Fine stato di emergenza il 31 marzo: cosa cambia a scuola

Di Maria Carola Pisano.

Fine stato di emergenza il 31 marzo: cosa cambia a scuola dal 1 aprile. Via le FFP2, niente più quarantene e scuole sempre aperte per tutti. Tutte le novità

FINE STATO DI EMERGENZA

Fine stato di emergenza: cosa cambia a scuola dal 1 aprile
Fine stato di emergenza: cosa cambia a scuola dal 1 aprile — Fonte: getty-images

Il premier Mario Draghi, durante un intervento pubblico al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino di Firenze, ha comunicato che lo stato di emergenza non verrà prorogato oltre il 31 marzo, che non sarà più in vigore il sistema di colori per le regioni e che cesserà l'obbligo di mascherine all'aperto in tutta Italia. 

COSA CAMBIA A SCUOLA DAL 1 APRILE

Dal 1 aprile sono previsti molti cambiamenti, un allentamento graduale di tutte le restrizioni e l'abbandono, anche questo graduale, del certificato verde per alcuni eventi, come quelli all'aperto. Molte le novità anche per la scuola: il premier Draghi ha infatti precisato che dalla fine dello stato di emergenza "le scuole resteranno sempre aperte per tutti, saranno infatti eliminate le quarantene da contatti. Cesserà ovunque l’obbligo delle mascherine all’aperto, e quello delle mascherine FFP2 in classe".

LE REGOLE FINO AL 31 MARZO

Spariranno quindi le differenze tra vaccinati e non attualmente in vigore fino al 31 marzo: nelle scuole medie e superiori le lezioni proseguono in presenza per tutti con mascherine FFP2 con un solo caso positivo; con due o più casi rimangono in presenza gli alunni che hanno concluso il ciclo vaccinale primario, che sono guariti da meno di centoventi giorni o che hanno fatto la dose booster; per i non vaccinati lezioni in DAD per 5 giorni. 

A proposito di scuola, sono in arrivo una serie di vacanze e ponti per tutti gli studenti o quasi:

Leggi anche: