Che differenza c'è tra utopia, distopia e ucronia? Spiegazione facile ed esempi

Di Elisa Chiarlitti.

Conosci la differenza tra utopia, distopia e ucronia? Se la risposta è no, guarda la veloce spiegazione con degli esempi in questo breve video di Emanuele Bosi

UTOPIA, DISTOPIA E UCRONIA

Utopia, distopia e ucronia sono tre parole che ci aiutano a descrivere dei mondi immaginari, ma con delle grandi differenze. Scopriamo quali!

L’utopia indica un assetto sociale-politico-religioso che non esiste nella realtà, ma che viene posto come modello.

Lo stato ideale di Platone o un mondo senza guerre sono utopie: modelli di società auspicabili ma praticamente impossibile da realizzare.

Una distopia è l’esatto contrario dell’utopia, cioè la rappresentazione di uno stato di cose futuro con cui si prefigurano situazioni, assetti politico-sociali e tecnologici altamente negativi.

Se l’utopia tende ad amplificare ciò che già c’è di buono nella nostra società (rispetto reciproco, scienza, natura…), la distopia si pone in aperta polemica con le cattive tendenze del presente (autoritarismi, pandemie, guerre…).

L’ucronia non rappresenta un modello negativo o positivo, ma descrive un mondo alternativo dove la storia ha seguito un corso diverso da quello reale.

Una distopia scritta tanto tempo fa e ambientata nel nostro passato non è oggi un’ucronia.

@studenti.it

GUARDA LE ALTRE MINI LEZIONI DI ITALIANO