Come disegnare un'ellisse con il compasso

Di Redazione Studenti.

Ellisse in geometria: come si disegna? Segui i passi di questa guida per farla perfetta, utilizzando un compasso e un curvilineo

Introduzione

Come si disegna un'ellisse
Come si disegna un'ellisse — Fonte: getty-images

L'ellisse in geometria è una figura particolare; si tratta di una forma speciale di circonferenza. Essa è dotata non di uno, ma di due punti fissi che vengono chiamati "fuochi".

A scuola, durante le lezioni di disegno tecnico, si impara l'uso delle curvilinee per poter tracciare le curve di questa figura.

Oggi, tramite questo tutorial, si possono ottenere delle indicazioni semplici e corrette su come disegnare un'ellisse con il compasso.

Occorrente

  • Foglio per disegno tecnico
  • Compasso
  • Matita
  • Squadrette
  • Curvilinee

Tracciare gli assi

Molte persone pensano erroneamente che un ovale e un'ellisse siano la stessa figura. In apparenza entrambe le figure hanno delle grandi somiglianze, ma in geometria sono figure completamente diverse.

Un'ellisse si può ottenere partendo da un sistema di assi: bisogna tracciare due assi che si intersecano.

Il punto di intersezione costituisce il centro di due circonferenze concentriche. Ora, con un'apertura del compasso pari alla metà di quello che è l'asse minore disegniamo una circonferenza.

Dopo questa operazione, apriamo maggiormente il compasso per tracciare la seconda circonferenza. In questo modo abbiamo ottenuto quattro punti lungo gli assi (A, B, C, D) che costituiscono i cardini dell'ellisse.

Tracciare i segmenti

Adesso dividiamo le circonferenze in più parti, come una torta. In seguito tracciamo più segmenti lungo il centro. Più divisioni facciamo, maggiore è la precisione dell'ellisse.

In questo modo otteniamo altri punti di intersezione tra i segmenti disegnati e le circonferenze. Utilizzando delle squadrette, tracciamo un piccolo segmento parallelo all'asse del punto di intersezione del cerchio più piccolo (per esempio, il punto 9).

Ora dal punto di intersezione del cerchio più grande facciamo partire un tratto verticale che facciamo incontrare col segmento precedente.

Disegnare i segmenti

Il punto di intersezione tra questi due segmenti costituisce un altro cardine dell'ellisse. La procedura appena descritta va ripetuta per le divisioni che abbiamo eseguito.

Ora disegniamo dei segmenti che si incontrano partendo dai punti di intersezione delle circonferenze.

Quando abbiamo ottenuto i punti necessari al lavoro, notiamo ad occhio nudo una sorta di "mappa" dell'ellisse.

A questo punto non dobbiamo fare altro che unire i punti nel modo più preciso possibile; per raggiungere questo scopo dobbiamo usare il curvilineo.

Dividere il rettangolo

Esistono altri modi per tracciare curve, iperboli e parabole. In questa guida abbiamo preso in considerazione un metodo in cui il compasso è lo strumento fondamentale per ottenere i punti che costituiscono le basi dell'ellisse.

Sicuramente con la pratica acquistiamo dimestichezza nell'uso di tutti gli strumenti che sono utili per ottenere un ottimo disegno tecnico.

Volendo, per realizzare un'ellisse è possibile disegnare un semplice rettangolo con un righello e una matita. La lunghezza e la larghezza del rettangolo devono essere uguali all'altezza e alla larghezza dell'ellisse.

Dividiamo il rettangolo in quattro parti uguali con due linee intersecanti. Prendiamo il compasso e disegniamo un cerchio che attraversi la lunga linea mediana.

Per disegnare un tale cerchio è necessario installare la bussola, o meglio il suo nucleo, al centro di uno dei lati del suo rettangolo. Il raggio del cerchio sarà impostato dalla lunghezza del lato del rettangolo e sarà quindi diviso a metà.

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Altri contenuti di geometria