Esame terza media 2020: come potrebbe diventare quest'anno

Di Redazione Studenti.

Tutti promossi, esame solo orale e semplificato. Ecco le ipotesi al vaglio del MIUR per l'esame finale della terza media nell'anno del Virus

ESAME TERZA MEDIA 2020

Un esame semplificato anche per la scuola media: ecco il piano del MIUR
Un esame semplificato anche per la scuola media: ecco il piano del MIUR — Fonte: istock

Nel 2020, anno in cui il Coronavirus ha stravolto la vita scolastica - e non solo - degli italiani, il MIUR deve necessariamente prendere delle contromisure. E se per la maturità 2020 grazie ad alcune voci i due piani sembrano ormai chiari, per l'esame di Terza media probabilmente si saprà qualcosa di più, ufficialmente, solo fra qualche giorno. Ma alcune certezze ci sono già.

ESAME TERZA MEDIA: COME POTREBBE DIVENTARE

La prima certezza, ad esempio, è che non ci saranno bocciati. Tutti promossi, soprattutto se, come si suppone, il rientro a scuola non ci sarà per nulla.

Le ipotesi, infatti, che diventeranno decisioni ufficiali dopo il 15 aprile, dipendono fondamentalmente dalla data di rientro a scuola:

  • Se le scuole saranno riaperte intorno al 6-8 maggio, ci saranno ancora 4 settimane di scuola che potranno essere sfruttate. L'esame, quindi, potrebbe tenersi nelle consuete modalità.
  • Se non si dovesse rientrare a scuola, con ogni probabilità si dovrò dire addio agli scritti: ecco quindi che l'esame sarà costituito da un maxi-orale così come per i ragazzi delle superiori.

In tutti i casi, per la prima e la seconda media, settembre e ottobre sono i mesi dedicati al recupero e alle valutazioni.

ESAME TERZA MEDIA: NEWS

L'esame terza media 2020 si compone, normalmente, di tre prove scritte (italiano, matematica e lingue straniere) e una prova orale, in cui il candidato deve presentare una tesina.

Ma nel 2009 e nel 2012, a seguito dei terremoti che hanno colpito alcune zone d'Italia, si è creato un precedente che può essere riutilizzato in questa fase, a causa dell'emergenza sanitaria che impedirebbe lo svolgimento "standard" degli esami: in quell'occasione, infatti, si è tenuto unicamente l'orale, e la votazione è stata basata su quell'unica prova e sul giudizio di idoneità.