Carme 93 di Catullo: testo, traduzione, commento

Di Redazione Studenti.

Carme 93 di Catullo, il carme del disinteresse per Cesare. Di cosa parla, come si traduce, cosa significa. testo, traduzione e commento

CARME 93 CATULLO

Giulio Cesare è il protagonista del Carme 93 di Catullo
Giulio Cesare è il protagonista del Carme 93 di Catullo — Fonte: getty-images

Questo è uno dei carmina scritti da Catullo nei confronti di Giulio Cesare, l’uomo politico più importante nel periodo dei neoterici, che pure non riuscì, o non volle, condizionare la libertà dei poeti. In questi versi notiamo l'ostilità di Catullo verso Cesare. È un bigliettino di risposta ad un tentativo di Cesare di riconciliazione.

Per rendere al meglio il senso di ciò che voleva intendere, Catullo si basa su un proverbio: a Roma, per indicare una persona che non si conosceva o una persona alla quale si era indifferenti si usava esattamente l’espressione che usa il poeta nel verso 2.

CARME 93 CATULLO: TESTO E TRADUZIONE

Nil nimium studio, Caesar, tibi velle placere
nec scire utrum sis albus an ater homo.

Traduzione:

Non mi preoccupo troppo, o Cesare, di volerti piacere
né di sapere se tu sia bianco o nero.

Leggi anche:

  • Carme 101 di Catullo
    Catullo, Carme 101: spiegazione, traduzione, scansione metrica e figure retoriche del carme che parla della morte del fratello del poeta
  • Confronto tra Catullo e Saffo
    Catullo e Saffo a confronto: quali sono le caratteristiche dei due autori, differenze e punti in comune tra il poeta romano e la poetessa greca