Orale terza media 2018: come cambia con la riforma

Di Maria Carola Pisano.

Come funziona il colloquio dell'esame di terza media dopo i cambiamenti introdotti dalla riforma 2018? Un quadro dettagliato

ESAME ORALE TERZA MEDIA COME FUNZIONA

Orale terza media 2018: come cambia
Orale terza media 2018: come cambia — Fonte: istock

L'esame di terza media ha subìto un profondo restyling grazie alla riforma: i cambiamenti si concentrano soprattutto sul test Invalsi e sugli argomenti delle prove scritte (italiano, matematica, lingue straniere). Ma anche l'esame orale terza media, l'ultimo step che gli studenti dovranno affrontare a conclusione del primo ciclo di istruzione, è stato investito da qualche cambiamento sostanziale.

COLLOQUIO PLURIDISCIPLINARE ESAME TERZA MEDIA

L'esame orale di terza media 2018 ha lo scopo di valutare le competenze dei candidati e deve essere condotto in presenza dell'intera sottocommissione che, con le domande, dovrà indagare su diverse competenze e abilità del candidato:

  • Capacità di argomentazione;
  • Risoluzione dei problemi;
  • Sviluppo di pensiero critico e riflessivo;
  • Capacità di collegare le varie materie.

ESAMI ORALI TERZA MEDIA 2018

Un'altra delle novità introdotte dalla riforma riguarda il tema relativo a Cittadinanza e Costituzione: in sede di colloquio pluridisciplinare il candidato dovrà dimostrare di aver acquisito le competenze che riguardano tale disciplina.

Ecco come arrivare sereno alla prova orale dell'esame di terza media: