Crop Circles: significato e storia dei cerchi nel grano

Di Francesca Ferrandi.

Crop Circles: il significato, la storia e la provenienza dei misteriosi cerchi nel grano dagli anni Settanta ad oggi. Ecco tutto quello che bisogna sapere

SPECIALE SCUOLA 2017/2018

|Calendario scolastico| Temi di Italiano svolti

CROP CIRCLES: COSA SONO I CERCHI NEL GRANO

I Crop Circles (o cerchi nel grano)
I Crop Circles (o cerchi nel grano) — Fonte: getty-images

Chi non ha mai sentito parlare di crop circles – o, in italiano, cerchi nel grano? Spieghiamo brevemente di cosa si tratta: i cerchi nel grano sono figure geometriche o disegni di varia dimensione ed entità che si possono vedere dall’alto, in aree di campi di cereali, di grano o di coltivazioni simili, grazie all’appiattimento delle piante in modo uniforme. Negli anni ci si è spesso interrogati sulla provenienza di questi misteriosi crop circles e dei loro realizzatori, aprendo la strada alle più variegate ipotesi: Ufo, fenomeni metereologici, fulmini globulari, vortici di plasma, satelliti artificiali, fenomeni elettrodinamici e addirittura il Pentagono (il quartier generale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti d'America, ndr). Dove sta la verità? Chi si cela realmente dietro i crop circles? Scopriamolo insieme.

CROP CIRCLES: LA STORIA

Importante è, innanzitutto, ricostruire la storia dei crop circles sin dal loro primo avvistamento. Tutto cominciò il 15 agosto del 1972 quando a Warminster, nell’Inghilterra meridionale, un giornalista (Bryce Bond) e un ufologo (Arthur Shuttlewood) affermarono di aver visto nel cielo due oggetti splendenti. Stando al loro racconto, uno dei due oggetti, di forma triangolare e lungo circa sette metri, si era andato posizionando sopra un campo di grano nelle vicinanze, realizzando in poco meno di un minuto un disegno geometrico, per poi sparire misteriosamente nel nulla. Gli avvistamenti andarono man mano intensificandosi negli anni Ottanta del XX secolo, in particolare nelle regioni del Wiltshire e dello Hampshire: i giornali iniziarono ad interessarsi al fenomeno, parlandone in termini complottistici, e l’apparizione dei cerchi nel grano aumentò vertiginosamente. Le figure dei crop circles si fecero via via più complesse arrivando, nel 1990, ad un numero di circa 700 avvistamenti.

I CERCHI NEL GRANO: OPERA DEGLI ALIENI?

Chi era a realizzare questi cerchi nel grano? Gli alieni, come sostenevano Bond, Shuttlewood e la stampa? Le prime smentite arrivarono nel 1991: Doug Bower e Dave Chorley, due anziani inglesi, dichiararono alla stampa che, a partire dal 1978, avevano iniziato a creare dei cerchi nel grano per scherzo, così da far credere alla popolazione nell’esistenza degli Ufo. Per dimostrare la propria versione dei fatti, realizzarono un crop circle davanti ai giornalisti in circa un’ora di tempo.
Le dichiarazioni di Bower e Chorley dimostravano un concetto molto semplice: chiunque poteva (e può tuttora) realizzare dei cerchi nel grano in poco tempo e con pochi strumenti a disposizione.
Ovviamente tutto ciò, come altre dimostrazioni pratiche e scientifiche, non ha messo freno alle ipotesi pseudoscientifiche secondo cui i crop circles avrebbero un’origine diversa da quella umana. Le apparizioni dei cerchi di grano continuano ad essere un argomento estremamente attuale (anche l’Italia, in tal senso, è stata teatro del fenomeno), eppure tutte le ipotesi riguardanti l'origine naturale dei cerchi di grano non hanno trovato un riscontro scientifico.

Crop Circles, 1985 7 foto
Crop Circles, 1985