Maturità 2022, cos'è e perché è importante il documento del 15 maggio

Di Maria Carola Pisano.

Maturità 2022, il documento del 15 maggio è importante tanto per il colloquio orale quanto per la seconda prova scritta: ecco perché

MATURITÀ 2022

Le novità della maturità 2022 non sono piaciute agli studenti: dopo tre anni di didattica in presenza a singhiozzo, chiedono a Bianchi di ripensarci, eliminare le prove scritte e lasciare un unico orale. L'esame di giugno è sì profondamente diverso dalle ultime due maturità ma non è comunque il format tradizionale: la prima prova sarà ministeriale, mentre la seconda decisa direttamente dalle commissioni a partire dal programma effettivamente svolto durante l'anno. 

COS'È IL DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO

Il programma svolto nell'ultimo anno verrà indicato dai docenti nel documento del 15 maggio. Che cos'è? Un documento che esplicita i contenuti, i metodi, i mezzi, gli spazi e i tempi del percorso formativo, i criteri, gli strumenti di valutazione adottati e gli obiettivi raggiunti, nonché ogni altro elemento che lo stesso consiglio di classe ritenga utile e significativo ai fini dello svolgimento dell’esame. Per le discipline coinvolte sono altresì evidenziati gli obiettivi specifici di apprendimento ovvero i risultati di apprendimento oggetto di valutazione specifica per l’insegnamento trasversale di Educazione civica. 

Gli insegnanti, in sede di maturità 2022, dovranno attenersi agli argomenti indicati nel documento del 15 maggio tanto per le domande e i materiali da proporre agli studenti al colloquio, quanto per i problemi da assegnare alla seconda prova che, vi ricordiamo, saranno decisi dalle sottocommissioni (leggi qui le anticipazioni sulle materie oggetto del secondo scritto). 

Fonte: getty-images

Le ultime news: