Covid scuola, cosa fare se sei entrato a contatto con un positivo

Di Redazione Studenti.

Covid a scuola, ecco le linee guida da seguire nel caso in cui fossi entrato in contatto con un compagno o con un docente positivo

COVID A SCUOLA

Covid a scuola, cosa fare in caso di contatto stretto
Covid a scuola, cosa fare in caso di contatto stretto — Fonte: istock

Con la riapertura delle scuole e l'impennata dei contagi a livello nazionale (9.337 positivi registrati nella giornata del 19 ottobre) non è raro scoprire di essere venuti a contatto con un caso positivo al Covid-19. Come comportarsi se il contatto stretto è avvenuto a scuola? Non ci sono delle linee guida nazionali ma regionali, perciò il comportamento da adottare dipende dalla propria regione di residenza. 

Intanto.

COSA FARE IN CASO DI CONTATTO STRETTO

Le linee guida della Regione Lombardia (qui la pagina del sito istituzionale con tutte le informazioni) definiscono tutte le azioni da mettere in atto per la gestione dei casi sospetti. 

  • Se uno studente avverte i sintomi del Covid-19 a scuola viene messo in isolamento fino all'arrivo dei genitori. La scuola deve apporre un timbro sul modulo di autocertificazione per l'accesso al punto tampone. Se i sintomi si presentano a casa, i genitori contattano il medico che può indicare la necessità di effettuare il tampone.
  • L'isolamento domiciliare fiduciario dei contatti stretti viene disposto unicamente a seguito di segnalazione di caso accertato Covid-19. 
  • Contatti stretti
    I contatti stretti del caso sospetto (che non ha ancora ricevuto il referto del tampone) non devono sottoporsi a isolamento domiciliare fiduciario ma mantenere comportamenti prudenti nell'attesa dell'esito del tampone del caso sospetto. In caso di studente positivo i contatti stretti vengono posti in isolamento fiduciario per 14 giorni, in assenza di sintomi al termine dell'isolamento devono sottoporsi al tampone. In caso contrario il tampone deve essere fatto entro 24-48 ore dalla coimparsa dei sintomi. Il personale scolastico che ha adottato tutte le norme di distanziamento, l'igienizzazione frequente delle mani e che abbia utilizzato sempre la mascherina non è da considerarsi un contatto stretto. 
  • Riammissione in collettività
    In caso di tampone positivo il paziente deve sottoporsi a due tamponi - con risultato negativo - a distanza di 24 ore l'uno dall'altro. Dopo la conferma di avvenuta guarigione il medico rilascia un'attestazione di nulla osta all'ingresso o al rientro in comunità.
  • Punti tampone
    Consulta qui l'elenco della regione Lombardia

Regione Piemonte (a questo indirizzo trovate tutte le linee guida)

  • Se i sintomi compaiono a scuola, lo studente deve essere allontanato dalla classe e dovrà indossare la mascherina chirurgica fino all'arrivo dei genitori. Il soggetto dovrà rivolgersi poi al medico curante. 
  • Cosa fare in caso di contatto con un caso sospetto
    L'isolamento fiduciario, la ricerca dei contatti e l'eventuale quarantena si faranno solo a partire dall'esito positivo del tampone. Se uno studente è un convivente di un caso positivo dovrà essere posto in quarantena, mentre i compagni di classe non necessitano di quarantena. 
  • Riammissione a scuola
    Per la riammissione a scuola sono necessari due esiti negativi di tamponi effettuati a distanza di 24 ore. 
  • A questo indirizzo trovate tutte le indicazioni della regione Piemonte. 

Regione Lazio

  • Cosa fare in caso di comparsa dei sintomi
    Nel caso in cui l'alunno avvertisse i sintomi a scuola, l'operatore scolastico deve avvisare il referente scolastico Covid-19 che chiama i genitori dell'alunno e dispone l'isolamento dello stesso fino all'arrivo dei genitori. Il referento contatta la Asl e si effettua l'eventuale test diagnostico. Nel caso in cui lo studente avvertisse i sintomi a casa non deve uscire. I genitori devono avvisare la scuola e il pediatra o il medico curante.
  • Nel caso di contatto stretto, cioè diretto, con un positivo al Covid-19 gli studenti si devono mettere in isolamento. Studenti e operatori scolastici che si ritengono contatti stretti di un contatto stretto non devono prendere precauzioni se non quelle di base. 
  • Qui tutte le linee guida per la regione Lazio

Nel caso in cui abbiate avuto un contatto stretto con un positivo al Covid-19 vi consigliamo di seguire le linee guida pubblicate dalla vostra regione, consultabili nei siti istituzionali di ciascun amministrazione.