Come aumentare la tua media universitaria

Di Redazione Studenti.

Come alzare la media all'università: la guida con consigli e trucchi per provare a migliorare la media degli esami universitari

Introduzione

Come aumentare la media universitaria
Come aumentare la media universitaria — Fonte: getty-images

L'università affonda le proprie radici nel medioevo, epoca in cui gli studi accademici si seguivano presso i conventi. Attualmente esistono numerosi atenei sparsi in tutto il mondo. I corsi di laurea sono molti e riguardano diversi ambiti, dal settore umanistico a quello scientifico.

Durante l'intera carriera universitaria, i voti ottenuti agli esami sono davvero molto importanti. La media incide sul voto finale assegnato per la tesi, dunque bisogna impegnarsi costantemente nello studio.

Hai sostenuto degli esami ma i voti sono poco soddisfacenti? Niente paura, un sistema per aumentare la tua media universitaria c'è. Vediamo come si può riuscire a migliorare grazie all'aiuto della seguente guida.

Calcolare la media dei voti ottenuti per capire a che livello ci si trova

Se intendi migliorare la tua media universitaria, devi innanzitutto fare alcuni calcoli. Tieni in considerazione gli esami che hai sostenuto finora e fai una somma di tutti i voti.

Per conoscere la tua media aggiornata all'ultimo esame superato, dividi il totale per il numero di esami sostenuti. A questo punto avrai una media indicativa sulla quale si baserà la commissione per giudicare la tua tesi di laurea.

Se dopo aver dato i primi esami ti accorgi che la media è un po' troppo bassa, puoi ancora correre ai ripari. Basterà ottenere dei voti che vadano dal 27 al 30 e potrai sicuramente riprenderti.

Se hai superato un paio di esami con un voto non troppo alto, non disperare. Non saranno di certo uno o due esami a rovinare la tua media. L'importante è che tali voti non si ripetano con frequenza. Ad ogni modo, in base al livello in cui ti trovi potrai decidere in che modo migliorare nella preparazione dei prossimi esami.

Evitare di rifiutare troppe volte i voti

Quando si avvia una carriera accademica, bisogna avere ben chiaro il livello in cui si vuole stare. Se hai sostenuto soltanto un paio di esami, puoi darti subito da fare per aumentare la tua media universitaria.

Cerca di prefissarti un obiettivo al di sotto del quale non devi assolutamente arrivare. Se punti in alto, i tuoi voti non dovranno essere inferiori al 28. Se invece preferisci restare ad un livello medio, puoi accontentarti di valutazioni più basse, dal 24 al 27.

C'è però da dire che un voto si può benissimo rifiutare, se non ti soddisfa prova a presentarti nuovamente all'esame ma cerca di non rifiutare i voti degli esami più difficili.

Se sai che più di tanto non potevi fare, tieniti la prima valutazione. Rifare l'esame in questo caso potrebbe rivelarsi deleterio. Rischieresti, infatti, di portare a casa un voto più basso o identico al precedente. Qualora ti ritrovassi voti bassi che vanno dal 18 al 23, allora puoi anche rifiutarli. Tieni però conto della difficoltà dell'esame e delle tue capacità.

Prepara al meglio gli esami

Se hai intenzione di aumentare la tua media universitaria, il modo migliore per riuscirci è studiare bene. Cerca di preparare al meglio tutti gli esami, in modo tale da aggiudicarti la valutazione massima, magari con lode.

Probabilmente non ti capiterà sempre di ottenere il voto più alto, ma sicuramente ti salverai dal temibile 18, o comunque da voti appartenenti ad una fascia medio-bassa. Approfondisci più che puoi gli argomenti e fai del tuo meglio.

Quando ti presenterai dinanzi al docente dovrai assolutamente dare il massimo. L'importante è arrivare preparati agli esami. Questo serve a prendere voti abbastanza alti come premio per l'impegno. Se non sei particolarmente abile in una determinata materia, chiedi spiegazioni aggiuntive al docente.

Se il tuo esame non sarà brillante, l'insegnante cercherà di valutare il tuo impegno e la tua voglia di migliorare.

Altri contenuti sui voti all'università e metodi di studio

Ascolta il podcast su come evitare il vuoto di memoria

Ascolta su Spreaker.