Come calcolare il numero di moli in un composto

Di Redazione Studenti.

Come si calcola il numero di moli di un elemento in un composto? La guida di chimica con la definizione di mole, calcolo, formula e la costante di Avogadro

Il calcolo del numero di moli in un composto: introduzione

Come calcolare il numero di moli in un composto
Come calcolare il numero di moli in un composto — Fonte: getty-images

La mole è una delle sette unità di misura fondamentali del Sistema Internazionale, simbolo "mol". Viene usata in chimica per esprimere la quantità di sostanza in un composto. La mole è standardizzata come la quantità di sostanza di un sistema che include un numero di entità (atomi, molecole, ioni, elettroni) pari al numero di atomi presenti in 12 g di carbonio-12.

Per chi volesse un po' chiarirsi le idee in materia, eccovi una lucida e chiara spiegazione su come calcolare il numero di moli in un composto.

Occorrente

Conoscere la massa molare della sostanza

Una mole di un qualsiasi composto contiene esattamente 6.022 x 10²³ unità chimiche, tra atomi e molecole. Questa cifra è nota come "Costante di Avogadro".

Una mole dunque è un numero particolarmente elevato ed è comunemente usato in chimica per descrivere il numero di molecole di un composto. Tale unità svolge un ruolo fondamentale in tutti i calcoli di stechiometria delle reazioni chimiche. Ricordate che la costante di Avogadro e la mole sono sempre correlate tra loro.

Per scoprire il numero di moli, è necessario conoscere la massa molare della sostanza, ma per arrivare a ciò, bisognerà sapere la quantità e il peso del composto. Si tratta di informazioni essenziali di cui si ha bisogno per calcolare l'esatto numero di mole di in composto.

Individuare ogni elemento sulla tavola periodica

Queste informazioni di solito vengono fornite in un problema, per esempio il problema potrebbe affermare che il composto pesa 146,1 grammi e che si tratta di cloruro di sodio (NaCl).

Bisognerà quindi individuare ogni elemento del composto sulla tavola periodica per trovare il suo peso molecolare. Per fare questo, cercate prima di tutto il simbolo corrispondente all'elemento. Facendo riferimento all'esempio, si cerca il sodio (Na) nella tavola periodica per scoprire che il suo peso molecolare è 22,99. La massa molecolare del cloruro (Cl) è invece 35,45. Per ottenere la massa molare, bisognerà aggiungere i pesi molecolari.

Per un composto semplice come il cloruro di sodio basterà addizionare 22,99 e 35,45 per ottenere 58,44 che è, appunto, il peso molecolare dell'intero composto.

Una volta eseguito il calcolo della massa molecolare, dividerete tale numero (58,44) per il peso del composto ovvero 146,1 grammi. Otterrete così il numero di moli complessivo ovvero: 2,5 mol.

Dividere la massa molecolare per il peso

Sarà bene ricordarsi che, se si dispone di un composto con più di un atomo per ogni elemento, sarà necessario eseguire il calcolo nella proporzione adeguata.

Ad esempio, se si vuole calcolare il peso molecolare del cloruro di calcio (CaCl2), si dovrà addizionare il peso molecolare del calcio (40,08) e due molecole di cloruro (35,45). A questo punto, dovrete dividere la massa molare che è stata calcolata (110,98) per il peso, ovvero per il numero di grammi del composto, solitamente espresso all'interno del problema. Così facendo otterrete il numero di moli del cloruro di sodio.

Consigli

Non dimenticare mai:

  • Approfondite l'argomento con le tavole periodiche e con manuali di chimica e di fisica.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: