Canto V Purgatorio, Divina Commedia | Video

Di Redazione Studenti.

Canto V Purgatorio, video: spiegazione del canto in cui Dante si raffronta con le anime morte di morte violenta pentite in fin di vita

Canto V Purgatorio, Divina Commedia

Nel quinto canto del Purgatorio della Divina Commedia, Dante e Virgilio si trovano ancora nell'Antipurgatorio e qui incontrano tre anime morte di morte violenta, ma pentite in fin di vita.

Le tre anime di morti di morte violenta che prendono parola all’interno del Canto V, pur essendo caratterizzate da esperienze diverse, sono accomunate dallo stesso destino di salvezza: i drammi individuali sono messi in scena con gesti, desideri e parole simili; la schiera è compatta e corale. Il primo dei tre personaggi morti di morte violenta a prendere parola nel Canto V del Purgatorio è Jacopo del Cassero, esponente di una nota famiglia marchigiana guelfa.

La seconda anima è quella di Bonconte da Montefeltro, figlio di Guido. La terza anima è quella di Pia de’ Tolomei, moglie di Nello di Inghiramo dei Pannocchieschi, podestà di Volterra.  Proprio da lui Pia viene uccisa: secondo qualcuno per infedeltà, secondo altri per il desiderio di Nello di sposare un’altra donna. Pronuncia poche parole, distribuite in sei versi, mantenendo il fascino dell’ignoto e assumendo un tono quasi elegiaco. Se ti ricordi la protagonista del V canto dell’Inferno, Francesca, noterai che entrambe sono morte – probabilmente – per amore. Eppure una è destinata alla salvezza, l’altra alla dannazione eterna.

Guarda il video del 5 canto del Purgatorio