortis il protagonista finisce per togliersi la vita, proprio per non dover sopportare ulteriori delusioni. Solo la speranza di essere ricordati dopo la morte, in questa visione - sia di Foscolo che di Ortis, di riflesso - è salvifica.
  8. Le relazioni romantiche di Foscolo sono molto importanti.
    Le donne che in qualche modo sono rimaste legate a lui nel corso della sua vita sono Isabella Roncioni, Antonietta Fagnani Arese e infine Fanny Hamilton, madre di sua figlia Floriana, che avrà un grande ruolo nella sua esistenza.
  9. Nel 1808 Foscolo ha una breve esperienza come professore universitario a Pavia, ma le entrate sono ancora una volta troppo esigue per le spese che sostiene ogni giorno. Inoltre l’ambiente universitario lo porta a scontrarsi spesso con altri intellettuali, come Vincenzo Monti, di cui era grande amico.
  10. L'Autoritratto di Foscolo nasce da un sonetto dell'Alfieri, che ha per titolo Sublime specchio di veraci detti, del 1786.Foscolo si concentra inizialmente sulla caratterizzazione individuale. , poi accentua il contrasto tra la razionalità e i sentimenti, descrivendoli con toni quasi violenti. Nella parte finale il poeta si mostra ricco di vizi e virtù, combattuto fra razionalità e sentimenti.

FOSCOLO: LA POETICA

Ecco alcuni contenuti che possono tornarti utili per approfondire la poetica di Foscolo:

  • Pensiero e poetica di Foscolo
    Pensiero e poetica di Ugo Foscolo: dalla formazione, al pensiero illuminista, a quello preromantico. Descrizione della maturazione poetico-culturale
  • Mappa concettuale su Ugo Foscolo
    Mappa concettuale su Ugo Foscolo: vita e opere del poeta italiano nato a Zacinto, autore delle Ultime lettere di Jacopo Ortis
Ascolta su Spreaker.

FOSCOLO: LE OPERE

Ecco i video su Ugo Foscolo:

All'amica risanata | Le ultime lettere di Jacopo Ortis | Dei Sepolcri | A Zacinto | Alla sera | Vita e opere | Le grazie | L'Autoritratto | Neoclassicismo e Preromanticismo

Altre opere e approfondimenti:

  • Alla Musa di Ugo Foscolo
    Alla musa di Foscolo: analisi del testo del celebre sonetto. Parafrasi, comprensione, analisi e approfondimento
  • Nichilismo da Foscolo a Nietzsche
    Nichilismo: significato e definizione della dottrina filosofica con approfondimento sull'interpretazione in due autori come Nietzsche e Foscolo
  • All'amica risanata
    Significato, parafrasi e figure retoriche dell'ode All'amica risanata, scritta da Ugo Foscolo nel 1802 per la guarigione della contessa milanese Antonietta Fagnani Arese.
  • Alla sera
    Alla sera di Ugo Foscolo: testo, parafrasi, commento e figure retoriche di uno dei più celebri sonetti del poeta, composto nel 1803

Leggi gli altri compendi: