Florovivaista: chi è, cosa fa e percorso di studi

Ami le piante e la botanica? Scopri la professione del florovivaista: di cosa si occupa, quali studi deve affrontare, quali sono le skill necessarie

Florovivaista: chi è, cosa fa e percorso di studi
getty-images

Florovivaista: chi è, cosa fa e percorso di studi

Fonte: getty-images

Non solo se hai il pollice verde: il florovivaista è una professione che non dovresti sottovalutare sotto il punto di vista del benessere della biologia, della natura e di altre specialistiche. Ma quali sono le attività di cui ti occuperesti? E quali invece le materie in cui dovrai prepararti? Proviamo a valutare insieme un percorso di studi decisamente inusuale ma sempre più richiesto e ricco di soddisfazioni.

Chi è il florovivaista

Il florovivaista è un esperto nel settore dell'orticoltura e della floricoltura, specializzato nella coltivazione e nella vendita di piante da fiore, ornamentali, da frutto e da orto, nonché di alberi, arbusti e ogni altro tipo di vegetazione adatta al trasferimento definitivo in luogo aperto. La sua conoscenza si basa sul processo di crescita delle piante e ha altre abilità legate alla capacità di gestione del terreno, delle malattie vegetali a cui si aggiunge un'abilità innata nel creare ambienti e spazi verdi armoniosi.

Cosa fa

La giornata tipo di un florovivaista è varia e sfaccettata, poiché questo professionista può occuparsi di molteplici attività.

  • Coltivazione: è l'attività principale, che richiede conoscenze specifiche sui vari tipi di piante, sui cicli di vita, sulle tecniche di potatura e sulla gestione del suolo e dell'irrigazione;
  • Progettazione: molti collaborano con paesaggisti e architetti per progettare giardini, parchi e spazi verdi pubblici o privati, selezionando le specie più adatte in base al clima, al suolo e al contesto ambientale;
  • Manutenzione: si occupano della manutenzione ordinaria e straordinaria di spazi verdi, che include potature, concimazioni, trattamenti fitosanitari e interventi di miglioramento estetico;
  • Consulenza: forniscono consulenza a privati, aziende e enti pubblici su come curare e mantenere le piante, oltre a consigliare le migliori soluzioni per la realizzazione di giardini e aree verdi;
  • Vendita: gestiscono anche punti vendita dove offrono una vasta gamma di piante, fiori, sementi, terricci e tutto il necessario per la cura e la manutenzione del verde.

Come diventare florovivaista

Per diventare un florovivaista, è necessario intraprendere un percorso di studi specifico che fornisca le competenze teoriche e pratiche indispensabili per operare con successo in questo settore. Si parte con una formazione tecnica in cui si acquisiscono competenze durante corsi professionalizzanti presso scuole agrarie, istituti tecnici per l'agricoltura o centri di formazione professionale specializzati in florovivaismo e giardinaggio. Solitamente durano i cinque anni del liceo e hanno un apprendimento tanto teorico quanto pratico, imparando materie come botanica, coltivazione, fitopatologia, fertilizzazione chimica e gestione aziendale. Negli studi universitari di agraria si può ottenere invece una formazione accademica più approfondita. Per poter prendere una laurea specialistica bisognerà iscriversi ad un corso di laurea in Scienze Agrarie, Orticoltura, Floricoltura o Paesaggistica di cinque anni dove vengono realizzati piani di studio ad hoc molto tecnici e approfonditi.

Quali attività si possono svolgere con il titolo di florovivaista

Il titolo di florovivaista apre le porte a una varietà di professioni, ognuna con le proprie sfide e soddisfazioni in diverse aree, dalla coltivazione alla progettazione di spazi verdi, dalla vendita al consiglio tecnico. Ma quali sono le più interessanti?

  • Tecnico florovivaistico. Si occupa di vivai, giardini botanici, aziende agricole e parchi prendendosi cura di produzione di piante da fiore, ornamentali, da frutto e arbusti;
  • Paesaggista.  I florovivaisti con competenze in progettazione del paesaggio possono lavorare come paesaggisti, creando e realizzando progetti per giardini privati, parchi pubblici, aree ricreative e spazi urbani verdi. La loro sfida è combinare estetica, funzionalità e sostenibilità, selezionando le piante più adatte per ogni ambiente;
  • Consulente ambientale.  La sensibilità crescente verso le tematiche ambientali ha portato alla figura del consulente ambientale nel settore florovivaistico. Forniranno consulenze su come migliorare la sostenibilità degli spazi verdi, promuovendo la biodiversità, la conservazione delle risorse idriche e l'utilizzo di pratiche agricole ecocompatibili;
  • Venditore specializzato. Tra le possibilità professionali c’è quella di vendere, purché alle competenze botaniche vengano aggiunte quelle commerciali avendo cura di ascoltare le esigenze dei clienti e consigliarli al meglio;
  • Ricercatore o docente. Come in ogni ambito, c’è sempre bisogno di chi fornisca competenze, studi e ricerche. Sia l’insegnamento che la ricerca sono dunque due possibili sbocchi da valutare;
  • Imprenditore. Chi si inserisce nel settore deve sapere che con un bel progetto e tante idee si può persino intraprendere una strada imprenditoriale.

Chi dovrebbe intraprendere questo percorso professionale

Il percorso di studi per diventare florovivaista si rivela un'opzione ideale per chiunque abbia una profonda passione per la natura e desideri dedicarsi alla cura e alla coltivazione delle piante.

È particolarmente adatto per chi apprezza la bellezza estetica del verde e allo stesso tempo è interessato a comprendere i processi biologici e ecologici che ne permettono la crescita e lo sviluppo. Per questa professione è importante avere una spiccata sensibilità ambientale e un forte impegno verso la sostenibilità e la conservazione delle risorse naturali. L’ambito richiede dedizione, pazienza e cura, qualità indispensabili per la coltivazione delle piante e la gestione degli spazi verdi.

Caratteristiche di un florovivaista

Un florovivaista deve essere creativo e avere una buona capacità di visione spaziale per poter progettare giardini e spazi verdi che siano non solo funzionali ma anche piacevoli alla vista. La capacità di lavorare all'aperto in condizioni climatiche variabili e di svolgere attività fisiche è fondamentale. Questo campo è consigliato a chi possiede o desidera sviluppare competenze imprenditoriali e commerciali, dal momento che molti florovivaisti gestiscono la propria attività o lavorano a stretto contatto con il pubblico e i clienti. La capacità di comunicare efficacemente e di fornire consulenze specializzate rappresenta un valore aggiunto significativo.

Differenza tra fioraio e florovivaista

Sebbene fioraio e florovivaista operino entrambi nel mondo del verde e condividano una passione per le piante e i fiori, le loro professioni presentano significative differenze in termini di competenze, attività svolte e luogo di lavoro. Il fioraio si specializza nella composizione e vendita di fiori e piante ornamentali. La sua attività è fortemente orientata verso il cliente e il design, con un'enfasi particolare sulla creazione di bouquet, composizioni floreali e decorazioni per eventi, cerimonie o decoro degli interni. Il fioraio opera tipicamente in un negozio o in un laboratorio floreale e possiede competenze in estetica, design floreale e tecniche di conservazione dei fiori tagliati. Anche se può avere una buona conoscenza delle specie vegetali, il suo focus è più sull'arte della composizione e sulla vendita al dettaglio piuttosto che sulla coltivazione.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Un consiglio in più