Città universitarie in Emilia Romagna: Ferrara, Parma e Piacenza

Studiare in Emilia Romagna vuol dire farsi accogliere da città universitarie dalla ricca tradizione accademica. Ecco alcune delle migliori

Città universitarie in Emilia Romagna: Ferrara, Parma e Piacenza
getty-images

Città universitarie in Emilia Romagna: Ferrara, Parma e Piacenza

Città universitarie in Emilia Romagna
Fonte: getty-images

Regione italiana leader per competitività a livello europeo, l’Emilia Romagna accoglie ogni anno migliaia di giovani studenti universitari conquistati dalla ricca offerta formativa delle sue prestigiose università. Bologna, Modena, Reggio Emilia, Ferrara, Parma, Piacenza sono i fiori all’occhiello di una regione che ha saputo coniugare la sua storia gloriosa con una crescita e un’evoluzione costanti, arrivando a conquistare il primato italiano dell’Innovation Index per la sua forte innovazione in ogni settore.

E le città universitarie in Emilia Romagna seguono questa crescita offrendo piani formati, servizi e risorse che le hanno rese protagoniste della QS World University Rankings, la classifica mondiale delle università. In questo articolo ci focalizzeremo, in particolare, su tre delle principali città universitarie in Emilia Romagna: Ferrara, Parma e Piacenza. Che offerta formativa propongono? Quali sono i servizi offerti agli studenti e i maggiori punti di forza? Scopriamolo subito!

 

Studiare in Emilia Romagna

Studiare in Emilia Romagna non vuol dire soltanto immergersi in un contesto culturale e sociale decisamente stimolante e ricco di storia, ma entrare a far parte di un sistema universitario dalle radici antichissime. Alma Mater Studiorum di Bologna, Unimore Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, Università degli studi di Ferrara e Università degli Studi di Parma, sono solo alcuni degli atenei presenti sul territorio e sono tra i più antichi al mondo.

La qualità dei piani formativi e dei servizi offerti da questi atenei sono riconosciuti a livello internazionale e sono strutturati all’interno di un sistema che promuove l’eccellenza accademica con un approccio unico dove tradizione innovazione si fondono perfettamente. Tra le città universitarie di questo territorio glorioso, oltre a Bologna, Reggio Emilia e Modena, spiccano anche Ferrara, Parma e Piacenza. Andiamo a scoprire le loro peculiarità.

Studiare a Ferrara

Con ben 13 dipartimenti all’attivo e facoltà che vanno da Architettura a Giurisprudenza, da Ingegneria a Studi Umanistici e non solo, l’Università degli studi di Ferrara rappresenta uno dei simboli di questa città che ogni anno ospita centinaia di studenti da ogni parte d’Italia e del mondo. Fondato nel lontano 1391 è uno degli atenei più antichi a livello internazionale e il suo prestigio è arricchito dalla sua offerta formativa di altissimo livello.

Città d’arte e d’ antichissima tradizione culinaria, Ferrara con i suoi 128 960 abitanti è una città a misura d’uomo e grazie a i suoi servizi di trasporto urbani ed extraurbani è davvero semplice da girare. Ma come ben sappiamo, è uno il mezzo di trasporto principe di questa città: la bicicletta, l’alleata perfetta per muoversi per le vie del centro e raggiungere l’università e i locali ferraresi in maniera semplice, smart e green.

Biblioteche dove studiare a Ferrara

Amate studiare in biblioteca e consultare testi? Sappiate che l’Università degli studi di Ferrara comprende varie biblioteche d'ateneo come ad esempio la biblioteca di architettura e la biblioteca del dipartimento di matematica e informatica.

Ma non solo. Nella città sono infatti presenti altre biblioteche comunali in cui poter preparare gli esami di profitto e prendere in prestito i libri di cui si ha bisogno.

Mense e punti ristoro a Ferrara

E per quanto riguarda la pausa pranzo? L'Università degli Studi di Ferrara conta su alcune mense, ovvero quella al Polo Scientifico Tecnologico di via Saragat, 2 e quella in corso Giovecca, 154. Per usufruire del servizio occorre fare domanda all'ER.GO, l'Azienda regionale per il Diritto agli Studi Superiori dell'Emilia Romagna.

Ci sono anche diversi locali convenzionati e, in più, gli studenti possono sottoscrivere gratuitamente la YoungERcard per ottenere sconti in altre strutture di ristorazione in città.

Alloggi universitari a Ferrara

L'ER.GO mette a disposizione degli alloggi con l'apposito bando di concorso, con sistemazioni all'interno delle residenze Santa Lucia (via Ludovico Ariosto 35), San Matteo e Santo Spirito (vicolo Santo Spirito 18) e Guido D'Arezzo (via Guido D'Arezzo 2). Nonostante questo,  stanze, appartamenti in affitto e soluzioni di student housing sono tra gli alloggi più richiesti dagli studenti in procinto di iscriversi all’università di Ferrara.

Anche in questo caso l'università non lascia soli gli studenti, fornendo una panoramica in materia di locazioni sul proprio sito ufficiale, attraverso una guida affitti decisamente utile.

Cosa fare e come muoversi a Ferrara

Ferrara è una città sicuramente ricca di attrattive, in particolare dal punto di vista storico e museale: il Museo Archeologico Nazionale, Palazzo dei Diamanti e la Pinacoteca Nazionale, sono alcuni dei celebri musei della città visitati ogni anno da migliaia di turisti e anche dai cittadini di Ferrara. Inoltre l’università stessa è sede di vari musei come l’interessantissimo Museo anatomico "G. Tumiati".

Naturalmente esistono diversi luoghi dove andare a ballare o a bere con gli amici e con la tessera universitaria alcune strutture e alcuni cinema applicano degli sconti. Riguardo ai trasporti, la città è collegata grazie ai servizi pubblici di Tper e l'UniFe fornisce anno dopo anno anche informazioni su convenzioni e agevolazioni.  

Ascolta il podcast sull'orientamento universitario

Ascolta su Spreaker.

Studiare a Parma

Capitale delle cultura nel 2020, la città di Parma non ha certo bisogno di presentazioni. Eccellenza italiana in materia di cibo, musica e teatro, Parma è una delle città universitarie più antiche e amate del nostro Paese. Qui è nata nel 962 la scuola superiore di diritto divenuta poi nel 1412 Università degli studi di Parma, tra le università statali più prestigiose di sempre. Nove sono i dipartimenti di questo ateneo, divisi in quattro poli principali.

Questi quattro poli sono tutti compresi all’interno di quello che è un vero e proprio campus universitario, uno dei pochi in Italia e uno dei più attrattivi. Lo scorso anno il Ministero dell’Università e della Ricerca ha redatto una classifica di 180 dipartimenti d’eccellenza delle università italiane e Parma con i suoi dipartimenti di Scienze degli Alimenti e del Farmaco, Giurisprudenza, Studi Politici e Internazionali e di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale, è entrata a pieno titolo in classifica.

Biblioteche dove studiare a Parma

L'università parmense ha il proprio Sistema Bibliotecario D'Ateneo, che si articola in ben undici poli presso i quali è possibile consultare chiedere in prestito libri ma anche leggere riviste specializzate.

Ogni biblioteca ha inoltre un referente e uno staff cui rivolgersi per accedere a tutte le risorse. Le biblioteche di dipartimento sono:

A parte le biblioteche di ateneo, una città così ricca di cultura come Parma non può che offrire un servizio bibliotecario altrettanto ricco: gli universitaria possono studiare alla Biblioteca Civica Mario Colombi Guidotti in via Santa Maria, 5, alla Biblioteca Cesare Pavese in via Isacco Newton, 8/A e alla Biblioteca Guanda e Biblioteca Internazionale "Ilaria Alpi" in vicolo delle Asse, 5.

Mense e punti ristoro a Parma

L' Università di Parma, così come le maggiori università della regione, si affida all’Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori per il suo servizio mensa, di cui possono usufruire tutti gli studenti iscritti ai vari corsi di studio dell’ateneo.

Alloggi universitari a Parma

A Parma le residenze universitarie sono sempre gestite da ER.GO e sono in tutto 6 per circa 600 posti. Per accedervi occorre fare richiesta sul sito partecipando all'apposito bando. A parte queste strutture, le residenze per studenti, le stanze e gli appartamenti privati sono tra le soluzioni più indicate per gli iscritti fuori sede.

Ma c’è di più, perché a pochi passi dal campus ci sono le Residenze Camplus, due strutture ideate per offrire agli studenti un’esperienza universitaria ancora più stimolante.

Cosa fare e come muoversi a Parma

Parma è ricca di punti d'incontro, d'aggregazione e di spunti culturali. Nel caso dei musei vi è solo l’imbarazzo della scelta e il legame tra arte e università è talmente stretto che l'Università degli studi di Parma ha anche creato un circuito per garantire l'accesso gratuito.

La movida si concentra nella zona di via D'Azeglio, dove si trovano locali per tutte le fasce di prezzo. Riguardo ai trasporti sono gestiti da TEP  e muoversi in autobus è facilissimo, oltre che conveniente perché l'UniPR collabora per agevolazioni con diverse società di trasporti.

Studiare a Piacenza

Ed eccoci arrivati a Piacenza che con la sua posizione strategica e la sua atmosfera accogliente è una delle città universitarie più apprezzate dell’Emilia Romagna. La sua vicinanza con Milano e i suoi ottimi servizi di trasporto urbano, le hanno permesso di diventare una sede distaccata dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, con il campus di Piacenza e Cremona.

Un campus che propone corsi triennali e magistrali in Economia, Giurisprudenza, Scienze Agrarie e Alimentari, Scienze della Formazione e che è strutturato su misura dello studente.

Biblioteche dove studiare a Piacenza

Tante sono le biblioteche pubbliche in cui gli studenti possono recarsi quotidianamente per consultare testi, prendere libri in prestito e studiare in ambienti accoglienti che conciliano la concentrazione.

Tra le più frequentate spicca ovviamente la biblioteca universitaria di Piacenza, nata nel 1953 proprio in uno dei dipartimenti d’ateneo e che oggi dà la possibilità di fruire di un patrimonio di oltre i 153.000 volumi.

Mense e punti ristoro a Piacenza

E per quanto riguarda il servizio mensa? L’università mette a disposizione diversi spazi denominati “food area” dove gli studenti possono consumare i cibi portati da casa e scaldarli al microonde.

Non solo, mediante l’ente EDUCatt possono usufruire anche di sale ristorazione e linee self service direttamente all’interno del campus.

 

Alloggi universitari a Piacenza

Stanze e residenze per studenti sono presenti in tutto il territorio, con un occhio particolare anche ai collegi, che a Piacenza rappresentano da anni una realtà più che consolidata. Chi studia al POLIMI può optare per diverse sistemazioni, compresi i posti alloggio all'interno del Campus.

Cosa fare e come muoversi a Piacenza

Mostre d’arte e percorsi culturali sono all’ordine del giorno a Piacenza e vengono ospitati dai maggiori musei della città come Kronos Museo della Cattedrale, Musei Di Palazzo Farnese e Il Museo di Storia Naturale, tra i più apprezzati e visitati. I trasporti pubblici sono gestiti da SETA e gli iscritti all'Università Cattolica del Sacro Cuore possono usufruire di alcune agevolazioni.

Leggi altri contenuti sulle Città Universitarie

Ecco per voi altri articoli utili relativi alle città universitarie della Calabria e delle altre regioni d'Italia. Troverete tante informazioni utili, che vi aiuteranno a fare una scelta ponderata e iniziare gli studi universitari nel migliore dei modi.

Un consiglio in più