Disturbo ossessivo compulsivo: cos'è, cosa si nasconde dietro questo disturbo, cause scatenanti. Si guarisce?

Di Deborah Disparti.

Disturbo ossessivo compulsivo: cos'è e quali sono le sue caratteristiche? Si guarisce? Cosa si nasconde dietro questo disturbo, quali sono le cause scatenanti e come guarire.

Disturbo ossessivo compulsivo: cosa è e cosa non è

Una delle credenze più diffuse sul Disturbo Ossessivo Compulsivo (DOC) è che si tratti principalmente di una fissazione per l’ordine e la pulizia. Così molte persone amanti dell’ordine si autodefiniscono ossessive, sminuendo la sofferenza di chi realmente ha una diagnosi di DOC. Proprio per evitare questi fraintendimenti e per comprendere meglio chi ne soffre è importante conoscere come si manifesta questo disturbo, cosa solitamente lo genera e come muoversi per guarire o aiutare qualcuno a farlo.

Ossessioni e compulsioni: definizione

La prima cosa da sapere è la distinzione tra ossessioni e compulsioni:

  • Ossessioni: pensieri intrusivi, solitamente a carattere catastrofico e spaventante che generano
    molta ansia e agitazione. Es: “E se sulla portiera della macchina che ho toccato ci fossero dei batteri che mi
    causeranno una malattia inguaribile?
  • Compulsioni: schemi di comportamento o di pensiero messi in atto per diminuire l’ansia generata dalle ossessioni, solitamente sotto forma di rituali. Es: “Per evitare il contagio devo lavarmi le mani per 3 minuti esatti. Se sbaglio i passaggi dovrò ricominciare da capo”.
DOC - Disturbo ossessivo compulsivo
DOC - Disturbo ossessivo compulsivo — Fonte: getty-images

Sicuramente molti di noi sperimentano di tanto in tanto la presenza di alcuni pensieri ossessivi o di comportamenti compulsivi. Nonostante ciò però continuiamo a vivere le nostre attività quotidiane senza troppi problemi. Ciò che caratterizza il DOC infatti sono la persistenza e frequenza di ossessioni e compulsioni che rendono sempre più complicato lo svolgimento delle attività quotidiane, impedendo a chi ne soffre di portare a termine compiti scolastici, lavori, relazioni, hobby, ecc.

Cosa si nasconde dietro al DOC?

I sintomi psicopatologici sono le strategie migliori che corpo e mente hanno trovato per fronteggiare una situazione particolarmente stressante, pericolosa o traumatica per la persona. Queste strategie se mantenute nel tempo e all’interno dei diversi contesti di vita possono generare i disturbi psicopatologici.
Nel caso del DOC, i sintomi sono la strategia che la persona usa per fronteggiare il senso di Colpa e di Responsabilità, generalmente causati da eventi traumatici o da una storia di sviluppo caratterizzata da genitori (o altre figure di riferimento) altamente colpevolizzanti.
Per evitare di causare danni a sé o ad altri, chi soffre di Disturbo Ossessivo Compulsivo, mette in atto strategie iper-controllanti, in particolare rispetto all’ambiente in cui si trovano. Queste strategie si manifestano attraverso ossessioni e compulsioni che possono essere coerenti o meno con le cause scatenanti.
Ad esempio: per evitare danni alla persona amata, il soggetto potrebbe:

  • controllare ripetutamente che gas e serramenti siano ben chiusi;
  • allineare i libri in ordine cromatico con la credenza che questo abbia un effetto concreto
    sulla realtà;

E' possibile guarire dal DOC?

Chi soffre di DOC tendenzialmente presenta atteggiamenti molto rigidi e controllanti al di là del disturbo: questo dato rende più complicata la guarigione e più possibili le ricadute. Per questo motivo le guarigioni spontanee sono molto inferiori rispetto a quelle di altri disturbi. Guarire dal DOC però non è impossibile: negli ultimi anni la ricerca scientifica applicata alla psicologia ha permesso di individuare dei modelli di trattamento sempre più efficaci che comprendono la combinazione di più tecniche  erapeutiche, in primis l’Esposizione con Prevenzione della Risposta.
Come per gli altri disturbi, anche per il DOC l’elemento fondamentale per il trattamento è la relazione terapeutica, indipendentemente da modelli e tecniche di riferimento.

Per chi si trova vicino a qualcuno che soffre di DOC è importante:

  • offrire sostegno e comprensione;
  • tenere a mente che il DOC può avere infinite manifestazioni diverse;
  • non pretendere che la persona controlli le compulsioni;
  • non sminuire le ossessioni;
  • se necessario, aiutare nella ricerca di un terapeuta;

Leggi anche: