Esame terza media 2018: nuove regole per l'ammissione alla prova

Di Marta Ferrucci.

Cambia l'esame di terza media dal 2018 e cambiano le regole per l'ammissione che diventano più favorevoli agli studenti. Ecco nel dettaglio come funzionerà

AMMISSIONE ESAME TERZA MEDIA 2018

L'esame di terza media dal 2018 cambia. A definire tutte le novità è il DL 62/2017 a cui è seguito il DM 741/2017 che definisce come cambia l'ammissione all'esame, ovvero i criteri di ammissione e le modalità di svolgimento. Quali sono, dunque, i criteri per essere ammessi all'esame di terza media secondo le novità che ha introdotto la riforma?

Come cambia l'ammissione all'esame di terza media
Come cambia l'ammissione all'esame di terza media — Fonte: istock

La novità più importante, forse quella che interesserà di più gli studenti e che fa maggiormente discutere, è che il consiglio di classe può decidere l'ammissione dello studente all'esame di terza media anche se questo non ha raggiunto la sufficienza in una o più materie.

Anche se lo studente non ha la sufficienza in tutte le materie, può essere comunque ammesso all'esame se:

  • Ha frequentato almeno 3/4 del monte ore annuale
  • Non ha subito sanzioni disciplinari
  • Ha partecipato al test Invalsi

VOTO IN DECIMI E COMPORTAMENTO

Il voto di ammissione viene espresso in decimi, senza frazioni decimali, e può essere inferiore a 6/10 se lo studente è stato ammesso con l'insufficienza in una o più materie. Il voto di ammissione partecipa alla determinazione del voto finale.

Anche se non è statao esplicitato nei decreti di riforma dell'esame di terza media, è chiaro che il voto in condotta inferiore a 6/10 non è più - neanche lui! -  un limite all'ammissione all'esame di terza media. Per quanto riguarda il comportamento, come detto prima, la non ammissione è eventualmente prevista solo nei confronti di quegli studenti che hanno avuto una sanzione disciplinare che li esclude dagli scrutini finali.