Dichiarazione di Balfour del 1917: cosa dice il documento alle origini di Israele

Cosa dice la dichiarazione di Balfour del 1917 e perché è considerato un documento storico importante alla base dello Stato di Israele

Dichiarazione di Balfour del 1917: cosa dice il documento alle origini di Israele
getty-images

Dichiarazione di Balfour del 1917: il documento alle origini di Israele. Cos'è e perché è importante

Arthur James Balfour
Fonte: getty-images

La dichiarazione di Balfour è un documento storico emesso il 2 novembre 1917, durante la Prima guerra mondiale, dal governo britannico, rappresentato a quel tempo dal ministro degli Esteri Arthur James Balfour. Questo documento, emesso sotto forma di lettera, era indirizzato a Lord Walter Rothschild, il principale rappresentante della comunità ebraica britannica.

La dichiarazione esprimeva il sostegno del governo britannico alla creazione di un luogo nazionale per il popolo ebraico in Palestina, allora parte dell’Impero Ottomano. Quindi, il governo inglese si dichiarò favorevole all’idea di una dimora nazionale per gli ebrei, nel rispetto, però, dei diritti civili e religiosi delle altre minoranze religiose presenti in Palestina.

La dichiarazione di Balfour ebbe un impatto significativo sulla storia del Medio Oriente, poiché segnò uno dei primi passi verso la creazione dello Stato d'Israele nel 1948. Allo stesso modo, questa dichiarazione è stata oggetto di controversia e conflitto nel corso del tempo, poiché ha contribuito a una serie di tensioni tra le comunità ebraiche e palestinesi nella regione

Approfondimenti sulla questione israelo-palestinese

Un consiglio in più