Foresta amazzonica: ricerca sull'Amazzonia

Di Redazione Studenti.

Esempio di ricerca sulla foresta amazzonica per capire come impostarla e svilupparla. Cosa scrivere in una ricerca sull'Amazzonia

FORESTA AMAZZONICA

Foresta amazzonica
Foresta amazzonica — Fonte: getty-images

L'Amazzonia (portoghese Amazonas) è una vasta regione naturale dell'America meridionale occupata dalla più estesa foresta pluviale della Terra (selva). Morfologicamente è costituita da una pianura alluvionale compresa tra il massiccio della Guayana a nord e l'altopiano del Brasile a sud, l’oceano Atlantico a est e la cordigliera delle Ande a ovest. La sua superficie, di circa 6.000.000 km2, appartiene per la maggior parte al Brasile e in misura minore a Colombia, Ecuador, Perù, Bolivia, Venezuela, Suriname, Guyana e Guayana Francese.

FORESTA AMAZZONICA: TERRITORIO

La regione corrisponde per gran parte al bacino del Rio delle Amazzoni, che si estende dalle Ande all'oceano Atlantico. La pendenza tra il pedemonte andino e il mare è minima.

A Iquitos, una località che si trova a 2500 km dalla foce, il fiume scorre alla quota di appena 106 m. A causa di ciò i processi di drenaggio sono difficoltosi e alcune zone della regione subiscono frequenti inondazioni causate dallo straripamento dei numerosi fiumi che la attraversano.

Il terreno, costituito principalmente da sedimenti di sabbie e argille portati dai fiumi, si presenta in condizioni diverse: ci sono alcune zone collinari e asciutte, chiamate tierrafirme, che si distinguono dalle regioni perennemente paludose, dette igapò, e dalle zone periodicamente sommerse, corrispondenti alla varzea.

AMAZZONIA: CLIMA

L'intera regione è dominata da un clima caldo-umido equatoriale con scarse escursioni termiche; la media delle temperature è di 26C°. Alle precipitazioni abbondanti della regione, che superano una media di 2500 mm annui, si aggiungono le acque provenienti dalla regione andina, che risentono delle variazioni stagionali e sono la principale causa del periodico straripamento dei fiumi.

All'elevato tasso di umidità e alla frequenza delle piogge si deve la rigogliosa foresta pluviale dell'Amazzonia, dove si ritiene crescano più di 60.000 specie arboree e dove convivono numerose specie di uccelli, mammiferi, insetti e rettili.

IDROGRAFIA DELL'AMAZZONIA

Il sistema idrografico del Rio delle Amazzoni costituisce la rete fluviale più estesa e di maggiore portata del mondo. I suoi numerosi affluenti (più di mille) nascono nella cordigliera delle Ande, nel massiccio della Guayana e negli altipiani del Brasile e del Mato Grosso; i vari rami sorgentiferi del Rio delle Amazzoni sono il Rio Marañón e l'Ucayali e tra i grandi affluenti il Rio Negro, il Madeira, il Tapajós, il Xingu e il Tocantins. In prossimità della foce il fiume è largo decine di chilometri e il suo sbocco sull'oceano è formato da un vero e proprio labirinto di rami, penetrazioni marine, isole fluviali, di cui la più vasta è l'isola di Marajó.

AMAZZONIA: RISORSE ECONOMICHE

L'Amazzonia è la più vasta estensione forestale del globo ed è per questo una regione naturale di grande valore ecologico. L'occupazione da parte dell'uomo, iniziata nel 1840 per soddisfare la domanda internazionale di caucciù, continua a essere marginale o limitata alle zone che costeggiano i fiumi; è motivata in particolar modo dalle grandi ricchezze forestali (caucciù, legname, piante medicinali) e minerarie (ferro, petrolio, metalli e pietre preziose), dallo sfruttamento del suolo per attività agropastorali e dall’abbondanza di fiumi per la costruzione di centrali idroelettriche.

Nel 1978 gli stati comprendenti il bacino amazzonico (Brasile, Bolivia, Perù, Ecuador, Colombia, Venezuela, Guyana, Suriname, Guayana Francese) hanno siglato un trattato di cooperazione (il cosiddetto Patto Amazzonico) per promuovere l'economia della regione e tutelarne lo sfruttamento.

SFRUTTAMENTO DEL TERRITORIO E SQUILIBRIO ECOLOGICO

Gli interventi incontrollati verificatisi negli ultimi decenni, irrispettosi della presenza di popolazioni indigene, che rappresentano culture arcaiche di grande interesse antropologico e spesso sterminate a bella posta per aprire la selva agli interessi delle compagnie minerarie, dei cercatori d'oro (garrimpeiros) e dei nuovi coloni, oltre che delle compagnie forestali, hanno provocato gravi squilibri ecologici.

Mentre un tempo le comunicazioni avvenivano per via fluviale (il Rio delle Amazzoni è in tal senso una magnifica via d'acqua) oggi si cerca di creare un sistema stradale, impostato su alcune grandi strade (come la Transamazzonica), la cui costruzione ha avuto conseguenze rovinose per l’ambiente: la deforestazione, che si accompagna a questa penetrazione, distrugge l'ammanto forestale, che attecchisce su strati esigui di suolo, soggetti, quindi, dopo il taglio degli alberi, all'erosione e all'impoverimento. L'avanzata della colonizzazione crea intanto nuovi insediamenti che via via arricchiscono la trama antropica, ora basata su poche città, tra cui Iquitos, in Perù, Manaus e Maranhão, in Brasile.  

Leggi anche: