Come calcolare la corrente di cortocircuito

Di Redazione Studenti.

Come si calcola la corrente di cortocircuito: definizione, formule, teoria e modalità di calcolo di corto circuito in elettrotecnica

Introduzione

Come calcolare la corrente di cortocircuito
Come calcolare la corrente di cortocircuito — Fonte: getty-images

L'elettrotecnica è indubbiamente una delle materie più ostiche e complicate in generale, la cui principale difficoltà è dovuta soprattutto al fatto che ogni singolo concetto è strettamente collegato ad altri. Questa materia viene studiata negli istituti tecnici industriali, in particolare nelle specializzazioni di elettronica e appunto di elettrotecnica.

Uno degli argomenti di maggiore importanza che caratterizza questa disciplina è sicuramente il calcolo della corrente, che può variare a seconda del tipo di circuito in cui essa circola. Nella seguente guida vedremo in particolare come calcolare la corrente di cortocircuito.

Valore

La conoscenza della corrente di cortocircuito è molto utile per stabilire il punto di installazione dei dispositivi protettivi (d. P. ) ed il valore dell'impulso termico e delle forze termodinamiche agenti sulle condutture (con. Re). Affinché sia possibile coordinare la protezione con le "con. Re", dovrete assolutamente conoscere sia il valore massimo della "c. C. " subito a valle del "d. P. " sia quello minimo che si ha nel punto maggiormente distante dal "d. P. " medesimo.

Risultati

I risultati della corrente di cortocircuito che potrete ottenere sono dipendenti dalla tipologia di danneggiamento che è possibile trovare all'interno dell'impianto elettrico. Specificatamente, il guasto di tipo: "F - N" è l'utilizzazione monofase; "F - F" e "3 - F" è la trifase senza neutro; "F - N", "F - F" e "3 F" è l'utilizzazione trifase con neutro.

Calcoli

Negli impianti elettrici che possiedono una bassa tensione, la massima corrente di cortocircuito simmetrica a valle del trasformatore si calcola nella seguente modalità: "An / (1,73 * V)", dove "An" è la potenza nominale e "V" rappresenta la tensione nominale.

Soluzione

Pertanto, la "c. C. " simmetrica (Icc) sarà pari al prodotto tra 100 e il rapporto tra la corrente di cortocircuito del trasformatore e la tensione nominale percentuale della macchina elettrica stabile stessa. Queste formule relative al calcolo corretto della "c.

C. " non sono ovviamente le uniche esistenti.

Definizione

Precisamente, la "c. C. " può essere definita come quella corrente circolante all'interno del circuito, quando vi si collegano due capi privi della resistenza. Nelle prime fasi in cui si verifica il cortocircuito, la corrente elettrica non risulta simmetrica bensì sarà unidirezionale, ovvero circolerà sempre verso un'unica direzione.

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Altri contenuti sulla corrente elettrica