Come migliorare la memoria e studiare in modo efficace per la maturità 2018

Di Marta Ferrucci.

Tecniche di studio e di ripasso per la maturità 2018: come migliorare la memoria per lo studio dell'esame di maturità. I consigli del coach Massimo Perciavalle

COME STUDIARE PER LA MATURITA'

Come memorizzare
Come memorizzare — Fonte: istock

Quando si parla di studio - sia esso finalizzato all' esame di maturità o una normale interrogazione - ci sono 2 notizie, una buona e una meno buona. La prima, quella buona, è che il cervello è plastico e si può imparare velocemente ad ogni età. La notizia meno buona, invece, è che siamo tutti più o meno succubi dell’effetto Google, ovvero consapevoli del fatto che su internet si può trovare qualunque tipo di informazione e questo impigrisce la nostra memoria. A raccontarcelo è Massimo Perciavalle, coach e formatore che qui di seguito ha riassunto per noi pochi step per impadronirsi di un metodo di studio efficace.

Il tempo da dedicare allo studio va suddiviso in 3 momenti:

  • Prima
  • Durante
  • Dopo

1 - COSA FARE PRIMA DI METTERSI A STUDIARE

Cosa bisogna fare nel momento che precede lo studio?

  • E' importante arrivare a questo momento rilassati, ben nutriti e riposati. Quindi dormi e mangia in modo adeguato.
  • Fissa degli obbiettivi, ovvero decidi quanto tempo devi dedicare allo studio (per fare questo può esserti utile fare una tabella di marcia. Scopri qui come si fa).
  • Individua degli obbiettivi per te raggiungibili.
  • Fai una lista delle cose che possono distrarti e tienile lontano. Tra queste rientrerà sicuramente il cellulare che – lo anticipiamo – va tenuto rigorosamente spento.

2 - COSA FARE DURANTE LO STUDIO

  • Secondo gli esperti, per un impegno efficace è utile studiare a cicli di 25 minuti ciascuno, da spezzare con una pausa di 5 minuti. Dopo 3 cicli di 25 minuti (circa un’ora e mezza di studio), potrai fare una pausa più lunga, di circa 15 minuti, evitando però di distrarti troppo.
  • Leggi attivamente e in maniera critica ovvero, quando studi qualcosa poniti delle domande: ad esempio, se stai studiando un personaggio storico, puoi chiederti come ti saresti comportato tu al posto suo. Questo ti aiuterà a visualizzare quello che stai imparando e a rinforzare il tuo spirito critico.
  • Infine individua dei concetti chiave che potranno tornarti utili anche ai fini della costruzione della tua mappa concettuale.

3 - COSA FARE DOPO LO STUDIO

Una volta terminato lo studio, arriva il momento di ripassare. Ripeti quello che hai imparato ma non farlo in modo ansioso! Consenti alle informazioni apprese di sedimentarsi nella tua testa. Potrai dedicarti al ripasso anche tre giorni dopo lo studio ma ricordati di farlo sempre ad alta voce.