Tema storico: come si fa per la prima prova 2018

Di Chiara Casalin.

Guida per scrivere il tema storico alla prima prova 2018. Tutto sulla traccia della tipologia C della maturità: passaggi per svolgerla ed esempi di tracce svolte degli anni passati

SPECIALE MATURITA' 2018

|Date maturità 2018| Tesine | Gruppo Fb maturità 2018 |

TEMA STORICO PRIMA PROVA MATURITA' 2018

Scegliere il tema storico per la prima prova di Maturità 2018 potrebbe essere un buon modo per impressionare la commissione esaminatrice: la traccia di tema storico è una delle quattro tipologie che puoi scegliere di svolgere durante il primo scritto ma, attenzione, con questo dovrai dimostrare le tue conoscenze in storia. Per questo, insieme con l'analisi del testo, è una delle meno amate dai maturandi perché presume che lo studente abbia già una conoscenza dell'argomento, in questo caso di un personaggio storico o di un'intera epoca. Sappi inoltre che gli studenti che scelgono il tema storico non solo devono essere ferrati in storia, ma devono dimostrare di riuscire a creare delle connessioni tra gli argomenti passati e presenti, e ad analizzare i fatti e di ragionare su eventi o personaggi storici proposti dalla traccia del Miur.

La traccia che il Miur proporrà all'esame di Stato può consistere nella presentazione di un personaggio storico, di una vicenda storica o addirittura di un'intera epoca. Per questo motivo, per svolgere al meglio la traccia del tema storico della prima prova 2018 dovrai dimostrare sia di conoscere gli eventi a cui si fa riferimento, sia di essere in grado di narrare, esporre e argomentare la tua analisi dei fatti e la tua tesi. Non sottovalutare il pericolo degli errori ortografici: ci si casca troppo spesso e potrebbero influire sul voto. Di seguito ti spieghiamo tutto ciò che è necessario per svolgere questa tipologia di tema della maturità 2018.

  1. Prima prova maturità: che cos’è il tema storico
  2. Com’è fatta la traccia
  3. Le tipologie di tema storico della maturità
  4. Quando scegliere la traccia del tema storico
  5. Come scrivere il tema storico
    5.1. Leggi e analizza
    5.2. Fai mente locale
    5.3. Prepara la scaletta del tema storico
    5.4. Scrivi
    5.5. Correggi
  6. Esempi svolti di tema storico della prima prova di maturità
Il tema storico della prima prova di maturità 2018
Il tema storico della prima prova di maturità 2018 — Fonte: istock

1. PRIMA PROVA MATURITÀ: CHE COS’È IL TEMA STORICO

Il tema storico è un tipo di scritto che ha lo scopo d'informare il lettore riguardo ad un evento, un processo o un personaggio storico, fornendogli anche un’interpretazione dei fatti.
In alcuni casi, poi, l’autore può esprimere anche la sua tesi, cioè la sua opinione sull’argomento, che però deve sempre supportare facendo riferimento a elementi concreti e oggettivi .


2. COM’È FATTA LA TRACCIA

La traccia del tema storico della prima prova di maturità rientra nella “tipologia C” dei temi d’esame. Nel regolamento riguardante il primo scritto è specificato che questa traccia richiede di sviluppare “un argomento di carattere storico, coerente con i programmi svolti nell'ultimo anno di corso”.
In parole semplici, quindi, il giorno dell’esame il Miur ti chiederà di scrivere un tema su un argomento del programma di storia di quinta superiore.
Nella traccia troverai la consegna, cioè le indicazioni su quello che devi fare, e in alcuni casi anche qualche informazione o qualche documento da cui trarre informazioni utili.
Hai sei ore di tempo per svolgere il compito, ma se finisci prima puoi consegnare ed uscire da scuola, a patto che siano trascorse almeno tre ore dall’inizio della prima prova.


3. LE TIPOLOGIE DI TEMA STORICO DELLA MATURITÀ

Dando un’occhiata alle varie prove degli esami degli anni scorsi, emerge che il Miur assegna di solito una tra le seguenti tipologie di tema storico:

  • Il tema sullo sviluppo di un fenomeno storico – esempio: “Il candidato, prendendo spunto dal testo di Hannah Arendt [allegato alla traccia, ndr], si soffermi sullo sterminio degli ebrei pianificato e realizzato dai nazisti durante la seconda guerra mondiale” (traccia tema storico maturità 2012).
  • Il tema di confronto tra due momenti storici – esempio: “L’Europa del 1914 e l’Europa del 2014: quali le differenze?" (traccia tema storico maturità 2014).
  • Il tema su un particolare momento storico – un esempio può essere: “La crisi del 1929: esponi le conseguenze di questo evento storico per l’Italia”. O anche: il boom economico in Italia degli anni Cinquanta e Sessante, il tema storico della maturità 2017.
  • Il tema su un personaggio storico – questa tipologia è molto più rara e chiede di soffermarsi su una precisa figura, parlando del ruolo che ha avuto nello svolgersi degli eventi. Un esempio di traccia di questo tipo potrebbe essere “John Fitzgerald Kennedy e la Guerra Fredda: esponi quale ruolo ha avuto il 35° presidente degli Stati Uniti all’interno del conflitto”.

Abbiamo provato a pensare a quali potrebbero essere alcune possibili tracce per il tema storico della maturità 2018. Sfogliando il calendario abbiano notato che quest'anno ricorrono alcuni anniversari importanti che potrebbero dare lo spunto al Miur per la tracce 2018. Per scoprire quali sono leggi: Tracce maturità 2018: anniversari per il tototema.


4. QUANDO SCEGLIERE LA TRACCIA DEL TEMA STORICO

La scrittura del tema storico non è una cosa da prendere alla leggera. Prima di decidere di svolgere questa traccia, infatti, devi assicurarti:

  • di conoscere bene l’argomento che ti viene chiesto di approfondire;
  • di sapere come viene interpretato dagli storici;
  • di essere in grado di supportare le tue osservazioni con motivazioni e argomentazioni valide.

Se ti senti preparato e ricordi con sicurezza le date, gli eventi più importanti e qualche informazione sul contesto storico e politico di riferimento, allora puoi affrontarla, altrimenti ti consigliamo di optare per un'altra tipologia di compito, come ad esempio il tema d’attualità, il saggio breve, l’articolo di giornale o l’analisi del testo.


5. COME SCRIVERE IL TEMA STORICO

Come si fa il tema storico alla prima prova di maturità? Di seguito vediamo insieme come svolgerlo in cinque passaggi.

5.1. Leggi e analizza: la prima cosa da fare ancora prima di iniziare a scrivere è accertarsi di conoscere bene l’argomento proposto e di aver compreso cosa ti viene chiesto di fare. Per questo ti consigliamo di leggere la traccia almeno un paio di volte. Se la trovi un po’ contorta prova a “scomporla” cercando di individuare le informazioni importanti. Con una penna sottolinea le parole chiave della consegna. Ad esempio, in un’ipotetica traccia come: “La crisi del 1929: esponi le conseguenze di questo evento storico per l’Italia”, i termini fondamentali da sottolineare, cioè quelli che ti danno le indicazioni sull’argomento e gli aspetti da affrontare, saranno “crisi del 1929”, “conseguenze” e “Italia”.
Dopo l’analisi della traccia devi avere ben chiaro di quale periodo, processo o personaggio storico devi parlare e su quali aspetti focalizzare l’attenzione nel tuo tema.

5.2. Fai mente locale: prendi il foglio di brutta copia e concediti qualche minuto per richiamare alla memoria tutte le date e le nozioni sull’argomento che riesci a ricordare. Scrivile tutte sulla carta. Quando hai finito, individua quelle di cui sei veramente sicuro e che ritieni più importanti: saranno i riferimenti che potrai inserire nel tuo tema. Elimina invece tutte le altre informazioni che sono in sovrappiù.

5.3. Prepara la scaletta del tema storico. Ora è arrivato il momento di creare “l’impalcatura” del tuo elaborato, che dovrà prevedere:

  • Un’introduzione: in cui presenti l’argomento.
  • Uno svolgimento: è la parte più corposa del tuo scritto, in cui svolgi le consegne della traccia.
  • Una conclusione: che serve a chiudere il tuo discorso in modo incisivo, esponendo anche le tue considerazioni.

La scrittura del tema storico di solito prevede le seguenti fasi:

  • La narrazione dei fatti, che devono essere esposti in ordine cronologico, cioè in una successione ordinata, dal meno al più recente, ma anche in ordine logico, cioè spiegando la relazione di causa-effetto tra gli eventi.
  • Ad esempio, bisogna illustrare quali sono stati i motivi che hanno portato al manifestarsi di un determinato fenomeno (es: quali sono state le cause, in ordine temporale, della rivoluzione russa) e poi narrare come si è svolta la vicenda.
  • L’esposizione dei fatti, che richiede di fornire al lettore informazioni oggettive, facendo riferimento a fonti storiche come documenti e testi di autori di rilievo.
  • L’argomentazione: dopo aver descritto gli eventi, occorre analizzare le principali interpretazioni che ne danno gli studiosi. In questa fase puoi anche esporre la tua posizione e la tua interpretazione, motivandola.

Tornando alla scaletta del tema, di seguito puoi trovare qualche indicazione per strutturare le varie tipologie di tema storico, tratta dal testo “Guida alla Scrittura” (a cura di Silvia Giusso, Pearson Paravia 2006):

Il tema sullo sviluppo di un fenomeno storico: ad esempio, prendendo in considerazione la traccia “Il candidato, prendendo spunto dal testo di Hannah Arendt [allegato alla traccia, ndr], si soffermi sullo sterminio degli ebrei pianificato e realizzato dai nazisti durante la seconda guerra mondiale”, potresti sviluppare il tuo compito in questo modo:

  • Analisi del fenomeno storico e di come si è sviluppato. Ad esempio: Lo sterminio degli ebrei nei campi di concentramento (cos’è successo, dati importanti).
  • Descrizione del contesto storico, politico e sociale in Germania e approfondimento sulle cause che hanno portato al genocidio.
  • Riferimento alle principali interpretazioni storiche sulla Shoah
  • Considerazioni personali.

Il tema di confronto tra due momenti storici: se prendiamo in considerazione una consegna come la seguente “L’Europa del 1914 e l’Europa del 2014: quali le differenze?“ , il compito si potrebbe sviluppare in questo modo:

  • Descrizione della situazione del continente nei due anni (1914 e 2014).
  • Analisi approfondita delle differenze tra i due periodi storici, dal punto di vista politico, economico, sociale e culturale.
  • Bilancio e riflessioni personali su ciò che differenzia maggiormente le due epoche.

Il tema su un particolare momento storico: per una traccia come la seguente “La crisi del 1929: esponi le conseguenze di questo evento storico per l’Italia”, la struttura che potresti dare al tuo tema è questa:

  • Breve descrizione dell’evento e delle sue cause
  • Breve sintesi sul contesto economico, politico e sociale in Italia in quell’anno
  • Analisi approfondita delle ripercussioni della crisi in Italia
  • Considerazioni personali sugli effetti della crisi del 1929 sul nostro Paese.

Il tema su un personaggio storico: se prendiamo ad esempio una traccia come “John Fitzgerald Kennedy e la Guerra Fredda”, la struttura da seguire può essere:

  • Analisi del personaggio: breve riassunto sulle principali vicende della sua vita, con informazioni sul contesto di provenienza (ambiente familiare e sociale). Puoi leggere un approfondimento dell'Enciclopedia Treccani qui: John Fitzgerald Kennedy
  • Analisi della situazione politica mondiale durante la Guerra Fredda e del ruolo che Kennedy ha avuto con le sue scelte di politica estera.
  • Considerazioni personali sull’importanza storica del personaggio in relazione alla vicenda analizzata.

5.4. Scrivi. Una volta che hai finito di creare la scaletta, cioè quella che potremmo definire "l'impalcatura” del tuo tema, è il momento di passare alla parte pratica, ossia scrivere.
Tenendo bene a mente la struttura che hai creato, inizia a svolgere il tema storico ricordandoti di usare:

  • Un linguaggio chiaro ma che presenti un lessico specifico . Dovrai dimostrare di conoscere termini tecnici (ad esempio: democrazia, autoritarismo, proletariato, ecc.) e di saperli usare in modo appropriato.
  • Uno stile formale, quindi lontano dalle forme del parlato.

Se il Miur ha fornito nella traccia dei brani tratti da libri, giornali o da altre fonti, è necessario che nel tuo compito tu vi faccia riferimento. Quando le inserisci nel tuo discorso non dimenticare di citarle. Ad esempio, se riprendi un pezzetto di testo o le parole di un personaggio, ricordati di ricopiare il testo tra virgolette, specificando chi è l’autore (esempio: Secondo quanto afferma lo storico Eric J. Hobsbawm parlando del cosiddetto “Secolo breve”, gli anni 70 del Novecento sono stati: “Una nuova epoca di decomposizione, di incertezza e di crisi – e addirittura, per larghe parti del mondo come l’Africa, l’ex URSS e le ex nazioni socialiste dell’Europa orientale, un’Età di catastrofe..
Infine, quando componi il tuo tema, tieni bene a mente che deve risultare scorrevole per chi lo legge, quindi fai in modo di collegare introduzione, parte centrale e conclusione con delle frasi di transizione che colleghino le varie sezioni. In questo modo eviterai bruschi cambi di discorso che possono confondere il lettore.

5.5. Correggi
Quando hai finito di scrivere prenditi un paio di minuti per liberare la mente e poi rileggi il tuo tema per correggerlo da due punti di vista:

  • Formale: controlla che non ci siano errori d’italiano e accertati che il tuo discorso sia coerente e fluido.
  • Contenutistico: verifica di aver inserito date e informazioni storiche corrette, di aver sempre motivato le tue affermazioni e di aver svolto tutte le consegne della traccia.

Quando hai finito di rivedere il tuo compito puoi ricopiare tutto in bella copia e rileggere una seconda volta (meglio essere prudenti).


6. ESEMPI SVOLTI DI TEMA STORICO DELLA PRIMA PROVA DI MATURITÀ

Bene, fin qui ti abbiamo fornito i nostri consigli per scrivere un tema storico alla maturità. Se vuoi dare un’occhiata a qualche esempio pratico, di seguito puoi trovare alcuni esempi di tracce svolte degli esami degli anni passati.