Le più belle frasi di Eugenio Montale per la Maturità 2019

Di Redazione Studenti.

Il poeta simbolo dell'Ermetismo potrebbe essere papabile per la prima prova di Maturità 2019? Forse sì. Ripassalo con le sue frasi più celebri

FRASI DI EUGENIO MONTALE

Eugenio Montale: frasi, citazioni, aforismi utili per la prima prova di maturità
Eugenio Montale: frasi, citazioni, aforismi utili per la prima prova di maturità — Fonte: ansa

Uno dei precursori dell’Ermetismo, Eugenio Montale è stato senz'altro uno dei più importanti poeti italiani del Novecento, colui che meglio di altri ha saputo interpretare l’animo umano a cavallo tra le due guerre mondiali. Montale potrebbe essere l'autore che il MIUR sceglierà per la prima prova 2019, in particolare per l'analisi del testo? Secondo noi è probabile: per questo vi offriamo un modo divertente di ripassare Eugenio Montale, con le frasi e le citazioni più famose che sono entrate a pieno titolo tra le più dense di significato delle letteratura italiana.


Ripercorriamo in breve la biografia dell’autore: nato a Genova il 12 ottobre 1896, Eugenio Montale partecipò alla Prima Guerra Mondiale con il grado di sottotenente. Esordì come poeta nel 1922, pubblicando i suoi versi sulla rivista «Primo tempo». Nel 1925 uscì Ossi di seppia, la sua prima raccolta di versi. Seguiranno, negli anni successivi, Le occasioni (1939), La bufera e altro (1956) e Satura (1971). Eugenio Montale, tra le altre cose, lavorò come redattore per il «Corriere della Sera» e si guadagnò, nel 1975, il premio Nobel per la letteratura. Morì a Milano, il 12 settembre 1981.

EUGENIO MONTALE: FRASI E CITAZIONI PIÙ BELLE

Le citazioni e le frasi di Eugenio Montale, per la maggior parte tratte dalle sue poesie, sono capaci di far vibrare l’anima con la loro straordinaria bellezza e, al contempo, semplicità. Scegliere le migliori è stato un duro compito, ma alla fine ce l’abbiamo fatta: ecco quelle che, a nostro modestissimo avviso, sono le più belle frasi di Eugenio Montale:

  • E senti allora, / se pure ti ripetono che puoi / fermarti a mezza via o in alto mare, / che non c'è sosta per noi, / ma strada, ancora strada, // e che il cammino è sempre da ricominciare. (tratta da A galla)
  • Io sono qui perché ho scritto poesie, un prodotto assolutamente inutile, ma quasi mai nocivo. (tratta da È ancora possibile la poesia?)
  • L'uomo coltiva la propria infelicità per avere il gusto di combatterla a piccole dosi. Essere sempre infelici, ma non troppo, è condizione sine qua non di piccole e intermittenti felicità. (tratta da Il volo dello sparviero)
  • Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale / e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino. (tratta da Ho sceso, dandoti il braccio)
  • La più vera ragione è di chi tace. (tratta da So l'ora)
  • Codesto solo oggi possiamo dirti: ciò che non siamo, ciò che non vogliamo. (tratta da Non chiederci la parola)
  • [...] ma in attendere è gioia più compita. (tratta da Gloria del disteso mezzogiorno)
  • L'attesa è lunga, / il mio sogno di te non è finito. (tratta da Il sogno del prigioniero)
  • Ripenso il tuo sorriso, / ed è per me un'acqua limpida. (tratta da Ripenso il tuo sorriso)

Ripassa i possibili autori per la prima prova di maturità con le citazioni più importanti:

Ecco le nostre guide per lo svolgimento di tutte le tipologie della prima prova maturità 2018:

  • Traccia A, analisi del testo: secondo gli studenti la tipologia più difficile da affrontare alla maturità. Ecco i nostri consigli per farne una in modo eccellente
  • Traccia B, saggio breve o articolo di giornale: la seconda tipologia è una delle più gettonate dagli studenti della maturità. Saggio breve e articolo di giornale sono molto diversi: per lo svolgimento di entrambi esercitati con le nostre dritte
  • Traccia C, il tema storico: un tema non semplice ma sicuramente interessante. Per lo svolgimento è necessario conoscere bene la storia ma anche riuscire a creare riflessioni e collegamenti
  • Traccia D, il tema di attualità: uno dei favoriti dei maturandi. Per la tipologia D è necessario essere aggiornati sugli avvenimenti più recenti di attualità, magari guardando alle notizie di cronaca