Come si diventa assistente parlamentare: studi, selezione, cosa fa e stipendio

Come si diventa assistente parlamentare per la Camera e il Senato, oppure per il Parlamento Europeo? Ecco la guida con requisiti, mansioni, stipendi e concorso

Come si diventa assistente parlamentare: studi, selezione, cosa fa e stipendio
getty-images

Come diventare assistente parlamentare: la guida completa

Assistente parlamentare
Fonte: getty-images

Vorresti intraprendere una carriera da assistente parlamentare e ti stai chiedendo come fare? Se sei appassionato di politica e vorresti lavorare a contatto con i deputati di Camera e Senato italiani, oppure vorresti supportare i parlamentari europei ma ti stai chiedendo quali siano le mansioni, i requisiti e gli stipendi di un assistente parlamentare (chiamato in gergo italiano "portaborse"), qui trovi la guida completa per chiarirti le idee. Vediamo cosa fa, quanto guadagna e come si diventa un assistente parlamentare, sia a livello italiano che a livello europeo.

Cosa fa l'assistente parlamentare: mansioni e attività

Sei curioso di sapere cosa fa un assistente parlamentare? Innanzitutto, è necessario specificare che questa professione viene suddivisa in due categorie: l'assistente parlamentare che lavora per i politici nazionali, quindi per la Camera dei Deputati e per il Senato, e l'assistente degli eurodeputati (operante quindi nel Parlamento Europeo), ossia l'assistente parlamentare accreditato.

Il lavoro dell'assistente parlamentare, sia in ambito italiano che in ambito europeo, si occupa di molteplici e distinte attività che variano in base alle esigenze di ogni politico, dalla gestione dell'ufficio e i compiti di segreteria, fino alla gestione delle relazioni esterne. Tra le principali mansioni dell'assistente parlamentare troviamo:

  • Redazione di report e fascicoli con informazioni sui casi dibattuti
  • Elaborazione, traduzione e archiviazione di testi
  • Gestione della posta elettronica e dell'agenda del deputato
  • Accoglienza delle delegazioni interne ed esterne al Parlamento
  • Organizzazione di riunioni, incontri con le istituzioni e trasferte

Quanto guadagna l'assistente parlamentare

Abbiamo visto di cosa si occupa la figura dell'assistente parlamentare, ma qual è il suo stipendio medio? La retribuzione può variare molto in base all'esperienza e al deputato a cui ci si affianca. Infatti, lo stipendio degli assistenti parlamentari non è del tutto regolato e sono i parlamentari stessi a compensarli e a stabilirne la retribuzione. Dai dati forniti dalla Camera dei Deputati risalenti al 2022, lo stipendio medio d'ingresso di un assistente parlamentare è stato di 32.795,94 euro lordi. Lo stipendio sale con l'anzianità di servizio, arrivando a 44.711,15 euro lordi dopo il decimo anno, e a 72.371,48 euro lordi dopo il ventesimo anno di lavoro.

Lo stipendio di un assistente europarlamentare, invece, segue uno schema diverso di retribuzione. È utile specificare, infatti, che a differenza degli assistenti parlamentari di Camera e Senato, quelli europei vengono retribuiti direttamente dal Parlamento Europeo. All'inizio di ogni legislatura i questori stabiliscono il numero massimo di assistenti che ciascun deputato può accreditare, con contratti di lavoro subordinato che hanno come scadenza quella della fine del mandato parlamentare.

La retribuzione media di un assistente parlamentare europeo segue una scala di 19 livelli e parte da 1.680 euro fino a 7.740 euro mensili.

Il percorso di studi per diventare assistente parlamentare

Per diventare assistente parlamentare in ambito nazionale o europeo non è indispensabile ottenere una laurea. Il requisito base, infatti, è il possesso del diploma di maturità. Nonostante ciò, a coloro che intendono intraprendere una carriera in tale ambito e diventare professionisti del mondo politico avanzando di livello, è suggerito anche un percorso di studi ulteriore e che prepari il candidato nelle materie oggetto di tale lavoro.

I corsi universitari che conferiscono le competenze utili per intraprendere una carriera nel mondo politico nazionale ed europeo come assistente parlamentare, sono tipicamente:

Ma non è tutto, perché nonostante il corso di studi non sia standard per tutti (si può diventare assistente parlamentare anche con altre lauree), esistono alcuni requisiti comuni per accedere a questa professione.

Tra i più importanti troviamo la conoscenza approfondita della lingua inglese, delle istituzioni politiche, dei processi governativi e delle procedure legislative a livello nazionale ed europeo.

Oltre alle competenze nozionistiche e tecniche, è importante che l'aspirante assistente alla Camera, al Senato oppure all'Europarlamento, sia fortemente motivato e predisposto a lavorare su più progetti contemporaneamente, oltre che essere concorde con i valori e gli ideali del deputato a cui si affianca.

Come si diventa assistente parlamentare in Italia: requisiti e concorso

In linea generale, si può diventare assistente parlamentare alla Camera dei Deputati o al Senato tramite una richiesta espressa da un determinato deputato, oppure tramite il superamento di un apposito concorso pubblico.

Per accedere all'esame, è necessario soddisfare determinati requisiti generali tra i quali l'idoneità fisica all'impiego, l'assenza di sentenze definitive di condanna, un'età non superiore ai 40 anni e il diploma di scuola secondaria superiore. Per passare il concorso è necessario superare più prove d'esame: una prova preselettiva, due prove scritte e una prova orale.

Nella prova preselettiva il candidato deve affrontare 60 domande a risposta multipla riguardanti molteplici argomenti, mentre nella prima prova scritta si deve rispondere a quattro quesiti a risposta aperta riferite a tre diverse materie:

  • Due domande di Diritto costituzionale
  • Una domanda di Diritto parlamentare
  • Una domanda di Storia italiana

La seconda prova scritta (che dura 3 ore come la prima), invece, è composta da quattro quesiti su tematiche differenti, ossia:

  • Sicurezza nei luoghi di lavoro
  • Prevenzione incendi
  • Primo soccorso
  • Elementi di cerimoniale

Ottenendo un punteggio medio di almeno 21/30 si può accedere alla prova orale, volta a verificare la preparazione culturale del candidato su tutte le materie degli scritti sostenuti. Inoltre, viene valutata anche la conoscenza della lingua inglese. Al candidato viene quindi chiesto di leggere e tradurre un breve testo in inglese, per poi proseguire nel colloquio.

Può essere prevista anche un'ulteriore prova orale facoltativa incentrata sulla valutazione della conoscenza di un'altra lingua straniera tra spagnolo, francese, tedesco, russo, portoghese o Cinese.

Come diventare assistente parlamentare europeo: regole e mansioni

L'assistente parlamentare europeo (Accredited Parliamentary Assistant - APA) è un lavoratore dipendente che viene assunto da un deputato e accreditato al Parlamento Europeo. Si occupa di supportare i Membri del Parlamento Europeo (MEP) per l'adempimento dei loro doveri legislativi, rappresentativi e politici.

Le attività svolte da un assistente parlamentare europeo sono molto varie, passando da mansioni di tipo amministrativo a quelle di tipo tecnico e organizzativo. Oltre ai compiti svolti anche dagli assistenti parlamentari in Italia, questa figura si occupa anche di altre attività, tra le quali:

  • Svolgimento di ricerche e analisi su questioni legislative e politiche
  • Redazione di documenti ufficiali e testi legislativi
  • Partecipazione e supporto alle Commissioni Parlamentari
  • Gestione delle comunicazioni esterne (anche con i media e gli altri organi dell'UE) per conto del MEP
  • Supporto nella gestione di progetti specifici
  • Assistenza politica (analisi dei dibattiti, monitoraggio delle attività politiche, formulazione di posizioni politiche)
  • Trattamento delle richieste degli elettori, dando loro assistenza e informazioni su varie tematiche

È importante sottolineare che il lavoro di un assistente parlamentare europeo, svolto negli uffici di Bruxelles e Strasburgo, è molto dinamico e vario, poiché dipende spesso dalle esigenze specifiche del deputato per cui opera e dalle attività legislative e politiche in corso in un determinato periodo di tempo.

Gli assistenti parlamentari devono quindi avere competenze analitiche, comunicative, organizzative e politiche ben solide per poter svolgere efficacemente questo lavoro nell'ambito del Parlamento Europeo. Inoltre, la lingua ufficiale a livello europeo è l'inglese ed è quindi fondamentale conoscerlo a livello professionale.

Come si diventa consigliere parlamentare accreditato?

Come si diventa assistente parlamentare accreditato? Sono i Membri del Parlamento Europeo che selezionano direttamente gli assistenti parlamentari in base alle loro competenze e conoscenze, ma anche in relazione all'esperienza maturata nelle istituzioni europee e all'affinità politica. Coloro che sono interessati, possono visionare la piattaforma online APPLY4EP. nella quale vengono pubblicate tutte le selezioni di personale del Parlamento Europeo. 

Leggi altri contenuti in ambito politico e istituzionale

Un consiglio in più