Viaggiare leggeri ma non troppo

Stai partendo per l’Erasmus e, forse, è la prima volta che ti troverai lontano da casa per un periodo così lungo. Hai tante cose a cui pensare: lo studio, la città, le persone... per te è tutto nuovo e stimolante! È proprio nei momenti di grandi cambiamenti, però, che si abbassa la guardia e si rischia così di fare errori particolarmente “costosi”. Che tu parta per tre, sei o dodici mesi, poco importa: quando sei in giro per il mondo devi sempre ricordati di fare scelte finanziare ragionevoli, sia prima che durante il soggiorno. Ti presentiamo allora la guida “Viaggiare leggeri ma non troppo” che si propone di illustrarti gli strumenti economici utili per viaggiare in comodità e sicurezza.

L’importanza del conto corrente

Cosa devo fare prima di partire? Prima di metterti in viaggio devi organizzarti con tutti gli strumenti bancari di base che ti permettono di essere autonomo nei pagamenti in Italia e all’estero. Sarà quindi necessario che tu ti apra un conto corrente, il che è molto facile: si può fare anche online!

Quali benefici ottengo aprendo un conto corrente? Prima di tutto, con un conto, puoi richiedere una carta di pagamento collegata. Scoprirai tra poco quanto può tornarti utile, specialmente all’estero. Aprendo un conto hai poi la possibilità di scaricare un’app che ti permette di effettuare quasi tutte le operazioni in autonomia, quando vuoi, senza necessità di recarti in una filiale fisica. Se hai dei dubbi puoi contattare anche i gestori della filiale online che ti possono aiutare! Scaricando l’app e dematerializzando la carta sul tuo smartphone, inoltre, puoi pagare in mobilità senza per forza dover avere con te fisicamente la carta.

Infine, il conto permette anche di avere servizi aggiuntivi, quali ad esempio la possibilità di mettere da parte delle piccole somme per degli specifici obiettivi di spesa: essenziale per organizzare le tue risorse.

Proteggiti dalle frodi: attiva il Servizio GeoControl

Che cos’è il GeoControl? È un servizio che ti permette di scegliere l’area geografica dove utilizzare le tue carte all’estero per prelevare agli sportelli automatici abilitati e fare acquisti nei negozi.

Perché dovrei attivarlo? Quando sei in viaggio gli inganni e le frodi legati all’uso delle carte di credito possono farsi più frequenti, ma non tutti i Paesi esteri aderiscono ai nuovi standard di sicurezza europei. Il Servizio GeoControl ti permette di limitare l’utilizzo delle carte solo ai Paesi che rispettano questi standard, come l’Italia, e di ridurre così il rischio di frode se la tua carta viene clonata.

E se sono in un Paese che non rispetta questi standard? Ogni carta ha un suo profilo di riferimento che trovi già impostato alla sua attivazione, ma puoi scegliere in qualsiasi momento di cambiarlo. Se viaggi in un Paese che non rispetta gli standard di sicurezza europei puoi decidere di passare da un Profilo Limitato a un Profilo Mondo, che ti permette di prelevare e pagare nei negozi di tutti i Paesi senza limitazioni geografiche. Come si attiva? Dal sito o dall’app della banca online, chiamando il Numero Verde, oppure in filiale con l’aiuto del gestore.

Suddividi i soldi su vari supporti e carte

Perché dovrei dividere i miei fondi su diversi supporti e carte? Quando viaggi il consiglio è quello di avere sempre dei “soldi di emergenza” qualora ti venisse rubata o ti dovessi perdere una carta.

Potrei essere derubato anche nella mia città, perché preoccuparmi tanto quando sono in viaggio? È vero, bisogna sempre essere attenti, ma immaginati di rimanere senza denaro all’estero piuttosto che nella tua città: la prima situazione è ovviamente molto più rischiosa della seconda, ma puoi facilmente evitarla!

Come faccio ad avere del denaro di emergenza? È molto semplice! Oltre che sulla tua carta, assicurati sempre di avere piccole quantità di denaro sia su una prepagata che in contanti. Puoi tenere la prepagata e i contanti anche fuori dal portafoglio, meglio se lontani fra loro. In questo modo se perderai uno di questi “depositi” avrai sempre gli altri a cui attingere per un breve periodo di tempo.

Sportelli bancomat e cambiavalute: dove conviene prelevare?

Quali sono i pro e i contri dei cambiavalute? Se ti trovi in un paese dove non viene accettato l’euro e mentre sei lì desideri avere tra le mani dei contanti in valuta locale, basterà guardarti un attimo intorno per trovare un cambiavalute. La loro numerosa presenza, specialmente in luoghi di interesse come gli aeroporti, le stazioni e i centri storici, è infatti un enorme vantaggio per tutti gli stranieri, ma si paga attraverso commissioni che potrebbero essere un po’ più elevate della norma.

Cosa sono le commissioni? Immaginiamoci che tu debba andare davvero a New York e che tra euro e dollaro esista un tasso di cambio di 1,2: 100 euro valgono cioè 120 dollari. A New York ti rendi conto che, però, prelevando 120 dollari ti vengono scalati dal conto 110 euro. Ecco, questi dieci euro di differenza sono le commissioni: il profitto che l’istituto bancario o l’agenzia di cambio ottiene dal tuo prelievo. Queste commissioni variano a seconda delle banche e delle società emittenti.

E se prelevo agli sportelli bancomat? Forse potrebbe essere più difficile trovarne uno, ma con un po’ di pazienza ci riuscirai sicuramente. Le banche hanno commissioni più basse rispetto alle agenzie di cambio, in genere, ma ti conviene sempre informarti prima di partire!

In fin dei conti, non è meglio viaggiare senza contante? Lo dicevamo prima: un po’ di denaro liquido potrebbe esserti d’aiuto in situazioni critiche. Però, in tutti gli altri contesti le carte sono ormai pienamente accettate e non serve dunque viaggiare con tanti soldi nel portafoglio.

Se vuoi utilizzare i servizi di sharing, ad esempio, non puoi quasi mai usare i contanti. I tuoi stessi compagni di viaggio, inoltre, potrebbero preferire passarsi il denaro ed effettuare pagamenti tramite app e carte. È una prassi molto condivisa tra i giovani, comoda e sicura: non farti cogliere impreparato! Ricorda infatti che, in caso di furto o smarrimento, le carte possono essere bloccate, mentre monete e contanti andrebbero immediatamente persi. Di solito le carte di pagamento prevedono perfino delle coperture assicurative gratuite che tutelano gli acquisti pagati con carta e le somme prelevate.

Se ti dovesse capitare di effettuare acquisti online, di solito è presente anche la garanzia safe online, che ti tutela in caso di bene non conforme o non consegnato.

Prevenire è meglio che curare: sottoscrivi un’assicurazione sanitaria viaggio

Cos’è un’assicurazione sanitaria viaggio? È una polizza che ti aiuta a coprire i costi di eventuali cure mediche durante il viaggio. Ammalarsi o infortunarsi può rivelarsi costoso, soprattutto se ti trovi in un paese dove la tua normale polizza assicurativa non è valida.


Quanto costa? Esistono polizze diverse e compagnie assicurative differenti, quindi spetta a te informarti e trovare quella più adatta alle tue esigenze. Solitamente, ricorda, maggiore è il premio e migliore è la copertura.

Quale livello di copertura delle emergenze mediche mi serve? Il livello di copertura assicurativa che ti occorre dipende dalla tua situazione personale, dai tuoi programmi di viaggio e dalla tua disponibilità economica. La maggior parte dei massimali di copertura, in gran parte dei casi, sono più che sufficienti, ma se stai partendo per una pericolosa spedizione ai confini del mondo una polizza maggiore potrebbe fare al caso tuo!

Dividi le spese con i tuoi compagni di viaggio

Come faccio a dividere i costi della vacanza con gli altri viaggiatori? Prima di tutto hai bisogno di uno strumento che ti permetta di monitorare le spese sostenute dal tuo gruppo durante il soggiorno. Alcune applicazioni consentono di annotare man mano tutti i costi della vacanza, dividere i totali e tenere traccia dei “debiti” che hai verso altri viaggiatori o, viceversa, del denaro che ti deve essere restituito. Una volta fatti i conti, i trasferimenti possono essere poi comodamente effettuati tramite ulteriori app. Puoi usufruire di servizi come quelli offerti dall’applicazione della tua banca per ricevere o inviare denaro ai tuoi amici senza pagare commissioni.

Questi servizi offrono anche la possibilità di fare “cassa comune” come un tempo? Certo! Nulla nega a te e ai tuoi compagni di caricare, prima della partenza, una data somma di denaro su un unico conto, così da poterlo utilizzare per ricoprire tutte le spese collettive: come quelle dei pasti o dei viaggi. Se sei da solo, non preoccuparti! Puoi comunque ammortizzare le spese degli spostamenti affidandoti ai servizi di carpooling. Attraverso diverse piattaforme puoi mettere a disposizione i posti vuoti a bordo della tua auto a fronte di un contributo alle spese, o cercare qualcuno che percorra il tuo stesso itinerario.

Non ti abbiamo ancora detto che… esistono le borse di studio per l’estero

Si può viaggiare per divertimento, ma anche per studio. Pensa ai programmi universitari come l’Erasmus o il Progetto Leonardo. Oppure pensa alle Scuole di Alta Formazione o università straniere in cui ti piacerebbe studiare.  

Ti verrebbe da dire: “Bello, ma come faccio?”. Anche in questo caso è bene sapere che sono previsti dei prestiti per gli studenti che è possibile restituire a fine del percorso formativo. Le rate e la durata possono essere studiate per adattarsi alle esigenze di ciascuno, anche se non si può procedere con la restituzione in un’unica soluzione. È possibile richiedere la sospensione delle rate, modificare la durata del prestito e non è necessaria una garanzia patrimoniale da parte tua e dei tuoi genitori.

Certo, dirai, questi prestiti sono utili anche per studiare in Italia. Tanto più all’estero, dove chiaramente bisognerà prevedere spese più alte.

- - -