Canto di Natale: riassunto e analisi di A Christmas Carol di Dickens

Di Redazione Studenti.

Canto di Natale: scheda libro, riassunto breve e spiegazione di A Christmas Carol di Charles Dickens. Personaggi e temi da tenere a mente

CANTO DI NATALE

Canto di Natale: riassunto e analisi di A Christmas Carol di Charles Dickens
Canto di Natale: riassunto e analisi di A Christmas Carol di Charles Dickens — Fonte: istock

Il Canto di Natale, in inglese A Christmas Carol, non è solo una delle più famose opere dello scrittore inglese Charles Dickens, o uno dei racconti sul Natale più conosciuti e di maggior successo, ma è anche uno dei punti fissi dei compiti che vengono assegnati per le vacanze di Natale. Non sono pochi gli studenti che si ritrovano a doversi confrontare con questo testo. Alle medie, superiori e persino alle elementari, prima o poi si finisce infatti con l'imbattersi nella storia dell'avaro Scrooge il cui animo arido viene redento, come per miracolo, dalla visita di quattro spaventosi fantasmi durante la notte della Vigilia di Natale. E, per stare in tema con il romanzo, spesso il Canto di Natale viene assegnato agli studenti proprio come compito per le vacanze di Natale.

A CHRISTMAS CAROL RIASSUNTO E ANALISI

Qual è di preciso la storia narrata da Dickens? Quale lo stile utilizzato dall'autore? Quale il suo intento? E, ancora, quali furono gli eventi reali che ispirarono queste vicende? Sapresti descrivere i personaggi principali mettendoli in relazione tra loro?
Queste sono solo alcune delle tante domande che i professori potrebbero porti durante un'interrogazione o a cui vorrebbero che tu rispondessi compilando la tua scheda di lettura.

Ascolta su Spreaker.

Non ti senti pronto? Tranquillo; ci siamo qui noi!

Ecco tutto quello che devi sapere per scrivere il tuo riassunto o scheda libro su Il canto di Natale:

  • Il contesto sociale
    Per capire al meglio Il canto di Natale bisogna tenere in considerazione il contesto sociale in cui l'autore era immerso. Questa favola gotica sul Natale, infatti, risente profondamente delle contraddizioni e dei problemi della società vittoriana, un periodo di grande sviluppo e, allo stesso momento, anche di grande povertà e di profonde ipocrisie.
    In questo periodo, infatti, le apparenze erano sempre e comunque al primo posto. Così, mentre si predicava l'importanza della carità e della beneficenza, dall'altra la piaga dello sfruttamento minorile era un problema all'ordine del giorno.
    Il progresso, la rivoluzione industriale e la conseguente ricchezza da essi derivante mostravano, quindi, forse per la prima così apertamente, il loro volto più distruttivo. 
  • La critica alla società vittoriana
    Partendo da questi presupposti è facile capire come, in effetti, Il Canto di Natale sia una critica alla società vittoriana così come il resto delle opere di Dickens.
    L'apparizione dei tre fantasmi, come vedremo in seguito nel dettaglio, infatti, altro non è che un modo fiabesco e fantastico non solo per fare emergere e denunciare alcune piaghe sociali, ma anche per fare in modo che Dickens possa pronunciare il proprio giudizio su determinate situazioni dotando il racconto di una propria morale.
  • Lo stile del romanzo
    Dickens ne Il Canto di Natale
    mescola sapientemente tre stili ben diversi per dare vita ad un unicum destinato a diventare un vero e proprio classico.
    Pur partendo infatti da una narrazione fortemente basata sull'impianto classico della fiaba, l'autore riesce a dare vita ad una vera e propria parabola dalla densa moralità in cui i tratti gotici, tipici di alcune opere molto di moda all'epoca, in alcuni passaggi lasciano il posto ad uno sguardo più ironico e divertito che troviamo in diversi suoi scritti. 

CANTO DI NATALE, PERSONAGGI E COMMENTO

  • Ebenezer Scrooge.
    Ebenezer Scrooge è un avaro finanziere londinese. Solo al mondo dopo la dipartita del suo socio, manda avanti il proprio studio pensando solo al guadagno e sfruttando biecamente i propri dipendenti, primo tra tutti Bob Cratchit che, invece, con il suo cuore d'oro e la sua famiglia pronta ad accoglierlo la sera, rappresenta la sua antitesi.
    Questi due personaggi sono, infatti, l'uno l'esatto opposto dell'altro: completamente privo di buoni sentimenti il primo, del tutto pervaso dalla bontà il secondo.
    Analizzati in questo senso Scrooge e Cratchit sono dei perfetti personaggi provenienti dal mondo della favola e della fiaba dato che non presentano le sfaccettature che rendono le persone reali mai del tutto ascrivibili alla schiera dei buoni o dei cattivi.
  • I tre fantasmi.
    Dopo la visita dello spettro di Jacob Marley, suo socio e unico suo amico, durante la notte della Vigilia Scrooge verrà tormentato da tre fantasmi:

    Lo Spirito del Natale passato che lo riporterà indietro nel tempo mostrandogli quanto e come si è allontanato dai suoi cari e dall'amore diventando una persona gelida. In questo passaggio l'ansia del personaggio principale è data dal fatto che il passato, per quanto terribile, non può in alcun modo essere modificato
    Lo Spirito del Natale presente, invece, lo illuminerà sulla sua situazione attuale mostrandogli suo nipote Fred in campagnia dei suoi affetti e la terribile situazione della famiglia di Bob Cratchit, povera al punto da non poter comprare le medicine per il piccolo Tim che è malato. In questo passaggio il sentimento prevalente nel protagonista è un senso di smarrimento
    Lo Spirito del Natale futuro, infine, mostrerà a Scrooge la propria morte (ignorata se non festeggiata da tutti) e quella del piccolo Tim, deceduto per mancanza di cure. La sconvolgente disperazione del protagonista pone in questo passaggio le basi per il suo ravvedimento. 

Per completare il riassunto di consigliamo di scrivere un commento personale:

  • Spiega in maniera oggettiva quali sono i passaggi dell'opera che ti sono piaciuti di più argomentando il perché
  • Spiega in maniera oggettiva quali sono i passaggi dell'opera che ti sono piaciuti di meno argomentando il perché
  • Prova a fare alcune considerazioni sul perché questo racconto nonostante il trascorrere del tempo sia comunque e sempre attuale