I nostri speciali Promessi sposi

Capitolo 8 de I promessi sposi di Alessandro Manzoni: analisi

Di Redazione Studenti.

Analisi del capitolo 8 de I promessi sposi di Alessandro Manzoni: lessico e figure retoriche presenti nel testo. Focus sul glossario

CAPITOLO 8 PROMESSI SPOSI

Il capitolo 8 dei Promessi sposi di Alessandro Manzoni segue direttamente gli eventi avvenuti nel capitolo precedente, che si chiude col matrimonio a sorpresa di Renzo e Lucia.

Per avere un'idea più precisa dei fatti, puoi scaricare qui la mappa concettuale del capitolo, dove troverai non solo il riassunto dettagliato degli eventi narrati, ma anche la descrizione dei personaggi.

Un brevissimo cenno sul tema del capitolo.

Renzo, Lucia e i loro complici vanno a casa di Don Abbondio, e attuano il piano precedentemente studiato. Tutto funziona fino a quando Lucia tenta di pronunciare le parole che servono a rendere valido il matrimonio. Don Abbondio riesce con la forza a bloccarla, e subito dopo chiede aiuto: vengono suonate le campane della chiesa e tutto il paese accorre.

Nel frattempo Renzo, Lucia e Agnese scappano e arrivano al convento di fra Cristoforo, che li fa partire per un paese vicino. Celebre è la scena dell'Addio ai monti di Lucia al momento della partenza.

CAPITOLO 8 PROMESSI SPOSI: LESSICO

Vediamo ora nel dettaglio qualche punto da tenere a mente a proposito del lessico di questo capitolo.

  • Imbasciata - ambasciata.
  • Panegirico - presso gli antichi Greci era un discorso a carattere persuasorio o encomiastico che veniva pronunciato davanti al popolo in occasione di una festa. Presso gli antichi Romani era un elogio, un discorso celebrativo di un personaggio illustre. In epoca moderna è un discorso in onore di un santo. Nel lessico familiare, è un discorso lungo e noioso.
  • Andito - piccolo corridoio che mette in comunicazione le diverse stanze di un appartamento. Bugigattolo.
  • Abituro - abitazione piccola e povera, casupola di campagna.
  • Fenile - radicale monovalente del benzolo e dei suoi derivati.
  • Sanrocchino - piccolo mantello impermeabile che indossavano una volta i pellegrini.
  • Masnadiero - chi apparteneva ad una masnada. Assassino di strada, persona disonesta, di pochi scrupoli, di cui non fidarsi.

Aggettivi

  • Lo spinsero adagino adagino.
  • Sulle spalle un sanrocchino di tela incerata
  • E lo tira in ischiera

CAPITOLO 8 PROMESSI SPOSI, FIGURE RETORICHE

Alcune figure retoriche presenti nel capitolo:

  • Similitudine: "come al dividersi d'una scena, apparvero Renzo e Lucia." Pag.132.
  • Metafora: "e poteva parere una statua abbozzata in creta, sulla quale l'artefice ha gettato un umido panno."
  • Similitudine: "i poltroni, come se si arrendessero alle preghiere, ritornan sotto".
  • Similitudine: "Ci volle tutta la superiorità del Griso a tenerli insieme, tanto che fosse ritirata e non fuga. Come il cane che scorta una mandra di porci, corre or qua or là a quei che si sbandano".
  • Similitudine: "e sarebbe una vergogna per il paese, se ogni birbone potesse a man salva venire a portar via le donne, come il nibbio i pulcini da un'aia deserta."
  • Similitudine: "ville sparse e biancheggianti sul pendìo, come branchi di pecore pascenti".

AUDIOLEZIONE SUI CAPITOLI 7 E 8 DEI PROMESSI SPOSI

Ascolta l'audiolezione sui capitoli 7 e 8 dei Promessi sposi all'interno del nostro podcast sull'opera di Alessandro Manzoni:

Ascolta su Spreaker.

VIDEO LEZIONE SUI CAPITOLI 7 E 8 DEI PROMESSI SPOSI

Se preferisci seguire le immagini, invece, qui trovi la video lezione che riassume i capitoli 7 e 8 dei promessi Sposi.

Qui, infine, il riassunto dettagliato del capitolo 8.