I nostri speciali Guerra Russia - Ucraina

Che cos'è la NATO: Paesi membri e sistema delle alleanze

Di Redazione Studenti.

Spiegazione sulla NATO e il sistema delle alleanze. Cos'è, cosa fa, paesi membri e difesa reciproca. L'Ucraina fa parte della NATO?

NATO: Cos'è e cosa fa

Cos'è la NATO e come funziona?
Cos'è la NATO e come funziona? — Fonte: getty-images

La sigla NATO sta per North Atlantic Treaty Organization, ovvero Organizzazione del Trattato dell'Atlantico del Nord. La NATO è un'organizzazione internazionale che ha lo scopo di creare una collaborazione reciproca per la difesa dei suoi paesi membri.

La NATO nasce dal Patto Atlantico, che è stato firmato a Washington il 4 aprile 1949, ed è entrato in vigore il 24 agosto dello stesso anno. L'organizzazione ha sede a Bruxelles, in Belgio.

NATO: I paesi membri nel 2022

Ma quali sono i paesi membri della NATO?

I paesi fondatori della NATO sono:

  • Belgio
  • Canada
  • Danimarca
  • Francia
  • Islanda
  • Italia
  • Lussemburgo
  • Norvegia
  • Paesi Bassi
    Portogallo
  • Regno Unito
  • Stati Uniti

Oggi la lista dei paesi membri ha invece raggiunto quota 30, come mostra l'elenco sul sito della NATO:

Fonte: photo-courtesy

L'elenco è in continuo aggiornamento, poiché - come espresso dal regolamento dell'organizzazione - può diventare membro della NATO “qualsiasi altro Stato europeo in condizione di soddisfare i principi di questo trattato e di contribuire alla sicurezza dell'area nord-atlantica”.

Ci sono solo due limiti generali:

  • Solo gli Stati europei sono candidabili per l'ingresso
  • I candidati devono essere approvati da tutti i membri attuali
Ascolta su Spreaker.

Obiettivi della NATO

Come si legge sul portale dell'Organizzazione, la NATO - OTAN in francese - ha diversi scopi, che partono comunque da un unico obiettivo: garantire la libertà e la sicurezza dei Paesi membri attraverso mezzi politici e militari.

I punti fondamentali su cui si basa la NATO:

  • La NATO promuove i valori democratici e consente ai membri di consultarsi e collaborare in materia di difesa e sicurezza per risolvere i problemi, creare fiducia e, nel lungo termine, prevenire i conflitti.
  • La NATO si impegna a risolvere pacificamente le controversie. In caso di fallimento degli sforzi diplomatici, ha il potere militare di intraprendere operazioni di gestione delle crisi in base alla clausola di difesa collettiva presente nell'Articolo 5 del Trattato di Washington o dietro mandato delle Nazioni Unite, da soli o in collaborazione con altre organizzazioni internazionali.

Cosa significa in parole povere? Che la NATO tende a risolvere le controversie internazionali in modo pacifico, ma che ha il potere di entrare in guerra qualora venga ritenuto necessario. E in quali casi questo accade?

Sistema di alleanze nella NATO

L'articolo 5 del Trattato di Washington stabilisce che un attacco armato a uno dei paesi membri viene considerato un attacco diretto contro tutte le parti dell'organizzazione. Ciò comporta, si legge nell'articolo, che:

se un tale attacco si producesse, ciascuna di esse, nell'esercizio del diritto di legittima difesa, individuale o collettiva, riconosciuto dall'art. 51 dello Statuto delle Nazioni Unite, assisterà la parte o le parti così attaccate intraprendendo immediatamente, individualmente e di concerto con le altre parti, l'azione che giudicherà necessaria, ivi compreso l'uso della forza armata, per ristabilire e mantenere la sicurezza nella regione dell'Atlantico settentrionale.

La NATO e la guerra

Va da sé, quindi, che la guerra per la NATO e i suoi paesi membri non è una situazione praticabile a meno che non sia compromessa la pace di uno o più degli stati che ne fanno parte. Alla base di questo c'è la forte proccupazione per gli sviluppi della guerra in Ucraina: allo stato attuale la Russia non ha invaso in alcun modo la territorialità di un paese facente parte della NATO, ma questo non implica che non potrebbe accadere. I paesi confinanti con la Bielorussia (le Repubbliche baltiche: Estonia, Lettonia e Lituania) che attualmente sostiene la Russia sul fronte militare, sono infatti parte della NATO, e si teme un allargamento del conflitto su fronti diversi da quello ucraino.

Se questo dovesse accadere, c'è la concreta possibilità che i paesi della NATO si trovino obbligati a intervenire militarmente in difesa degli stati attaccati militarmente, creando un'escalation del conflitto su larga scala.

Si è molto temuto, ad esempio, quando è stata paventata l'istituzione di una No fly zone sui cieli ucraini, che avrebbe comportato un intervento diretto a livello militare da parte dell'aviazione dei paesi membri, e un'entratat in guerra in caso di abbattimento di un velivolo avversario.

Per capire cosa sta accadendo oggi tra Russia e Ucraina è utile conoscere la storia degli ultimi 100 anni. Qui di seguito trovi approfondimenti didattici che ti raccontano la storia della Russia e il suo ruolo politico e militare nel mondo nel corso dell'ultimo secolo.