Paul Cézanne: riassunto della vita, le caratteristiche e le opere più importanti del pittore francese post-impressionista

PAUL CÉZANNE: RIASSUNTO DELLA VITA

Paul Cézanne
Paul Cézanne — Fonte: getty-images

Paul Cézanne nasce nel 1839 ad Aix-en-Provence, in Provenza, ed è qui che si forma: frequenta prima la scuola Saint-Joseph e poi il collegio Bourbon dove conosce Emile Zola; i due diventeranno amici inseparabili. Nel 1861 - incoraggiato da Zola - si trasferisce a Parigi e qui frequenta l’Academie Suisse dove stringe amicizia con Camille Pissarro, Manet e Monet.

Deluso dalla sua pittura e dalle sue capacità, Cezanne torna ad Aix-en-Provence per lavorare con il padre che però dopo poco, notata l’insofferenza del figlio, decide di dargli una seconda possibilità e di rispedirlo a Parigi, anche con un assegno mensile affinché potesse mantenersi. Il suo rapporto con Parigi però è tormentato e finisce per preferire la tranquillità della campagna. Intanto le sue opere vengono rifiutate dal Salon.

PAUL CÉZANNE: OPERE

Nei primi anni '70 inizia la sua fase analitica in cui dipinge:

  • nature morte (Natura morta con tenda e brocca a fiori);
  • ritratti
  • paesaggi molto simili al reale (Casa dell’impiccato);
  • le sue persone diventano insiemi di solidi (Giocatori di carte).
La casa dell'impiccato di Paul Cézanne, 1873
La casa dell'impiccato di Paul Cézanne, 1873 — Fonte: getty-images

CÉZANNE, LA CASA DELL'IMPICCATO

Nello stile dei primi tempi troviamo realismo e influenze romantiche del mondo fantastico. Un dipinto di questa fase è La casa dell’impiccato con il quale viene accettato - finalmente - sebbene a fatica al Salon. In questo periodo le caratteristiche della sua pittura sono:

  • toni chiari e naturali;
  • molte passate di colore come se volesse scolpire l’erba e i tetti e dare un effetto tridimensionale;
  • il paesaggio è muto, non ci sono persone, punti di riferimento geografici che ci fanno capire dove ci troviamo; le case sembrano finte;
  • i piani sono definiti con i contrasti di luce e di colore.

NATURA MORTA CON TENDA E BROCCA A FIORI

Natura morta con tenda e brocca a fiori di Paul Cézanne, 1895-1898. Olio su tela, 92,7 x 68,6 cm
Natura morta con tenda e brocca a fiori di Paul Cézanne, 1895-1898. Olio su tela, 92,7 x 68,6 cm — Fonte: getty-images

Un esempio di natura morta di questa fase è Natura morta con tenda e brocca a fiori. Quest’opera fa parte di una serie di dipinti, in cui ritornano sempre gli stessi elementi fissi:

- lo sfondo è diviso in due parti dalla tenda fiorata e dal muro nero;
- la natura morta è in primo piano sopra un tavolo in legno in evidenza e posizionata in un sistema piramidale;
- il tovagliolo bianco a destra non è incompiuto;
- deforma la prospettiva classica inclinando il tavolo e il piatto centrale verso lo spettatore;
- la frutta è resa come dei globi perché all’artista interessa rendere l’idea della mela, dell’arancia…
- prima costruisce la solidità dell’immagine - cioè i volumi - poi i particolari.

I giocatori di carte di Paul Cézanne, 1890–1892. Olio su tela, 65,4 x 81,9 cm.
I giocatori di carte di Paul Cézanne, 1890–1892. Olio su tela, 65,4 x 81,9 cm. — Fonte: getty-images

I GIOCATORI DI CARTE

Nel dipinto i Giocatori di Carte:

- Cézanne è a cavallo tra la fase analitica e quella sintetica;
- rende le figure umane come delle forme geometriche;
- cerca di creare una pittura impressionista;
- è un esempio di come Cézanne rende la figura umana come un insieme di forme geometriche;
- la bottiglia sembra il fulcro del dipinto, in realtà è spostata più verso sinistra;
- il tema è già stato trattato da Courbet nel Dopopranzo a Ornans e da Van Gogh nei Mangiatori di patate;
- le pieghe della tovaglia hanno forme geometriche.

La montagna di Sainte Victoire di Paul Cèzanne, 1902
La montagna di Sainte Victoire di Paul Cèzanne, 1902 — Fonte: getty-images

LA MONTAGNA DI SAINTE VICTOIRE

Inizia una fase sintetica in cui: si avvicina molto all’impressionismo e il tema diventa meno importante e aumentano le pennellate.

Un esempio è La montagna di Sainte Victoire:
- vedeva questa montagna fuori dalla sua finestra, è un soggetto strano e si vede in lontananza;
- impiega pennellate geometriche;
- usa pennellate verdi nel cielo perché la campagna si riflette nel cielo;
- non vuole più fare i conti con l’oggettività della visione ma le spezzetta in diverse forme geometriche come nel cubismo;
- usa il colore in modo libero per far mostrare ciò che lui immagina e non ciò che l’occhio vede.

Le grandi bagnanti di Paul Cézanne
Le grandi bagnanti di Paul Cézanne — Fonte: getty-images

CÉZANNE E LE GRANDI BAGNANTI

Si tratta di una serie di dipinti con lo stesso soggetto. Cézanne in questo dipinto vuole confrontarsi con il “nudo accademico” e, a tal fine, riprende gli studi su Leonardo quando frequentava l’Academy Suisse.

Rispetto alla composizione di Renoir, nel quadro di Cézanne ci sono più donne e la composizione si allarga verticalmente verso l’alto, coprendo molto spazio di cielo.

Quattordici figure nude sono riunite sulla riva sabbiosa che costituisce la parte inferiore del quadro. Alcune donne sono solo abbozzate, le tre figure centrali formano una struttura piramidale sulla quale è articolata tutta la figura. Al centro di queste figure c’è un elemento appena accennato.

Lo spazio pittorico va oltre il quadro, nell’acqua notiamo un'altra donna che nuota appena accennata. Al di là del fiume due bagnanti guardano quelle in primo piano e tutte le donne sono formate da forme pure.

STILE DI CÉZANNE

Cézanne si può definire un pittore post-impressionista, alla continua ricerca dell’essenza. Se nei primi tempi si nota in lui un’influenza romantica con riferimenti al mondo fantastico, con il tempo i toni della tavolozza diventano più luminosi.

A differenza degli impressionisti, Cézanne non vuole rappresentare l’idea personale bensì la realtà immutabile intorno a lui. Nei suoi quadri è chiara l’influenza dei classici.

Nel 1909 il Salon d’Automne gli dedica una sala espositiva che lo consacra tra gli interpreti più rappresentativi della pittura moderna. La sua pittura, infatti, pone le basi del cubismo e influenzerà profondamente l’opera sia di Picasso che di Modigliani.