Come calcolare la velocità avendo l'accelerazione

Di Redazione Studenti.

Fisica, come si calcola la velocità conoscendo l’accelerazione: la formula e il procedimento spiegato passo passo per trovare correttamente questa misura

Come calcolare la velocità avendo l'accelerazione: introduzione

Come calcolare la velocità avendo l'accelerazione
Come calcolare la velocità avendo l'accelerazione — Fonte: getty-images

Se stiamo studiando alcune particolari materie scientifiche, come la matematica o la fisica, potrebbe capitarci di avere difficoltà nella comprensione di alcuni argomenti e per riuscire a risolvere questo problema potremo sfruttare internet. Sul web, infatti, potremo trovare tutto quello di cui abbiamo bisogno all'interno di moltissime guide che ci spiegheranno, con termini molto semplici, tutti gli argomenti che non siamo riusciti a comprendere alla perfezione. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire a calcolare correttamente la velocità avendo l'accelerazione.

Occorrente

  • Libro di fisica
  • Calcolatrice scientifica
  • Matita o penna
  • Foglio a quadretti

Determinare la distanza

L'accelerazione è la variazione di velocità di un oggetto in movimento. Viene calcolata utilizzando l'equazione: accelerazione = cambio di velocità ÷ tempo impiegato.

I grafici della velocità illustrano come la velocità di un oggetto cambia nel tempo. Maggiore è la pendenza della linea, maggiore è l'accelerazione. La velocità è la velocità in una particolare direzione. Un oggetto accelera se la sua velocità cambia.

Nel linguaggio corrente usiamo "accelerare" per significare accelerare e "decelerare" per significare rallentare. In termini scientifici, l'accelerazione positiva significa un aumento della velocità e un'accelerazione negativa significa una diminuzione della velocità.

Per calcolare la velocità di un'automobile è generalmente possibile utilizzare il tachimetro presente in ogni vettura, ma il problema sorge se si verificano situazioni in cui bisogna calcolare la velocità di qualcosa di diverso che non sia una macchina che percorre una strada. Risolvendo una semplice equazione matematica è possibile ricavare questo dato. La prima cosa da fare è la determinazione della distanza che l'oggetto ha coperto.

Calcolare il tempo

Facciamo un esempio in cui si presuppone che l'oggetto abbia impiegato 12 secondi per coprire l'intero percorso. A questo punto bisogna calcolare il tempo che l'oggetto ha impiegato per raggiungere il primo punto.

Prendendo in esame i 12 secondi di riferimento ipotizziamo che l'intero percorso è lungo 100 metri. È importante avere dei dati esatti in quanto delle cifre inesatte, sia per la distanza che per il tempo, rendono approssimativo il calcolo della velocità finale.

Per fare ciò bisogna dividere il numero che indica la distanza per la quantità di tempo necessario per arrivare ad un punto stabilito. Per semplificare il procedimento impostiamo la seguente formula: velocità = distanza / tempo, cioè V = d / t.

Risolvere l'equazione

Con il suddetto esempio si ha: V = 100 / 12 secondi; risolvendo l'equazione troviamo la velocità che è di circa 8,33 metri al secondo. È bene tener presente che a volte è necessario convertire alcune unità per ottenere il calcolo esatto.

Nel caso si siano percorse poche centinaia di metri e si vuole essere a conoscenza di quanti chilometri all'ora si è viaggiato è necessario convertire i metri in chilometri ed i secondi in ore. In questo caso 8,33 metri al secondo equivalgono a 0,008 chilometri ogni 0,000278 ore; quindi la velocità è di 28 Km all'ora, in quanto 0,008/0,000278 è uguale a 28. Maggiore è il gradiente della linea (più è ripido) maggiore è l'accelerazione.

In un grafico della velocità: una linea orizzontale significa una velocità costante, una linea diritta con un gradiente positivo significa un'accelerazione positiva costante (accelerazione). Una linea diritta con un gradiente negativo indica un'accelerazione negativa costante (rallentamento).

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili: