Come diventare Cloud Specialist: percorsi formativi e cosa fa questa figura professionale

Il cloud specialist è una delle figure più richieste in campo IT. Scopriamo subito le maggiori skills di questa figura e tutte le opportunità di carriera

Come diventare Cloud Specialist: percorsi formativi e cosa fa questa figura professionale
getty-images

Come diventare Cloud Specialist: percorsi formativi e cosa fa questa figura professionale

Cloud Specialist
Fonte: getty-images

Siamo nel pieno dell’era digitale e il mondo del lavoro si trasforma cavalcando l’onda di un cambiamento epocale che sta avendo un impatto cruciale su tante professioni. In questo panorama, da un lato ci troviamo di fronte ad alcuni lavori tradizionali che virano verso l’implementazione di approcci e strategie digitali, dall’altro osserviamo la nascita di nuove figure professionali munite di skills prettamente digitali. Tra queste figure spicca il cloud specialist.

Diventare cloud specialist vuol dire inserirsi in contesti aziendali fortemente orientati alla tecnologia, all’informatica e alla modernizzazione dei loro processi interni, che necessitano di esperti in grado di sviluppare le migliori strategie di migrazione di dati e informazioni aziendali nel cloud. Una professione tra le più richieste che racchiude competenze trasversali e specifiche molto interessanti. Quali sono? Le scopriamo subito! Ecco come diventare cloud specialist, cosa fa e quali sono i percorsi formativi da intraprendere.

Chi è il cloud specialist

La gestione e l’ottimizzazione delle informazioni, delle risorse e dei dati sensibili delle aziende è fondamentale nella nostra epoca. Come sappiamo, la digitalizzazione è un processo in continua evoluzione e in costante crescita che tocca innumerevoli ambiti, uno su tutti, quello del lavoro. Il lavoro cambia, le mansioni cambiano, le procedure seguono il passo e la necessità di formare figure professionali atte a controllare e dirigere questi mutamenti è più evidente che mai.

Ecco che in quest’ottica diventano basilari i professionisti del cloud, figure che lavorano nell’ambito del cloud computing e che in modi diversi, gestiscono risorse e servizi aziendali occupandosi della migrazione dei dati dell’azienda in cui operano, verso il cloud. Il cloud specialist rappresenta la figura cardine, ma non è la sola. Infatti a seconda della tipologia di competenza specifica richiesta, le università italiane sono attualmente in grado di formare anche cloud security specialist, cloud data engineer e cloud architect, solo per citarne alcuni. Tutti specialisti del cloud e tutte figure di spicco delle strategie IT.

Le facoltà universitarie per diventare cloud specialist

Questa professione vi affascina? Allora sappiate che il nostro sistema universitario negli ultimi anni si è arricchito di facoltà e percorsi formativi che mirano proprio alla formazione di futuri cloud specialist e in generale, di tutte quelle figure professionali che hanno a che fare con le strategie IT e con il mondo digitale. Per diventare un cloud specialist bisogna innanzitutto avere una grande passione per l’informatica e per le nuove tecnologie. La curiosità è un altro elemento essenziale per poter intraprendere questa carriera, così come l’attitudine a lavorare sia in gruppo che in autonomia. Se sentite di possedere queste skills allora è giunto il momento di valutare la facoltà universitaria da scegliere.

 

Corsi di laurea e master

Tra i percorsi da prediligere vi è sicuramente la laurea in Ingegneria dei Sistemi e delle Tecnologie dell'Informazione, così come il percorso in Informatica per la Comunicazione Digitale. Altre strade altrettanto valide da perseguire sono quelle in Comunicazione Multimediale e Tecnologie dell’Informazione e Ingegneria Informatica per la Transizione Digitale.

Tutte facoltà in grado di conferire un solido bagaglio di competenze e conoscenze imprescindibili per intraprendere un’occupazione di questo tipo.

Fiore all’occhiello della preparazione per diventare cloud specialist sono senza dubbio i master di primo e secondo livello, che i maggiori atenei italiani, pubblici e privati, erogano ormai da diversi anni. Alcuni dei più gettonati? Il Master in Cloud Computing dell’Università di Torino, con focus, tra gli altri, su cloud native architecture e cloud provider, il Master in Data Science dell’Università di Roma Tor Vergata e il Master in Data Science for Economics, Business and Finance dell’Università degli Studi di Milano.

Perché il cloud specialist è così ricercato

La velocità con cui la la digitalizzazione sta cambiando le dinamiche aziendali, porta inevitabilmente migliaia di piccole e medie imprese e multinazionali a ricercare figure in grado di gestire tali cambiamenti. Per questo il cloud specialist è così ricercato. Perché grazie alle sue competenze specifiche nell’area IT, nell’analisi dei dati e nello sviluppo di pratiche di migrazione di tali dati è in grado di fornire ad ogni azienda i vantaggi di un modello digitalizzato, senza farle correre il rischio di essere fagocitata da una serie di dinamiche che potrebbero portarla al collasso in poco tempo. Le sue mansioni principali? L’analisi dei punti di forza e debolezza dell’area IT, l’implementazione e l’organizzazione delle infrastrutture tecnologiche del server e della rete, il monitoraggio e la verifica del loro regolare funzionamento.

 

Una figura altamente specializzata

Si tratta dunque di una figura altamente specializzata che lavora ogni giorno fianco a fianco con manager, specialisti della comunicazione e del marketing digitale, sviluppatori e non solo. Il cloud specialist infatti lavora sia in team che in maniera autonoma ed è per questo che la flessibilità è un requisito fondamentale per intraprendere questa carriera. Che si tratti di un consulente libero professionista o di un dipendente aziendale, il cloud specialist dovrà essere in grado di misurarsi con diverse realtà e diverse situazioni, mettendo in campo peculiari capacità di problem solving e una risoluzione mirata delle problematiche poste in essere.

Quanto guadagna un cloud specialist

I guadagni di un cloud specialist variano in base a tutta una serie di condizioni. La prima differenza riguarda il tipo di rapporto professionale. Il cloud specialist può essere infatti, come abbiamo anticipato, un libero professionista con partita Iva, oppure un dipendente aziendale e quindi i compensi in questo caso subiranno diverse variazioni. Un’altra cosa da valutare è la dimensione aziendale in cui la figura è chiamata ad operare. Una piccola o media impresa avrà esigenze decisamente diverse rispetto a una multinazionale e dunque anche il ruolo del cloud specialist sarà diverso. In generale però, il guadagno lordo del cloud specialist in Italia si aggira attorno ai 30.000 euro annui, con picchi di 50.000 euro per i cloud specialist con maggiore esperienza alle spalle.

Leggi altri contenuti sui lavori del futuro

Un consiglio in più