C'è un'attività fisica che migliora le prestazione del tuo cervello e ti aiuta a studiare

Di Marta Ferrucci.

10 minuti di corsa sono in grado di migliorare l'umore e le funzioni cognitive del cervello, con beneficio di chi affronta maratone di studio, ovvero gli studenti. Secondo una ricerca della University of Tsukuba in Giappone, l 'attività fisica migliora la salute mentale.

L'attività fisica che migliora le tue prestazioni intellettive

I ricercatori della University of Tsukuba hanno svolto una ricerca sulla corteccia prefrontale cerebrale, ovvero la parte del cervello associata alle funzioni esecutive e al controllo dell'umore, che sarà di sicuro interesse per tutti gli studenti di ogni ordine e grado. Da questo studio - pubblicato su Scientific Reports - è emerso che la corsa aumenta il flusso sanguigno in quest'area, migliorandone le prestazioni intellettive. Dunque la corsa, oltre ad essere accessibile a tutti perchè non ha bisogno di attrezzature o investimenti particolari, allungherebbe la vita e - l'attività di coordinamento che richiede -  stimolerebbe anche il cervello.

In che modo la corsa migliora le prestazioni del cervello?

Correre fa bene al cervello
Correre fa bene al cervello — Fonte: getty-images

Secondo il biochimico Hideaki Soya dell'Università di Tsukuba che ha condotto la ricerca, la corsa richiede funzioni di coordinamento ed equilibrio che determinano l'attivazione neuronale della corteccia prefrontale. "Sappiamo già, da altre ricerche, che l'attività fisica in generale migliora la salute fisica e mentale ma sono relativamente poche le analisi fatte sui benefici concreti della corsa rispetto ad altri sport. La scelta di approfondire questo tema, ovvero di come la corsa influisca positivamente sul nostro benessere, nasce dall'importanza che questa ha avuto nell'evoluzione della specie, a fronte di altri sport - le biciclette esistono solo da poche generazioni - che hanno un impatto minore" ha dichiarato Soya.

Nella ricerca sono state coinvolte 26 persone che, dopo 10 minuti di corsa intervallati da momenti di riposo, hanno risposto ai test che gli sono stati sottoposti più rapidamente degli altri e hanno anche riferito di sentirsi di umore migliore rispetto alla fase pre sport.
Molte delle funzioni della corteccia cerebrale prefrontale non si trovano nel cervello di altri animali e questo porta i ricercatori a ritenere di aver fatto una scoperta che potrebbe dirci di più su come la specie umana si sia evoluta.
La ricerca dimostra anche come non serva fare tanto sport e a lungo per trarne beneficio: anche brevi ma intensi momenti di attività fisica sono in grado di migliorare la concentrazione, la salute mentale, del cuore e quella metabolica in generale.

Lo sport come medicina

Se l'attività fisica può essere considerata una sorta di medicina, dichiarano i ricercatori, a diversi problemi di salute potranno corrispondere diverse forme di attività, diversi sport. Dopo la ricerca si sa di più sugli effetti della corsa e di come questa si potrebbe utilizzare come forma di trattamento o terapia. 
Analizzati tutti i risultati della ricerca, gli studiosi affermano che 10 minuti di corsa più o meno intensa migliori l'umore e le capacità cognitive grazie all'attivazione della corteccia prefrontale, la regione del cervello che è implicata nella pianificazione dei comportamenti cognitivi complessi, delle funzioni esecutive e della concentrazione. Una notizia non di poco conto per gli studenti alle prese con esami ed interrogazioni: fare attività fisica prima di affrontare i libri può fare la differenza in termini di capacità di concentrazione e di umore. La corsa, oltre ad avere benefici da questo punto di vista, è accessibile a tutti perchè non richiede investimenti particolari: si può correre al parco o intorno all'isolato senza doverci dedicare troppo tempo perché e i risultati si avranno già dopo soli 10 minuti di attività. Provare per credere!