Gli errori da non fare quando si discute la tesi di laurea

Di Veronica Adriani.

Quali sono gli errori più comuni durante la discussione della tesi di laurea? Ecco esempi e consigli per non sbagliare durante la presentazione

DISCUSSIONE TESI DI LAUREA

Discussione della tesi di laurea: occhio agli errori!
Discussione della tesi di laurea: occhio agli errori! — Fonte: istock

Se dopo tanti anni di studio sei finalmente arrivato al tanto agognato traguardo della laurea, vuol dire che fino a questo momento hai superato la parte più difficile del tuo percorso accademico. Resta solo l'ultimo piccolo passo: quello della discussione della tua tesi di laurea, il lavoro che ti ha tenuto impegnato per tanti mesi e che dovrai presentare davanti alla commissione che ti valuterà.

DISCUSSIONE TESI DI LAUREA ESEMPIO

Discutere la tesi di laurea, dopo tanto lavoro, può sembrare il passo più semplice. In effetti in parte lo è: sei la persona che ha realizzato quella ricerca, e certamente ne conosci contenuti, criticità e possibili sviluppi meglio di chiunque altro. Ma proprio questa eccessiva sicurezza può farti cadere in alcuni piccoli errori, che però, con un po' di attenzione, puoi senz'altro evitare.

PREPARAZIONE DISCUSSIONE TESI

Vediamo allora nel dettaglio quali sono gli errori a cui prestare attenzione durante la discussione della tesi di laurea.

  1. Parlare senza tenere conto di chi si ha davanti
    Durante la discussione della tua tesi potrà capitarti di esporre il tuo lavoro come se fossi il solo nella stanza. Fai attenzione: non è così, davanti a te c'è un'intera commissione! Guarda negli occhi tutti i membri e cerca così di coinvolgerli. Questo denoterà sicurezza e manterrà viva la loro attenzione.
  2. Abusare di termini tecnici
    Se è vero che è importante esporre la tesi facendo un buon uso della terminologia adeguata, è altrettanto vero che in una commissione di laurea non tutti i membri sono competenti allo stesso modo in una data materia. Ciò significa che alcuni dei commissari potrebbero non riuscire a seguirti, sentendosi estraniati dal discorso. Cerca di mediare fra tecnicismi e non, magari aprendo la tua presentazione con una slide introduttiva che riassuma i punti salienti del tuo lavoro.
  3. Dilungarsi eccessivamente
    Durante la discussione della tesi cerca di fare un lavoro di "asciugatura" del tuo discorso: meglio essere conciso che noioso, il tuo discorso ne beneficerà in termini di attenzione e comprensione.
  4. Esporre fatti non rilevanti
    Quando ti chiederanno la motivazione per cui hai scelto di lavorare su un determinato argomento, cerca di essere il più possibile onesto. Nel caso in cui l'interesse sia nato su suggerimento di un professore, dillo pure: non c'è nulla di male.
  5. Esporre la tesi a memoria
    Un conto è conoscere un argomento in modo molto approfondito, un altro recitarlo a memoria come se si trattasse di una poesia. Cerca di evitare l'effetto "robot", magari con l'ausilio di qualche slide (ma con poco testo!).
  6. Parlare come ad un comizio
    Nell'esposizione del proprio lavoro può capitare di entusiasmarsi al punto di lasciarsi andare: si gesticola, si alza la voce, c'è persino chi si rivolge al pubblico alle spalle. È un comportamento, naturalmente, da evitare: cerca di essere posato e rispettoso di chi hai davanti.
  7. Dare per scontati determinati passaggi
    Conoscere molto bene un argomento può portarti a saltare alcuni punti fondamentali per chi non ha la tua stessa preparazione. Ricorda sempre che la commissione è composta da membri di più settori di studio, che ascoltano il tuo lavoro per la prima volta. Ogni membro deve poterti seguire nel tuo discorso, dall'inizio alle conclusioni: non saltare passaggi è fondamentale.
  8. Restare in silenzio per aver finito troppo in fretta
    Capita a volte che uno studente utilizzi per esporre la sua tesi meno tempo di quello che avrebbe a disposizione. Per evitare l'imbarazzo del silenzio, preparati una piccola postilla da utilizzare nel caso in cui questo dovesse accadere.
  9. Parlare troppo velocemente
    Questo può accadere nel caso in cui non si riesca a gestire adeguatamente l'ansia. Le parole si sovrappongono e la commissione percepisce solo un mucchio di frasi scomposte, rischiando di interrompere il candidato mentre parla per ricevere spiegazioni su concetti poco chiari. Non c'è altro da fare se non cercare di respirare a fondo e mantenere un ritmo costante nell'esposizione, rallentando al primo accenno di perplessità della commissione.
  10. Entrare nel panico pensando ai punti da raggiungere
    Può naturalmente succedere, e se dovesse accadere l'unico modo per riprendere il controllo è pensare che è proprio la performance che determina anche il giudizio finale. L'unica cosa che puoi fare per raggiungere un buon punteggio è esporre al meglio la tesi: cerca di essere chiaro, sintetico e coinvolgente e il resto verrà da sé.

LE ALTRE GUIDE PER L'UNIVERSITÀ

Studente universitario? Ecco le altre guide all'università che possono tornarti utili