Assicurarsi: sai che conviene anche da giovani?

L’assicurazione, questa sconosciuta. Se ne sente spesso parlare: assicurazione dell’auto, del biglietto aereo, l’assicurazione sulla vita o per danni a terzi. La realtà però è questa: in Italia ci si assicura davvero poco. Le persone infatti vedono spesso le assicurazioni come una spesa inutile, denaro speso male, invece che un investimento. Molte persone infatti si comportano come se “il rischio” fosse bassissimo e la spesa per coprirsi da tale rischio invece spropositata.

Questo, però, non corrisponde alla verità.

Esistono infatti moltissime assicurazioni sui più disparati settori, che permettono tanto agli adulti, quanto ai giovani, di risparmiare e trattare le proprie cose e sé stessi nel migliore dei modi. Il fatto è che ovviamente non bisogna assicurare tutto: ognuno di noi ha esigenze diverse. Ma queste esigenze, soprattutto le più care e importanti, è bene che siano tutelate al meglio. Oggi impareremo come!

Vediamo dunque cosa è una assicurazione, come funziona, perché vale la pena farla e quali diversi tipi di assicurazioni esistono.

1. Innanzitutto: cos’è una assicurazione?

• L’assicurazione è un contratto con cui l’assicuratore (cioè un ente, normalmente privato), si obbliga a risarcire l’assicurato (in questo caso: noi) nel caso in cui questo 
subisca un certo tipo di danno. 


• Ovviamente ciò non avviene in modo gratuito, ma a valle di un pagamento detto 
premiopremio”, da parte dell’assicurato all’assicuratore. 


• Parallelamente, il risarcimento che si può ottenere in caso di danno non è infinito: 
dipende dal contratto, ma è ovviamente molto più alto del premio pagato. 


2. Ok... Ma vediamo con un esempio come funziona nella pratica: un viaggio a Parigi!

• Un bel giorno decido di comprare un biglietto aereo per Parigi, il cui costo è di 100€. 


• Il biglietto, di base, non è rimborsabile. Ma mentre acquisto mi appare sulla 
schermata della compagnia aerea una proposta sull’assicurazione: 


o Niente assicurazione: “se per qualche motivo cancelli il volo, non verrai rimborsato”
o Assicurazione base, costa 5 euro, che garantisce: “se rinunci al volo entro 1 giorno dalla partenza, te lo rimborsiamo completamente”
o Assicurazione premium, costa 10 euro, che garantisce: “se rinunci al volo entro 1 minuto dalla partenza, te lo rimborsiamo completamente

•   Ci rifletto qualche minuto e, siccome non sono sicuro che partirò al 100% per un 
impegno che so potrebbe sopraggiungere, decido di assicurarmi! 


•   So d’altra parte che entro il giorno prima avrò deciso, dato che l’altro impegno mi verrebbe comunicato con qualche giorno di anticipo, e dunque decido di comprare 
l’assicurazione da 5€. 


•   A questo punto, se alla fine parto per il mio viaggio, il mio biglietto mi sarà costato 
100+5€, cioè 105€. 


•   Se invece l’impegno sopraggiungesse, e non riuscissi a partire, mi verranno 
rimborsati 100€, spendendo così in totale solo i 5€ dell’assicurazione. 


•   Se invece avessi deciso di rischiare, solo per risparmiare 5€... Ne avrei persi 100! 


•   Insomma: con soli 5 euro in più, mi posso proteggere dagli imprevisti! Oltre al fatto 
che vivrei i giorni precedenti al viaggio con molta più serenità.

3. La cosa sembra dunque comodissima! Ma posso assicurare tutto con 5€, o le assicurazioni hanno costi diversi?

• Ovviamente, ogni oggetto, ogni esperienza, ogni diversa tutela, ha un valore diverso e dunque le relative assicurazioni hanno un costo diverso. 


• L’assicurazione di un viaggio low cost può costare 5€, mentre quella dell’automobile può costare anche 500€ o di più. 


• Inoltre, un’assicurazione per lo stesso oggetto può avere valori diversi: posso fare una assicurazione base per l’automobile, e spendere 400 euro, oppure posso farla più completa e spenderne 1000, in base a quali diverse cose voglio assicurare. 


4. Ma io sono giovane, e non ho un’automobile. Che altre assicurazioni dovrei fare?

• Beh, l’abbiamo visto prima. Ci sono assicurazioni che potrebbero interessare anche 
ai giovani. 


• Abbiamo ad esempio un viaggio in programma? Controlliamo le assicurazioni sui 
voli, potrebbero essere utili, come abbiamo visto dall’esempio di prima. Ci sono anche le assicurazioni sullo smarrimento dei bagagli, nel caso in cui trasportassimo qualcosa di valore! 


• Oppure ancora: abbiamo il motorino, la bicicletta, il monopattino? Sono tutti oggetti di valore che anche noi giovani usiamo, e che potrebbero esserci rubati o rovinati. Se li assicuriamo, con una spesa relativamente piccola ci tuteliamo in caso di danni! 


• O ancora: facciamo sport? Il rischio di rompersi qualche osso è basso, ma qua e là qualche imprevisto succede: un compagno di squadra infortunato lo abbiamo avuto tutti! E allora varrebbe la pena assicurarsi, per garantirsi ad esempio le migliori cure durante l’eventuale fisioterapia. 


• Infine ci sono anche cose più semplici, ma utili. Tipo: l’assicurazione sullo smartphone. Se riceviamo l’ultimo modello, che magari costa centinaia di euro, a volte con poche decine di euro possiamo proteggerlo da ogni danno. E così, nella malaugurata ipotesi in cui ci cada e si rompa lo schermo, potremo farlo riparare senza spendere nulla in più. Quanti di noi hanno amici con lo schermo rotto che non cambiano telefono per non spendere? Se fossero assicurati, potrebbero ripararlo! 


5. Ottimo! Ma sono giovane, devo chiedere ai miei genitori di farla per me o posso fare tutto per conto mio?

• Non preoccuparti: alcune di queste assicurazioni sono assolutamente aperte anche ai giovani senza che ci sia per forza un tutore alle spalle. 


• Ovviamente, per le più impegnative dovresti comunque parlarne con i tuoi genitori, per capire quali potrebbero essere vantaggiose e quali no. 


• Inoltre, i tuoi genitori possono anche fare delle assicurazioni a protezione di tutta la famiglia, verso ad esempio danni verso terzi, in modo che siate tutti tutelati in caso di danni involontari fatti ad altre persone o ai loro beni. Potrebbe essere un bel consiglio da dargli!

• Un altro esempio di assicurazione di cui parlare con i genitori è quella sugli animali domestici: per quanto bene li educhiamo, a volte sbagliamo e ne perdiamo il controllo. Essere assicurati per eventuali danni fatti da loro, magari ad oggetti di altre persone, ci potrebbe proteggere da spiacevoli imprevisti😉.

6. Ma insomma... Devo assicurare ogni cosa?

• Ovviamente no, si tratta di un’opportunità. Non bisogna assicurare per forza tutto, 
ma non sarebbe lungimirante neanche non assicurare nulla! Come ogni cosa: il 
giusto sta nel mezzo. 


• Gli imprevisti non capitano tutti, e non capitano sempre. Ma ogni tanto capitano, è 
innegabile. Una gamba rotta, un piccolo incidente in auto, una bicicletta rubata, lo smartphone smarrito... Non deve per forza succedere tutto, ma qua e là un evento sfortunato può capitare!

• Se siamo assicurati contro la maggior parte di questi eventi, o contro quelli che per 
noi sono importanti e possibili, è probabile che anche un solo evento sfortunato, ma 
assicurato, ci ripaghi di tutte le assicurazioni fatte e magari non “usate”. 
 Inoltre, c’è un aspetto importante che a volte non si valuta: avere l’assicurazione non 
solo ci tutela e risarcisce, ma ci fa anche vivere tranquillamente. Viaggiare senza timori, prenotare le vacanze senza paura, fare sport divertendoci. Insomma: l’assicurazione ci permette davvero di fare sonni tranquilli e goderci le nostre passioni.

7. Dunque: devo valutare cosa davvero vale ed è importante per me e poi assicurarlo?

• Esatto! Bisogna parlarne in famiglia e valutare quali sono i beni che è bene tutelare. 


• Dopodiché, è importante studiare insieme le assicurazioni più vantaggiose e 
semplici: ce ne sono moltissime e sono disponibili presso le assicurazioni e le 
banche. 


• A quel punto, assicurate le cose scelte. 


• E infine: dobbiamo vivere al meglio e serenamente la nostra vita, rimanendo 
ovviamente attenti a tutte le nostre cose! 
Di assicurazioni insomma ce ne sono un’infinità, ognuno di noi è diverso e deve guardare le cose in base alle proprie esigenze. Ma con una attenta pianificazione e degli investimenti ridotti, si può davvero vivere più sereni e pronti per gli imprevisti! 
  

- - -