Commissari esterni maturità 2023: cosa chiedono all'orale

Di Redazione Studenti.

Commissari esterni maturità 2023: ecco qualche idea per capire cosa potrebbero chiederti all'orale e prepararti al confronto coi prof

Commissari esterni Maturità

Commissari esterni maturità 2023: cosa chiedono
Commissari esterni maturità 2023: cosa chiedono — Fonte: shutterstock

Alla maturità 2023 ritorneranno le figure più temute dagli studenti: i commissari esterni che all'orale faranno domande sulle loro materie, sui percorsi di PCTO e su Cittadinanza e Costituzione.

Orale 2023: le domande dei commissari esterni

Il primo momento all’esame di Maturità in cui vi ritroverete ad affrontare le domande dei commissari esterni è l'orale. Per tentare di scoprire quali domande potranno farvi quelli esterni, l’unica via è cercare di entrare in contatto con gli studenti che li hanno avuti come docenti ordinari durante l’ultimo anno e chiedere loro su quali argomenti si sono maggiormente soffermati. Per riuscire a contattare questi studenti dovrete ricorrere a internet e, più nello specifico ai social network. Potete ad esempio iscrivervi al nostro gruppo facebook Maturità, dove troverete tantissimi ragazzi che come voi dovranno affrontare quest’anno l’esame di Stato. E chissà che, tra essi, non si nascondano proprio gli studenti che hanno già avuto a che fare con i vostri commissari esterni.

Commissari esterni maturità 2023: cosa chiedono

Il secondo momento in cui dovrete affrontare le domande dei commissari esterni (e affrontarli faccia a faccia!) sarà il colloquio orale di Maturità. Tendenzialmente, i loro quesiti inizieranno cominceranno dopo l’esposizione della relazione sul PCTO e soprattutto dopo il percorso multidisciplinare da voi esposto, ed è perciò presumibile che si ricolleghino ad esso. Due sono le vie:

  1. Contattare gli studenti che hanno avuto il vostro commissario esterno come docente ordinario durante l’anno scolastico e scoprire quali sono gli argomenti su cui predilige interrogare.
  2. Cercare di scoprire quali domande potrà farti partendo dalla relazione o dal percorso che cercherai di introdurre e preparare in anticipo le risposte. È uno stratagemma che puoi utilizzare sia con i commissari esterni che con quelli interni e che, molto spesso, risulta davvero efficace.

Ricordati, in ogni caso, che i membri della commissione possono farti delle domande inerenti soltanto al programma svolto nell’anno scolastico: fattene dare una copia dai professori di ciascuna materia, in modo da non arrivare impreparato. Ok, ragazzo: ora sei ufficialmente pronto ad affrontare i commissari esterni alla maturità (anche se si tratta di una carogna: qui la guida di sopravvivenza).