Decameron: riassunto e struttura dell'opera di Boccaccio | Video

Di Marta Ferrucci.

Il video riassunto, spiegazione e struttura delle novelle del Decameron di Boccaccio

DECAMERON RIASSUNTO e STRUTTURA

Fonte: Video Interni

DECAMERON GIORNATE E PERSONAGGI

Stai studiando il Decameron: le dieci giornate con le dieci novelle in ciascuna giornata? Tranquillo, ci siamo noi per aiutarti a fare il punto della situazione.

La prima cosa che devi ricordarti è la data. Il Decameron di Boccaccio è un’opera scritta tra il 1349 1351. Già nel titolo si capisce di cosa si parla: dieci giornate. Boccaccio, infatti, per raccontare questa storia e che dedica a tutte le donne nella speranza di guarirle dalle pene d’amore, inventa una cornice. Che cosa è una cornice? Una storia che raccoglie tutte le altre, un po’ come accade in mille e una notte. Questa cornice racconta di dieci giovani che si incontrano nel momento in cui Firenze è tormentata dalla peste e per sfuggire sia al contagio che alla decadimento dei costumi decidono di trasferirsi in una residenza esterna dove passeranno 14 giorni. 10 di questi 14 giorni saranno dedicati alla narrazione delle novelle. Ognuno di loro racconterà una storia, ogni giorno dedicata a una tematica. Faranno eccezione solo la prima e la nona giornata, che saranno a tema libero. A turno uno di questi giovani sarà il re della giornata.

Leggi anche i riassunti delle novelle: Chichibio e la Gru - Landolfo Rufolo

BOCCACCIO, IL DECAMERON E IL PARALLELO CON DANTE

Ora cerchiamo di occuparci dello stile del Boccaccio: probabilmente il professore ti chiederà  di fare un parallelo con Dante. E tu a questo punto potrai rispondere che i due autori hanno dei lati in decomune: per esempio, il fatto che entrambi scrivano in volgare o il fatto che sono cento novelle così come sono cento i canti della Commedia. Ma c’è una bella differenza: infatti, Boccaccio sceglie una morale laica, cosa che, come sappiamo, Dante non fa. Ed è da questo che devi partire per ricordarti bene quali sono le tematiche fondamentali del Decameron. Il Decameron è un’opera molto particolare primo perché il suo stile cambia a seconda delle novelle: dallo stile tragico, a quello aulico a quello comico.

DECAMERON: TEMI

Ma la cosa fondamentale è che Boccaccio parla di temi molto moderni, infatti anche se a te può sembrare normale che qualcuno racconti esplicitamente dell’amore carnale, all’epoca questo non era minimamente possibile. Invece Boccaccio lo fa e insieme all’amore carnale parla anche della potenza dell’intelligenza e sostiene che chi la possiede può avere anche la meglio sugli altri perché ne ha il diritto. Oppure, ancora, il tema della fortuna che non è più la fortuna angelica, ma è effettivamente il caso, con cui tutti gli uomini devono confrontarsi a seconda dei propri mezzi. E su questa scia puoi ricordarti il fatto che Boccaccio rivaluta la figura dei mercanti perché l’ingegno, la capacità di stare al mondo vengono finalmente vengono indicate come delle vere e proprio virtù delle persone.

DECAMERON DI BOCCACCIO: IL TEMA DELL'AMORE

E, infine, torniamo un po’ a quello che avevamo detto all’inizio, cioè il tema dell’amore che sia l’amore aulico, l’amore del dolce stilnovo ma è anche l’amore carnale che però è visto senza l’ombra del peccato. In poche parole Boccaccio mette in scena nella sua opera un mondo antropocentrico che in seguito verrà molto approfondito dalla letteratura ma che fa di lui un vero e proprio pioniere e possiamo dire che con questo hai a tua disposizione tutti gli strumenti per fare una bella figura all’interrogazione.