Come fare un tema sul coronavirus

Come fare un tema sul coronavirus A cura di Giulia Guadagni.

Come si scrive un tema sul coronavirus, ovvero il Covid-19? Da dove si comincia? Scopri come iniziare, riflessioni e scaletta, materiale a cui attingere. Un esempio

1Tema sul coronavirus: come raccogliere le idee

Tema sul coronavirus
Tema sul coronavirus — Fonte: istock

Se l’argomento è il Coronavirus è probabile che il tema richiesto sia d’attualità. Non c’è argomento più attuale di questo! Da settimane le nostre vite sono sconvolte dalla pandemia, i mezzi d’informazione non parlano d’altro ed è ormai sicuro che nel prossimo futuro continueremo a subirne le conseguenze. 

La pandemia da Coronavirus è un argomento vasto, che coinvolge aspetti economici, sanitari, sociali e politici. È probabile che la traccia del tema ti chieda di concentrarti su un aspetto particolare, un argomento circostanziato. Ti propongo quindi un elenco di sotto-argomenti possibili. Mentre lo leggi, aggiungi alle voci di questo elenco altre cose che ti vengono in mente. Usalo come traccia per raccogliere le idee sul macro-tema “Coronavirus”. Raccogliere le idee, appuntandole su un foglio, è un buon modo di iniziare un tema. 

Coronavirus: la tua esperienza personale: separazione dagli amici; chiusura in casa; relazioni coi familiari (genitori, fratelli e sorelle, nonni); didattica a distanza ecc.
Le informazioni: quanto e come ti tieni aggiornato sulla situazione; quali informazioni circolano e dove; non si parla d’altro, ma come se ne parla?
Le conseguenze economiche: crisi, disoccupazione, povertà, interventi statali e dell’Unione Europea, debito pubblico.
Le conseguenze sociali: povertà (è un fenomeno tanto economico quanto sociale); solitudine e isolamento; scontro generazionale; situazione dell’infanzia; sostanziali cambiamenti delle nostre abitudini; il dibattito fra chi afferma che “di fronte al virus siamo tutti uguali” e chi risponde che no, le diseguaglianze sociali si stanno approfondendo.
Le considerazioni politiche: la pandemia mette in discussione i nostri modelli politici. Si è discusso, per esempio, se una repubblica monopartitica come la Cina possa gestire l’epidemia in modo più efficiente delle repubbliche parlamentari, come l’Italia. Oppure ci si chiede: cosa può e deve fare l’Unione europea? In Italia, quale dev’essere il rapporto tra stato e regioni? Il governo sta usurpando la funzione legislativa del parlamento con il continuo ricorso ai decreti?
Il futuro: dal dopoguerra, mai prima d’ora, almeno in Europa, ci eravamo trovati di fronte a un evento di così vasta portata, che potrebbe cambiare le nostre vite radicalmente. Siccome ci troviamo in una situazione eccezionale, di grave emergenza, si parla spesso di “ritorno alla normalità”, con riferimento al momento in cui l’emergenza sarà finita. Ma si verificherà questo “ritorno”? Ci sono diversi motivi per supporre di no. Dovremo affrontare una crisi economica, che è già iniziata. C’è chi ha ipotizzato che alcuni dei cambiamenti avvenuti in queste settimane diventeranno permanenti, come la diffusione del cosiddetto smart working. Non potremo più viaggiare quanto facevamo prima, ecc.  

Coronavirus: in un mese è calato lo smog sul Nord Italia. Piazza della Scala deserta a causa dell'emergenza Coronavirus a Milano, 12 marzo 2020
Coronavirus: in un mese è calato lo smog sul Nord Italia. Piazza della Scala deserta a causa dell'emergenza Coronavirus a Milano, 12 marzo 2020 — Fonte: ansa

La pandemia come occasione: circola sul web l’immagine di una scritta in spagnolo proiettata su un palazzo che recita: “No volveremos a la normalidad porque la normalidad era el problema” (Non torneremo alla normalità, perché la normalità era il problema). Che idea del passato e del futuro propone questa scritta? E se fosse un bene il fatto che non potremo tornare a vivere come prima? Il sistema economico capitalista ha prodotto le attuali immense diseguaglianze economiche e sociali e l’inquinamento globale. La pandemia può essere l’occasione di un cambiamento radicale? Oppure produrrà solo altre diseguaglianze e povertà?
La scuola: a distanza, via computer o via telefono, la scuola è ancora scuola? Cos’è la scuola? Come cambia la relazione educativa a distanza? Le famiglie sono caricate di troppa responsabilità? Si impedisce a ragazzi e ragazze di vivere i propri spazi di autonomia fuori da casa, con quali conseguenze? Il digitale è un opportunità per la scuola? Anche se lo fosse, non tutti possono accedervi (digital divide).
Metafore: per descrivere la pandemia si utilizza spesso la metafora della guerra: siamo in battaglia contro il virus, gli ospedali sono il fronte, vinceremo, ecc. Le metafore che usciamo per parlare degli eventi cambiano il nostro modo di viverli, influenzano le nostre opinioni e le nostre scelte. La metafora della guerra è una buona metafora per la situazione attuale?   

Cos’altro ti viene in mente? Pensa a ciò che hai visto, letto, sentito, discusso o immaginato e aggiungi altri elementi a questo elenco.   

2Coronavirus: appunti, documenti e informazioni utili

Per iniziare il tema pensa con calma all’argomento indicato dalla traccia, appunta su un foglio le idee che ti vengono in mente.  

Se la traccia ti fornisce un breve testo da cui partire, leggilo con calma. Cerca di capire che testo è (un articolo, la pagina di un saggio, un racconto) e che uso puoi farne.  

Se sei a casa e hai la possibilità di cercare altre informazioni, consulta i libri che hai, cerca su internet o chiedi a qualcuno che conosci e che credi abbia le competenze per rispondere alle tue domande.  

In ogni caso, sia che tu faccia affidamento solo su quel che sai, sulle tue opinioni e sul testo iniziale, sia che tu possa cercare altre informazioni, fai attenzione a non esagerare. Nel primo caso, seleziona le idee da appuntare, cercando di non andare fuori tema. Nel secondo, consulta un numero limitato di fonti, soprattutto di siti internet

Con questo tema è particolarmente facile perdersi, proprio perché è così attuale. Troverai moltissimi documenti, di ogni tipo, tutti recenti, difficili da scegliere, selezionare e usare. Piuttosto che raccogliere troppe informazioni, e non avere il tempo di controllarle bene e di selezionarle, ti consiglio di partire soprattutto da quel che sai già

Inoltre, l’argomento è nuovo per tutti e non c’è niente di male ad avere più domande che risposte. Un buon paragrafo da inserire nel tema potrebbe essere proprio “Domande che mi sono posta”. 

3La scaletta per un tema sul coronavirus

La scaletta è molto importante! Aiuta a organizzare le idee e a non perdersi nella scrittura. La scaletta è come uno schizzo per chi dipinge o uno schema di gioco per gli sport di squadra. A seconda dell’argomento specifico e del tipo di tema, sarà organizzata diversamente. Ogni scaletta, però, deve contenere un’introduzione, uno svolgimento e una conclusione.

3.1Un esempio di scaletta per un tema sul Coronavirus

Torino, 21 marzo 2020. Luisa, una studentessa del liceo, legge un libro durante la quarantena dopo la chiusura della scuola in seguito alle misure del governo per ridurre l'infezione da covid-19
Torino, 21 marzo 2020. Luisa, una studentessa del liceo, legge un libro durante la quarantena dopo la chiusura della scuola in seguito alle misure del governo per ridurre l'infezione da covid-19 — Fonte: getty-images

Mettiamo che la traccia del tuo tema riguardi l’adolescenza ai tempi del Covid-19. È una traccia che richiede di parlare della tua esperienza. Anzitutto, raccogli le idee su questo argomento. Che cosa vuoi dire sull’adolescenza ai tempi del Coronavirus? Quale aspetto ti interessa descrivere o discutere? Devi ulteriormente ritagliare la tematica. Per esempio, potresti scegliere come sotto-argomento “la vita quotidiana degli adolescenti”. Prendi qualche appunto su un foglio di brutta e poi prepara la scaletta. Ecco una scaletta possibile:

I. Introduzione.

Scrivi una breve introduzione sulla situazione attuale, considerata da un punto di vista generale. Per esempio: “Siamo tutti chiusi in casa da settimane, per limitare la diffusione della pandemia di Coronavirus. In TV, sui giornali, sui social e con gli amici non si parla d’altro. Mai pima d’ora un evento globale aveva avuto un impatto così forte sulle nostre vite”. Puoi aggiungere che questo evento coinvolge moltissimi aspetti delle nostre vite, sia individuali che sociali (economia, salute, politica, relazioni). 

II.a Esposizione generale

Adesso entra nello specifico del tema, metti a fuoco l’argomento su cui devi concentrarti. Dedica un primo paragrafo a descrivere quali elementi del lockdown hanno un impatto più significativo sulla vita degli adolescenti, come la chiusura delle scuole, il divieto di uscire e la chiusura degli impianti sportivi. 

Così, passando dal generale al particolare, mostri di aver presente la complessità dell’argomento e di saper ritagliare al suo interno la tematica specifica indicata dalla traccia. 

Un’altra possibilità, più narrativa, è iniziare il tema raccontando un dettaglio della tua esperienza, o di quella di un amico, o con un’immagine di qualcosa che hai visto. Iniziare dal particolare, per poi spostarti sul generale. 

Per ogni cosa che scrivi, ci sono molti modi di farlo. Cerca di mantenere salda la regia del tuo tema. Immagina diversi modi in cui organizzare il discorso e scegline uno. Scrivi in modo sintetico, senza dilungarti, non farti prendere la mano dalle subordinate e dagli aggettivi. 

Coronavirus: a Padova tutti alla finestra a cantare e sentire l'inno d'Italia in uno dei tanti flash mob per fronteggaire l'isolamento causato dall'emergenza coronavirus, 16 marzo 2020
Coronavirus: a Padova tutti alla finestra a cantare e sentire l'inno d'Italia in uno dei tanti flash mob per fronteggaire l'isolamento causato dall'emergenza coronavirus, 16 marzo 2020 — Fonte: ansa

II.b Esposizione dettagliata

In questa sezione del tema devi entrare nei dettagli della descrizione o dell’argomentazione. Usa gli appunti che hai preso all’inizio. È il momento di esporre il tuo argomento, “la vita quotidiana degli adolescenti al tempo del Coronavirus”. Come farlo? 

Per esempio, basandoti sulla tua esperienza e su quella dei tuoi amici, potresti immaginare la quotidianità di tre adolescenti e descriverla. Cosa fanno? Magari passano ore al telefono, cosa si raccontano con gli amici che non possono vedere? Magari giocano con un fratello piccolo o imparano a cucinare, o passano i pomeriggi a giocare al computer, o suonano o chissà che altro. Si sentono soli? Litigano con i genitori? Scrivono? Leggono? Oppure potresti fare un confronto, raccontando in parallelo la giornata-tipo di una quindicenne, prima della pandemia e durante

Ci sono molti modi di raccontare una stessa cosa, scegli quello che preferisci, che ti piace di più o che ti sembra più efficace. Se non sai come procedere, cerca ispirazione in un racconto che hai letto, in un fumetto o in un film. Non scrivere in modo complicato! Spesso le trame e i discorsi più semplici e lineari sono i migliori. 

III. Conclusione di un tema sul coronavirus

Ci sono diverse possibilità per concludere un tema di attualità. Potresti, per esempio, fare scrivere un paragrafo che riassuma quello che hai detto o che esponga le conclusioni che hai tratto: “la quotidianità degli adolescenti è interrotta/stravolta dalla pandemia” o “è rimasta sostanzialmente immutata”. Oppure, puoi proporre una previsione sul futuro: come saranno ragazzi e ragazze quando potranno di nuovo uscire? Avranno cambiato abitudini? Un altro modo è ritornare su qualcosa che hai detto all’inizio, per dare l’idea di uno testo unitario, coerente. In ogni caso, non lasciare il tuo tema in sospeso. Quando hai finito di raccontare, di descrivere o di argomentare, scrivi una conclusione.

4Guarda il video su come fare un tema d'attualità