Diagnostica per immagini e radioterapia: studi e formazione per diventare tecnico di radiologia

Vuoi diventare tecnico di radiologia? La formazione inizia all'università e non si ferma mai. Ecco tutte le info su corsi, iscrizione all'Albo e lavoro

Diagnostica per immagini e radioterapia: studi e formazione per diventare tecnico di radiologia
shutterstock

Diagnostica per immagini e radioterapia: come diventare un tecnico di radiologia

Fonte: shutterstock

Se il tuo sogno è quello di entrare nel settore medico, sappi che la specializzazione in tecnico di radiologia offre importanti sbocchi lavorativi, oltre che un’eccellente livello medio di remunerazione.

Prima di poter operare a livello ospedaliero, nel settore pubblico o privato, avrai però bisogno di seguire un percorso di studi talvolta complesso, ma altamente stimolante, che ti consentirà di diventare parte attiva nel comparto diagnostico della sanità italiana o estera.

Cos’è un tecnico radiologo?

Se hai mai fatto i raggi, probabilmente hai avuto a che fare con un tecnico radiologo. La professione di tecnico radiologo, o radiologia medica, è disciplinata dal D.M. 746 del 26 settembre 1994, il quale afferma che “il tecnico sanitario di radiologia è l’operatore sanitario che in possesso del diploma universitario abilitante e dell’iscrizione all’albo professionale, è responsabile degli atti di sua competenza ed è autorizzato ad espletare indagini e prestazioni radiologiche”.

Nello stesso Decreto viene spiegato inoltre che il radiologo è la figura preposta a svolgere, in via autonoma o in collaborazione con altre figure sanitarie, su prescrizione medica “tutti gli interventi che richiedono l'uso di sorgenti  di  radiazioni ionizzanti,  sia  artificiali  che  naturali,  di  energie  termiche, ultrasoniche, di risonanza magnetica nucleare nonché gli  interventi per la protezionistica fisica o dosimetrica”.

Per semplificare, il medico radiologo effettua esami diagnostici come: radiografie, risonanze magnetiche, ecografie, tomografie computerizzate e altro ancora. Non solo: è anche in grado di leggerle e utilizzarle come strumento per diagnosticare, in collaborazione con altri professionisti, eventuali problemi di salute.

Come si fa a diventare radiologo? Serve la laurea in medicina?

Per diventare tecnico radiologo non hai bisogno di una laurea in medicina. Al contrario, avrai bisogno di un diploma secondario di secondo livello (non necessariamente di liceo), ovvero del documento scolastico requisito fondamentale per il corso di laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per immagini e radioterapia.

Non puoi diventare tecnico di radiologia senza questa laurea.

Si tratta di una laurea abilitante alla professione sanitaria di Tecnico di Radiologia Medica, corso attivo in una grandissima quantità di atenei italiani. Il corso prevede più o meno 20 esami in totale, più un tirocinio, una serie di laboratori ed altre attività formative.

  • Il primo anno lo studente riceve un’infarinatura generale sulle materie scientifiche, come fisiologia e anatomia, apparecchiature, radioprotezione fisica e medica e scienze interdisciplinari;
  • Il secondo anno vengono introdotte materie settoriali come diagnostica per immagini, radioterapia e medicina nucleare, ma anche assistenza ai pazienti.
  • Il terzo anno è dedicato all’approfondimento per la diagnostica per immagini, alle tecniche di primo soccorso e a scienze umane pensate per stabilire un contatto umano con il paziente.

Immatricolazione e test per professioni sanitarie

L’immatricolazione al corso di laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per immagini e radioterapia ha come requisito il superamento di un test per professioni sanitarie.

Allo stato attuale delle cose, il test consta di 60 domande, che cambiano da ateneo ad ateneo. Si tratta di una prova cartacea in cui ogni università gestisce modalità e tempi di pubblicazioni della graduatoria, ma la data di svolgimento è una sola, valida per tutto il suolo italiano.

Le modalità di svolgimento vengono di solito decise dal MUR con un decreto specifico che viene pubblicato di anno in anno. Non solo: il Ministero decide anche i posti disponibili su base nazionale mentre il testo dei quesiti rimane invece di competenza di ciascun ateneo, così come la graduatoria (che può venir stilata per preferenze o per merito).

Vuoi iscriverti al test di ammissione? Controlla i siti ufficiali degli atenei a cui sei interessato iscriverti e tieni sempre conto che il bando esce di solito nei primi mesi dell’anno. L’accesso alle professioni sanitarie è numero chiuso.

Il test, pur cambiando ogni anno e di ateneo in ateneo, verte su alcuni argomenti principali:

  • - Comprensione del testo
  • - Logica
  • - Biologia
  • - Chimica
  • - Fisica e Matematica

Se vuoi prepararti esistono dei volumi appositi, ai quali puoi integrare alcune Simulazioni e test per Professioni Sanitarie online.

Iscrizione all’Albo dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica

Una volta conseguita la laurea triennale, l’esercizio della professione sarà subordinato all’iscrizione all’Albo dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica, il quale fa parte della federazione FNO TSRM e PSTRP. La tassa di iscrizione annuale può cambiare da provincia a provincia, e si aggira di solito tra i 70 e i 100 euro.

Eventuali specializzazioni in radiologia: laurea magistrale

Desideri perfezionare le tue conoscenze nel settore della radiologia? Puoi decidere di intraprendere una laurea magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie e Tecniche Diagnostiche. L’ambito occupazionale di coloro i quali abbiano conseguito questa laurea magistrale è costituito da strutture sanitarie (pubbliche o private) che svolgono attività di diagnosi, di cura, di assistenza, o di docenza/ricerca scientifica.

Radiologia: formazione continua ECM

L’ECM (Educazione Continua in Medicina) è il processo attraverso il quale il professionista della salute, e in questo caso il radiologo, si mantiene aggiornato per rispondere ai bisogni dei pazienti, alle esigenze del servizio sanitario e al proprio sviluppo professionale. La formazione continua in medicina comprende l’acquisizione di nuove conoscenze, abilità e attitudini utili a una pratica competente ed esperta, aggiornandosi sui nuovi metodi di diagnosi e terapia.

I professionisti sanitari come i radiologi hanno l'obbligo deontologico di mettere in pratica le nuove conoscenze e competenze per offrire una assistenza qualitativamente utile. Prendersi, quindi, cura dei propri pazienti con competenze aggiornate, senza conflitti di interesse, in modo da poter essere un buon professionista della sanità.

Per poter accedere ai corsi ECM è necessaria l’iscrizione alla piattaforma myECM, attraverso la quale l’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali mette a disposizione dei radiologi (e non solo) una pagina personalizzata tramite la quale è possibile monitorare comodamente online la propria situazione formativa per i crediti acquisiti esclusivamente tramite eventi organizzati dai provider accreditati dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua. È inoltre possibile consultare un elenco di corsi ancora da svolgersi, così da potersi iscrivere per migliorare la propria preparazione.

Quanto guadagna un tecnico di radiologia?

Un tecnico di radiologia guadagna in media 1200-1300 euro al mese, tenendo presente che gli anni di esperienza e la formazione incidono molto sullo stipendio mensile, che col tempo, inevitabilmente, sale.

Altre guide su professioni mediche

Un consiglio in più